Franz Kafka (1883-1924)

Informazioni di base:

  • Scomparso nel: 1924
  • Data di nascita: 3 Luglio 1883
  • Professione: Scrittore
  • Luogo di nascita: Praga
  • Nazione: Repubblica Ceca
  • Franz Kafka in Rete:

  • Sito Non Ufficiale: Un sito non ufficiale su Franz Kafka
  • Wikipedia: Franz Kafka su Wikipedia
  • Biografia:

    (estratta da Wikipedia)

    Kafka nel 1906
    Franz Kafka (Praga, 3 luglio 1883 – Kierling, 3 giugno 1924) è stato uno scrittore ceco di lingua tedesca, considerato uno dei maggiori del XX secolo. Fu cittadino dell'Impero Austro-Ungarico fino al 1918 e, successivamente, cecoslovacco.

    Biografia
    Kafka all'età di circa cinque anni
    Statua in bronzo di Franz Kafka, situata a Praga
    Kafka nacque il 3 luglio 1883 in una famiglia ebrea della media borghesia di Praga, capitale della Boemia. Come era comune per la borghesia praghese di allora, la famiglia era di madrelingua tedesca. Suo padre, Hermann Kafka, era un negoziante, aveva un emporio Galanteriewaren a Praga. Sua madre, Julie Löwy, era anche lei di origine ebraica. Hermann Kafka, era il quarto figlio di Jacob Kafka, un macellaio e si trasferì a Praga da Osek, un villaggio ebraico in cui si parlava la lingua ceca, situato vicino a Písek, nella Boemia meridionale. Cominciò a lavorare come rappresentante e quindi aprì un negozio, sulla cui insegna era raffigurata una cornacchia (in ceco kavka). La madre Julie, era la figlia di Jakob Löwy, un ricco birraio di Poděbrady. Di più alto livello culturale rispetto al marito, Julie lavorava in negozio anche dodici ore al giorno e aveva anche poteri decisionali. Oltre ai fratelli Georg e Heinrich, che morirono a sei e quindici mesi, rispettivamente, Franz aveva tre sorelle minori: Elli, Valli e Ottla, deportate dai nazisti e morte nel campo di concentramento di Chełmno nel 1942. Franz Kafka faceva parte di quel 10% degli abitanti di Praga di lingua madre tedesca. Inoltre parlava bene anche il ceco, come del resto i suoi genitori.
    Dal 1889 al 1893, Kafka frequentò la Deutsche Knabenschule in Fleischmarkt a Praga, quindi andò al liceo, lo Staatsgymnasium, dove si diplomò nel 1901.
    Da giovane si interessò ai problemi culturali della sua epoca; si avvicinò al socialismo e al darwinismo. Frequentò prima la facoltà di germanistica e poi di giurisprudenza alla Karlsuniversität di Praga, dove si laureò nel 1906. Cominciò quindi a lavorare come impiegato a Praga delle Assicurazioni Generali di Trieste. Iniziò a scrivere solo nel tempo libero, poiché il padre gli rimproverava la sua passione (il rapporto di Kafka con il padre autoritario è un tema importante nelle sue opere). Nel 1917 si ammalò di tubercolosi, che gli causò frequenti convalescenze.
    La tomba di Franz Kafka e dei suoi parenti nel cimitero ebraico di Žižkov, a Praga
    Nel 1923 si trasferì temporaneamente a Berlino, nella speranza di allontanarsi dall'influenza della famiglia e potersi dedicare allo scrivere. La sua tubercolosi peggiorò; dopo alcuni soggiorni curativi (sui Carpazi e sul Lago di Garda) ritornò a Praga, poi andò a curarsi, grazie alle mediazioni dell'amico Max Brod, nel sanatorio di Kierling presso Vienna dove morì, dopo una dolorosissima agonia (non riusciva più ad aprire la bocca), il 3 giugno 1924. Il suo corpo fu riportato a Praga dove fu cremato l'11 giugno 1924 nel nuovo cimitero ebraico di Praga-Žižkov, e sepolto insieme ai genitori. Sul muro di fronte ai Kafka venne in seguito sepolto anche Max Brod, il quale aveva curato la pubblicazione postuma di buona parte delle opere di Kafka.
    Le donne della sua vita furono poche: una commessa con la quale, a vent'anni, ebbe la sua prima esperienza; Felice Bauer, con cui fu fidanzato tra il 1912 e il 1917, ma che Kafka non sposò mai; Grete Bloch, con la quale ebbe una piccola storia nel 1913, Milena Jesenská, intorno al 1920 e negli ultimi anni della sua vita Dora Diamant, che lo assisté anche sul letto di morte. Franz Kafka è sepolto nel cimitero ebraico di Žižkov, quartiere popolare di Praga, insieme al padre Hermann e alla madre Julie. Una lapide commemora le tre sorelle dello scrittore, morte nei lager nazisti fra il 1942 e il 1943. Valli ed Elli morirono nel lager di Lozd. Ottla, la sorella minore, si salvò in un primo momento, perché sposata con un ariano, ma in seguito al divorzio fu internata nel campo di Terezìn. Qui si offrì come volontaria per accompagnare un gruppo di bambini destinati ad Auschwitz, da dove non fece più ritorno.
    Le opere di Kafka
    Copertina della prima edizione de "Le Metamorfosi"
    Kafka pubblicò solo qualche racconto durante la sua vita, poca parte del suo lavoro e quindi del suo stile attirò l'attenzione fino a dopo la sua morte. Prima di morire, diede istruzioni al suo amico ed esecutore testamentario Max Brod di distruggere tutti i suoi manoscritti e di assicurarsi che non avrebbero mai visto la luce del sole. Ciononostante, Brod non seguì le istruzioni di Kafka e sovrintendette alla pubblicazione della maggior parte dei suoi lavori, che presto attrassero l'attenzione della critica.
    La letteratura per Franz Kafka rappresentò una scelta di vita, una vocazione profonda, un'irrinunciabile esigenza esistenziale. Nei suoi scritti Kafka elabora il conflitto Arte-Legge, il suo difficile rapporto con il femminile, il problema della colpa come regola universale. Molti critici autorevoli videro in Kafka il rappresentante simbolico della catastrofe ebraica ed un profeta dell'olocausto.
    Le opere mostrano una particolare capacità di immaginare situazioni inusuali nel vissuto quotidiano, di integrare l'elemento grottesco nella quotidianità, assumendo a volte aspetti onirici (spesso incubi, più che sogni). Il protagonista è in qualche modo identificabile con l'autore, anche dal nome (esempi tipici sono Gregor Samsa, protagonista della Metamorfosi, il cui cognome è evidente calco del cognome dell'autore; ovvero Josef K., protagonista de Il processo, e il K. de Il Castello). Lo stile di Kafka è notevole per la sua capacità di esprimere i temi dell'alienazione interiore ed esteriore dell'io, mostrando come nella vita ordinaria di uomini qualunque possa manifestarsi, all'improvviso, l'irreparabile perdita di contatto con la realtà ovvero l'emarginazione e il naufragio.
    Le sue opere più famose includono i racconti La Metamorfosi, Un digiunatore e i romanzi Il Processo, America, e Il Castello. Quasi tutte rimasero incompiute: non si tratta di un fatto casuale, perché nell'incompiutezza delle sue opere si riflette l'impossibilità, per Kafka, di risolvere il proprio conflitto interiore attraverso la scrittura. È di sicuro interesse, per comprendere la psicologia kafkiana, il ricco corpus dei "Diari", nonché l'epistolario, composto in particolare dalle lettere alle donne con cui ebbe delle relazioni, in particolare a Felice Bauer e Milena, e soprattutto dalla notissima Lettera al padre, che costituisce un vero e proprio testo autobiografico a sé stante.
    Kafka nel cinema
    Il processo, film scritto nel 1962 per la regia di Orson Welles, tratto dall'omonimo romanzo di Kafka. Tra i protagonisti, Anthony Perkins nel ruolo di Joseph K. e Arnoldo Foà in quello dell'ispettore A.
    'La Colonia penal (Cile, 1970), regia di Raúl Ruiz
    'Rapporti di Classe (Francia/Germania Occidentale, 1984), regia di Jean-Marie Straub e Danièle Huillet. Tratto da "Amerika"
    Delitti e Segreti (titolo originale Kafka), uscito nel 1991 per la regia di Steven Soderbergh, è un film con protagonista Jeremy Irons nel ruolo di Kafka. Il film miscela vita e fiction fornendo una presentazione semi-biografica della vita e dell'opera di Kafka. La trama verte su Kafka che investiga sulla scomparsa di uno dei suoi colleghi di lavoro. La narrazione porta Kafka attraverso molti dei suoi scritti, soprattutto Il Castello e Il Processo.
    Franz Kafka's It's a Wonderful Life (1993) è un breve film scritto e diretto da Peter Capaldi con protagonista Richard E. Grant nella parte di Kafka. Il film mescola La Metamorfosi con La vita è meravigliosa di Frank Capra con esito divertente.
    The Metamorphosis of Franz Kafka (1993), film diretto da Carlos Atanes.
    Das Schloss (Austria/Germania, 1997), regia di Michael Haneke. Il film è ispirato al remanzo Il Castello, di cui porta il titolo.
    'Lo Strano Caso del Signor Kappa (Francia/Italia/Germania, 2002), regia di Fabrizio Lori. Ispirato al romanzo "Il Processo"
    'K (Iran, 2002), regia di Shoja Azari
    'Amerika (Italia, 2004), regia di Maurizio Scaparro
    Kafka a teatro
    Les veilleurs, spettacolo di danza tratto dall'opera di Franz Kafka, (1999 - Compagnia Josef Nadj) Parigi.
    Lettera al padre, monologo interpretato e diretto da Gabriele Linari, (2004-2008 - Compagnia LABit) Roma, Bolzano.
    The Metamorphosis, tratto dall'opera di Franz Kafka, (2005 - Compagnia La Fura dels Baus) Catalogna, Spagna.
    Note


      ^ Kafka aborriva la carnalità e la sua stessa corporeità. Egli stesso racconta il disgusto per il proprio corpo quando il padre accompagnandolo in piscina lo costringeva a denudarsi. Lo stesso senso di ripugnanza egli lo esprimeva nei confronti dell'amore sessuale che descrive ad esempio nel Castello come qualcosa di sporco e che riduceva l'uomo all'animalità.

      Nell'agosto 1912 incontra nella casa dell'amico Max Brod una giovane donna, Felice Bauer, e ne descrive in modo raccapricciante i difetti fisici: la brutta dentatura con i denti incapsulati in vista, il volto spigoloso e ossuto, il generico aspetto insignificante.

      Eppure è di questa donna così poco attraente che egli s'innamora e con cui inizia una corrispondenza epistolare dallo stile e dall'immaginazione pari se non superiore alla sua più famosa produzione letteraria. Le lettere gli permettono di aprire il suo animo ai sentimenti più segreti e nello stesso tempo di non impegnarsi in un rapporto materiale che lo spaventa. Si dibatte tra il desiderio di sposarla, il che gli permetterebbe di assolvere ai suoi doveri di ebreo e di figlio, di assestare la sua vita, e la convinzione che questa unione sarà la sua rovina ed un ostacolo alla sua libertà di scrivere. L'incontro con Felice libera la forza creatrice di Kafka.

      Vuole mantenere Felice a distanza e per qualche tempo, abitando lei a Berlino e lui a Praga, ci riesce sino a quando i due s'incontrano e stanno assieme per qualche giorno durante i quali avverrà il rapporto fisico. Il 30 maggio 1914 la relazione con Felice viene ufficializzata a Berlino, alla presenza della famiglia Kafka e della famiglia Bauer, ma già il 12 luglio Kafka rompe il fidanzamento. La scoperta di essere ammalato di tubercolosi porterà Kafka alla dolorosa rottura con questa donna che egli ha amato veramente. Come racconta Brod sarà l'unica volta che egli vide Kafka piangere.

      L'altra donna che entrerà nella sua vita sarà Milena. Milena abitava a Vienna ed era sposata con Ernst Pollak. Nonostante le numerose infedeltà del marito, lei non riuscì comunque a separarsene. L'ultimo incontro della vita di Kafka sarà con Dora, un'ebrea orientale con cui Kafka rimarrà per circa un anno e che per lui rappresenterà la purezza dell'ebraismo originale, con la quale egli riuscirà a vivere serenamente e tranquillamente, come quando stava insieme a sua sorella Otta a Zurau. Ma sarà questo un breve periodo di pace: la tubercolosi nelle sua fase finale lo porterà ad una dolorosissima morte. (da Pietro Citati, Kafka, Adelphi 2007)

    Bibliografia
    Racconti
    Descrizione di una battaglia (Beschreibung eines Kampfes, 1904-1905)
    La condanna (Das Urteil, 1913)
    Blumfeld, un vecchio scapolo (Blumfeld, ein älterer Junggeselle, 1915) (raccolto in Spettri & Fantasmi, 2004)
    Davanti alla legge (Vor dem Gesetz, 1915); un primo frammento del romanzo Il processo
    La Metamorfosi (Die Verwandlung, 1915)
    Nella Colonia Penale (In der Strafkolonie, 1919)
    Un medico di campagna (Ein Landarzt, 1918); il racconto dà il titolo ad un'antologia
    Un messaggio dell'Imperatore (Eine kaiserliche Botschaft, 1918) nell'antologia Un medico di campagna
    Un digiunatore (Ein Hungerkünstler, 1924)
    Giuseppina la cantante o il popolo dei topi (Josephine, die Sängerin, oder Das Volk der Mäuse - 1924)
    Romanzi
    Il Processo (Der Prozess - 1925)
    Il Castello (Das Schloß - 1926)
    America (Amerika - 1927)
    Varie
    Lettera al Padre (Brief an den Vater - (1919)
    Diari
    Otto quaderni in Ottavo (Entstehungszeitraum der Oktavhefte - 2004)
    Lettere a Milena
    Opere su Kafka
    Walter Benjamin, Franz Kafka. Per il decimo anniversario dalla morte (1934) in Angelus Novus, Einaudi, Torino, 1955.
    Theodor Ludwig Wiesengrund Adorno, Appunti su Kafka in Prismi, Einaudi, Torino, 1955.
    Albert Camus, La Speranza e l' Assurdo nell' opera di Franz Kafka in Il Mito di Sisifo (1942), Bompiani.
    Maurice Blanchot, Kafka e l' esigenza dell' opera in Lo Spazio Letterario (1955), Einaudi.
    Georges Bataille, Kafka in La Letteratura e il Male (1957), SE.
    Giuliano Baioni, Kafka, Romanzo e Parabola, Milano, Feltrinelli, 1962.
    Gilles Deleuze e Félix Guattari Kafka. Per una letteratura minore (1975), Macerata, Quodlibet.
    Giuliano Baioni, Kafka, Letteratura ed Ebraismo, Torino, Einaudi, 1984.
    Pietro Citati, Kafka, Milano, Rizzoli, 1987.
    Marthe Robert, Solo come Kafka Editori Riuniti, 1993
    Gini E. cur., Antologica critica LED Edizioni Universitarie, Milano, 1993
    Roberto Calasso, K. Adelphi, 2003
    Voci correlate
    Asteroide 3412 Kafka, dedicato allo scrittore.
    Altri progetti
    Wikiquote
    Commons
    Wikiquote contiene citazioni di o su Franz Kafka
    Wikimedia Commons contiene file multimediali su Franz Kafka
    Collegamenti esterni
    (IT) I racconti di Kafka in pdf su lambdabooks.net
    (IT) Le stigmatizzate - Opera sull'amore tra Kafka e Dora Diamant dello scrittore polacco Remigiusz Grzela
    (EN) The Kafka Project Progetto iniziato nel 1998 con lo scopo di pubblicare online tutti i testi di Kafka in tedesco sotto forma di manoscritti
    (IT) La scrittura immanente Per una possibile nuova lettura dell'opera di Kafka, con saggio dedicato.
    (EN) Critica su Kafka
    (DE) Saggio su Kafka
    (EN) Kafka nel cinema Sul film "Kafka" di Soderbergh in Internet Movie Database.
    (EN) Kafka Comedy su Franz Kafka's It's a Wonderful Life in Internet Movie Database.
    (EN) "Franz Kafka and Libertarian Socialism" - Kafka e l'anarchia.
    (FR, EN) L'Album di Franz Kafka
    (ES) Biografie: Franz Kafka MundoLiteratura.
    (EN, DE) Opere di Franz Kafka: testo con concordanze e lista di frequenza
    (EN) Franz Kafka
    (IT) Rai Radio 1 FantasticaMente - Audiolibri
    Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura

    Estratto da "http://it.wikipedia.org/wiki/Franz_Kafka"
    Categorie: Biografie | Scrittori cechi | Nati nel 1883 | Morti nel 1924 | Nati il 3 luglio | Morti il 3 giugno | Letteratura austriaca | Personalità legate a Praga | Esistenzialisti | Autori di favoleCategorie nascoste: BioBot | Voci di qualità su nl.wiki

    « Torna al 3 Luglio


    Cerca compleanni per iniziale: a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 5
    Oppure per mese: Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre