Frank Zappa (1940-1993)

Informazioni di base:

  • Scomparso nel: 1993
  • Data di nascita: 21 Dicembre 1940
  • Professione: Musicista
  • Luogo di nascita: Baltimora
  • Nazione: Stati Uniti
  • Frank Zappa in Rete:

  • Sito Ufficiale: Il sito ufficiale di Frank Zappa
  • Wikipedia: Frank Zappa su Wikipedia
  • Biografia:

    (estratta da Wikipedia)

    Frank Vincent Zappa (Baltimora, 21 dicembre 1940 – Los Angeles, 4 dicembre 1993) fu un musicista, chitarrista, compositore e polistrumentista statunitense.
    Per molto tempo lo stesso Zappa ha creduto che il suo vero nome fosse Francis (in alcuni dei suoi primi album è riportato il nome di Francis).
    Definire il genere musicale di Zappa è praticamente impossibile, ma si può affermare che fosse coinvolto in ambiti musicali come rock, blues, jazz, fusion, e musica classica.



    Biografia
    Nato a Baltimora (21 dicembre 1940) nello stato del Maryland (USA), nella sua ascendenza figurano italiani, greci, arabi e francesi.
    Figlio di un ingegnere chimico siciliano di Partinico (PA) che lavorava per il governo americano alla "Edwards Air Force Base" vicino a Los Angeles, Frank era il primo di quattro figli, con due fratelli ed una sorella. Nel gennaio del 1951, la famiglia Zappa si trasferì a Monterey, in California, perché Frank soffriva d'asma.
    A causa del lavoro del padre la famiglia Zappa traslocò molto spesso: dopo Monterey la famiglia si trasferì a Pomona (California), quindi a El Cajon, e poi ancora San Diego. Nel 1955 nuovamente si spostarono alla volta della piccola cittadina di Lancaster. Dall'età di 15 anni Frank studiò in sei diverse scuole superiori, cosa che potrebbe aver contribuito al suo senso di alienazione nella vita adulta.
    Impressionato dalle composizioni e soprattutto dalla concezione ritmica di Edgar Varèse, ma anche dai grandi bluesmen, Zappa passerà con disinvoltura dal rock al R&B, dalla "canzonetta" alla colonna sonora per cartoon immaginari, fino ad esperimenti di stampo barocco eseguiti al synclavier, con brani attribuiti ad un violoncellista e compositore milanese di fine settecento chiamato Francesco Zappa, ed ancora rivisitazioni di musica classica e riletture delle proprie musiche affidate a grandi orchestre (come la London Symphony Orchestra e l'Ensemble Modern). Diversi anche i richiami alle sue origini italiane, in pezzi come Tengo Na Minchia Tanta (pubblicata nel doppio CD Uncle Meat nonché eseguita nell'omonimo film dall'italiano Massimo Bassoli), Questi Cazzi di Piccione (pezzo strumentale di musica contemporanea da The Yellow Shark) e Dio Fa (pezzo realizzato al Synclavier e pubblicato sull'album postumo Civilization Phaze III).
    Poliedrico e geniale chitarrista, divenne noto in tutto il mondo con il suo gruppo (The Mothers of Invention) nel 1966, grazie all'incisione del concept album Freak Out!: il disco fece scalpore non solo perché era uno dei primi doppi album della storia del rock (dopo Blonde on Blonde di Bob Dylan), ma anche per i testi e la parodia dissacrante del rock degli anni sessanta. In seguito Zappa intraprese la carriera solista sfornando più di 60 produzioni eterogenee, sempre pregne di un forte senso dello humour (con testi dichiaratamente misogini e volgari), scagliato contro l'ordine costituito, l'industria della musica ed i politici ("Scrivo brutta musica perché l'America è brutta", dichiarò). La sua verve ironica e dissacrante fu sempre apprezzata, ma inizialmente in maniera superficiale; non mancarono anche apparizioni televisive, tra le quali anche alcune al Saturday Night Live. Nella sua intensa carriera ha collaborato con diversi musicisti (di cui alcuni apprezzati solisti) appartenenti ai generi più diversi, spesso contribuendo al loro successo: i rocker Captain Beefheart e Alice Cooper, il tastierista jazz George Duke, i chitarristi Steve Vai, Warren Cuccurullo e Adrian Belew, il violinista Jean-Luc Ponty, il compositore new age Patrick O'Hearn, i batteristi Terry Bozzio e Vinnie Colaiuta.
    Zappa morì a causa di un cancro alla prostata il 4 dicembre 1993. Negli ultimi tempi della sua vita, già gravemente malato, dimostrò di non aver perso la sua vena polemica, annunciando, come già fatto qualche decennio addietro, di volersi candidare alla Presidenza degli Stati Uniti, in aperto dissenso con la politica dell'ex Presidente Reagan e con quella di George H. W. Bush.
    La sua sterminata produzione musicale è ancora in parte sconosciuta: attualmente il suo patrimonio artistico è gestito dalla seconda moglie (Gail Zappa) e dai figli (fra cui Dweezil Zappa) che stanno pubblicando alcuni album e DVD postumi.
    La musica di Frank Zappa
    Zappa fu perennemente in bilico tra il rock, il jazz, il teatro dell'assurdo, la ricerca musicale più avanzata: sotto una scorza di apparente anarchia musicale vi sono evidenti influssi della musica classica tradizionale e contemporanea. Egli era un musicista autodidatta, affetto da una ossessiva creatività e da una simpatica smania di protagonismo, ma preparatissimo e serissimo.
    In realtà il suo progetto musicale (che lui definiva il "Progetto/Oggetto") consisteva nel dedicarsi al proselitismo fra i fricchettoni e i lunatici, per poi proporre la sua musica seria e complicata dissimulata dietro una facciata rock sardonica e parodistica, e condita con testi permeati di cinico e sbeffeggiante realismo, anche a costo di essere perseguitato per anni da luoghi comuni e leggende metropolitane.
    Assistendo ad un suo concerto, specialmente dal 1980 in poi, quando l'espressione del suo progetto aveva raggiunto la piena maturità, non poteva lasciare indifferenti la sua "figura", simile ad un burattino nelle movenze, vero mimo, con il naso molto prominente si muoveva tra la musica dirigendola e raffigurandola, mimica e teatralità erano perfettamente fuse con musica e scenografia, ne scaturiva lo spettacolo che con l'insieme dei musicisti, sicuramente valenti esecutori - ma non solo - si costituivano parte integrante del pensiero musicistico di Zappa in maniera straordinariamente spontanea. Tra i numerosissimi aneddoti e vere e proprie "scene" presentate prima, durante e dopo i suoi concerti, di grande impatto fu l'idea/scena che mise in atto a Pistoia, proprio l'8 luglio 1982: fece installare un megaschermo (all'epoca non se ne vedevano ancora) che proiettava la partita Germania Ovest - Francia dei mondiali di calcio in contemporanea al suo concerto; lui, prima di cominciare a suonare, disse semplicemente, in pesante slang americano: "Chi non capisce un tubo della musica che faccio può tranquillamente guardarsi le partite... così non ha buttato i soldi del biglietto".
    I suoi riferimenti musicali erano Igor Stravinskij, Edgar Varèse, Olivier Messiaen e, prima che fosse di moda la world music, era attratto dal Canto a tenore sardo, dalla musica classica indiana in stile dhrupad, Ravi Shankar, la musica bulgara. Per lui la distinzione tra musica pop e "musica seria" non aveva alcun significato ("All'idea che il compositore crede di aver attinto qualche cosa di artistico corrisponde il fatto che quella musica non offre gran che a chi ascolta. Io ho un altro atteggiamento: anche se la maggior parte della gente non ama quello che faccio, quelli a cui piace si divertono; non la consumano perché è arte, ma perché ci provano gusto" disse in una intervista).
    Prima di suonare la chitarra Zappa si cimentò con la batteria, e non a caso i suoi gruppi ebbero sempre batteristi eccellenti. La ritmica delle sue composizioni è sempre stata molto complessa: un esempio è The Black Page brano scritto appositamente per Terry Bozzio, secondo Zappa l'unico in grado di eseguirlo (a causa della sua estrema complessità ritmica o "densità statistica", rappresentate da una "pagina nera" di note). Il successore (non a caso) di Bozzio, Vinnie Colaiuta, eseguì il brano suonandolo a memoria durante l'audizione.

    Zappa dichiarò che concepiva la musica come "decorazione del tempo", una creazione barocca da costruire con le proprie mani, divertente e libera da schemi prestabiliti, basata sull'atonalità e sul ritmo (poliritmie, tempi dispari, addirittura ritmi irrazionali e casuali).

    Rappresentativa di questa visione è la fin troppo citata frase:


    Information is not knowledge / Knowledge is not wisdom / Wisdom is not truth / Truth is not beauty / Beauty is not love / Love is not music / MUSIC IS THE BEST
    L'informazione non è conoscenza / La conoscenza non è saggezza / La saggezza non è verità / La verità non è bellezza / La bellezza non è amore / L'amore non è musica / LA MUSICA È IL MEGLIO

    in cui Zappa trasforma il senso della poesia Ode su un'urna greca di John Keats integrandola con una poesia di Thomas Stearns Eliot .
    Per tutta la carriera fu ossessionato dalla difficoltà di esecuzione dei suoi brani, chiedendo sempre il massimo ai suoi musicisti, al punto da definirsi "un tizio che scrive musica che non riesce a fare eseguire"; a metà degli anni ottanta la cosa lo spinse ad utilizzare il Synclavier per eseguire le sue composizioni in modo assolutamente perfetto. Solo a fine carriera si disse abbastanza soddisfatto dell'esperienza con l'Ensemble Modern.
    La sua eredità più facilmente apprezzabile è la sua infinita sperimentazione strumentale, sia dei suoni che della tecnica chitarristica.
    Ma il suo lascito più vero e importante sono le sue composizioni, complesse e raffinate. Uno dei maggiori estimatori di Zappa è stato Pierre Boulez che ha anche diretto alcune sue opere ed ha affermato: "Come musicista era una figura eccezionale perché apparteneva a due mondi: quello della musica pop e quello della musica classica. E non è una posizione comoda".
    Come prefazione alla sua autobiografia Zappa scrisse: "In genere un'autobiografia è opera di qualcuno che considera la propria vita fonte di incredibile interesse. Io non lo penso della mia ma sono tali e tanti i volumi stupidi che trattano di me, che ho creduto opportuno ci fosse almeno un libro serio sul mio conto."
    Frank Zappa nella cultura popolare
    Il brano dei Deep Purple Smoke On The Water (1972) fa esplicito riferimento a un fatto realmente accaduto a Frank Zappa: durante un concerto in un salone di un casinò di Montreux, in Svizzera, un proiettile luminoso sparato da qualcuno con una pistola lanciarazzi provocò l'incendio di tutto l'edificio (Frank Zappa & the Mothers were at the best place around / But some stupid with a flare gun burnt the place to the ground).
    È collocato al 45° posto dei chitarristi migliori del mondo secondo la rivista Rolling Stone
    È citato nel singolo dei Ramones Censorshit insieme ad Ozzy Osbourne. Vengono descritti come persone che non accettano compromessi e che dicono quello che pensano.
    Matt Groening, creatore dei Simpson, si dichiara grande appassionato e fan di Zappa: espliciti riferimenti al musicista e ai suoi testi possono essere ritrovati sia nella serie citata che nella striscia Life In Hell.
    I membri del gruppo Elio e le Storie Tese hanno dichiarato in diverse occasioni che Frank Zappa era e rimane il loro principale ispiratore e modello musicale.
    George Harrison cita Frank Zappa nella canzone Blood From a Clone.
    CapaRezza ha più volte affermato che il suo stile musicale e il suo look riprendono quello di Zappa, che egli considera suo maestro. Una sua DEMO del 1999 ripresa dall'album Caparezza ?! porta il nome di Zappa in onore del musicista di Baltimora. Zappa è inoltre citato nella canzone La Rivoluzione del Sessintutto, che ad un certo punto recita: "Dio si chiama Zappa Frank Vincent".
    Sono intitolati a Frank Zappa:
    un asteroide ("3834 Zappafrank")
    un gene ("ZapA", gene del microbo Proteus mirabilis)
    una medusa (Phialella zappai)
    un pesce (Zappa confluentus)
    un mollusco estinto (Amauratoma zappa)
    un ragno (Pachygnatha zappa, con un segno addominale che ricorda i baffi di Zappa)
    una scheda madre prodotta dalla Intel
    un personaggio del videogioco Guilty Gear (Zappa)
    un personaggio del videogioco Chrono Cross (Zappa)
    una strada di Agropoli (SA)
    un parco di Grottaminarda (AV)
    Discografia
    Album realizzati da Zappa
    Freak Out! 2lp (giugno 1966)
    Absolutely Free 1lp (maggio 1967)
    Lumpy Gravy 1lp (maggio 1967)
    We're Only in It for the Money 1lp (settembre 1968)
    Cruising with Ruben & the Jets 1lp (dicembre 1968)
    Mothermania (antologia) 1lp (marzo 1969)
    Uncle Meat 2lp (aprile 1969)
    Hot Rats 1lp (ottobre 1969)
    Burnt Weeny Sandwich 1lp (febbraio 1970)
    Weasels Ripped My Flesh 1lp (agosto 1970)
    Chunga's Revenge 1lp (ottobre 1970)
    Fillmore East - June 1971 1lp (agosto 1971)
    Frank Zappa's 200 Motels 2lp (ottobre 1971)
    Just Another Band from L.A. 1lp (marzo 1972)
    Waka/Jawaka 1lp (luglio 1972)
    The Grand Wazoo 1lp (novembre 1972)
    Over-Nite Sensation 1lp (settembre 1973)
    Apostrophe (') 1lp (marzo 1974)
    Roxy & Elsewhere 2lp (settembre 1974)
    One Size Fits All 1lp (giugno 1975)
    Bongo Fury 1lp - insieme a Captain Beefheart (ottobre 1975)
    Zoot Allures 1lp (ottobre 1976)
    Zappa in New York 2lp (marzo 1978)
    Studio Tan 1lp (settembre 1978)
    Sleep Dirt 1lp (gennaio 1979)
    Sheik Yerbouti 2lp (marzo 1979)
    Orchestral Favorites 1lp (maggio 1979)
    Joe's Garage 3lp (settembre e novembre 1979)
    Tinsel Town Rebellion 2lp (maggio 1981)
    Shut Up 'n Play Yer Guitar 3lp (maggio 1981)
    You Are What You Is 2lp (settembre 1981)
    Ship Arriving Too Late to Save a Drowning Witch 1lp (maggio 1982)
    The Man from Utopia 1lp (marzo 1983)
    Baby Snakes 1lp (marzo 1983)
    London Symphony Orchestra, Vol. 1 1lp (giugno 1983)
    Boulez Conducts Zappa: The Perfect Stranger 1lp (agosto 1984)
    Them or Us 2lp (ottobre 1984)
    Thing-Fish 3lp (novembre 1984)
    Francesco Zappa 1lp (novembre 1984)
    The Old Masters Box One collezione 7lp (aprile 1985)
    Frank Zappa Meets the Mothers of Prevention 1lp (novembre 1985)
    Does Humor Belong in Music? 1cd (gennaio 1986)
    The Old Masters Box Two collezione 9lp (novembre 1986)
    Jazz from Hell 1lp (novembre 1986)
    London Symphony Orchestra, Vol. 2 1lp (settembre 1987)
    The Old Masters Box Three collezione 9lp (dicembre 1987)
    Guitar 2lp-2cd (aprile 1988)
    You Can't Do That on Stage Anymore, Vol. 1 2cd (maggio 1988)
    You Can't Do That on Stage Anymore, Vol. 2 2cd-3lp (ottobre 1988)
    Broadway the Hard Way 1lp-1cd (ottobre 1988)
    You Can't Do That on Stage Anymore, Vol. 3 2cd (novembre 1989)
    The Best Band You Never Heard in Your Life 2cd (aprile 1991)
    Make a Jazz Noise Here 2cd (giugno 1991)
    You Can't Do That on Stage Anymore, Vol. 4 2cd (giugno 1991)
    You Can't Do That on Stage Anymore, Vol. 5 2cd (luglio 1992)
    You Can't Do That on Stage Anymore, Vol. 6 2cd (luglio 1992)
    Playground Psychotics 2cd (ottobre 1992)
    Ahead of Their Time 1cd (aprile 1993)
    The Yellow Shark (con l'Ensemble Modern) 1cd (novembre 1993)
    Album postumi (realizzati dallo Zappa Family Trust)
    Civilization, Phaze III 2cd (dicembre 1994)
    The Lost Episodes 1cd (febbraio 1996)
    Läther 3cd (settembre 1996)
    Frank Zappa Plays the Music of Frank Zappa: A Memorial Tribute 1cd (ottobre 1996)
    Have I Offended Someone? 1cd antologia (aprile 1997)
    Mystery Disc 1cd (settembre 1998)
    Everything Is Healing Nicely 1cd (dicembre 1999)
    FZ:OZ 2cd (agosto 2002)
    Halloween 1dvd-a (febbraio 2003)
    Joe's Corsage 1cd (maggio 2004)
    QuAUDIOPHILIAc 1dvd-a (settembre 2004)
    Joe's Domage 1cd (ottobre 2004)
    Joe's XMasage 1cd (dicembre 2005)
    Imaginary Diseases 1cd (gennaio 2006)
    Trance-Fusion 1cd (ottobre 2006)
    The Making Of Freak Out! Project/Object 2cd (dicembre 2006)
    The Making Of Freak Out! Project/Object (deluxe) 4cd (dicembre 2006)
    The Frank Zappa AAAFNRAA Birthday Bundle speciale solo per ITUNES (dicembre 2006)
    Buffalo 2cd (aprile 2007)
    Wazoo 2cd (ottobre 2007)
    One Shot Deal 1cd (giugno 2008)
    Joe's Menage 1cd (ottobre 2008)
    Bootlegs autorizzati
    Beat The Boots - 9 dischi (cofanetto o separati) (1991):
    As An Am (1981-82)
    The Ark (album) (1968
    Freaks & Motherfu*#@%! (1970)
    Unmitigated Audacity (1974)
    Anyway The Wind Blows (2 dischi) (1979)
    'Tis The Season To Be Jelly (1967)
    Saarbrucken 1978 (1978)
    Piquantique (1973)
    Beat The Boots 2 - 8 dischi (cofanetto o separati) (1992):
    Disconnected Synapses (1970)
    Tengo Na Minchia Tanta (1970)
    Electric Aunt Jemima (1968)
    At The Circus (1978)
    Swiss Cheese/Fire! (2 dischi) (1971)
    Our Man In Nirvana (1968)
    Conceptual Continuity (1976)
    Singoli
    How Could I Be Such A Fool? / It Can't Happen Here 45 Rpm (giugno 1966)
    Trouble Comin' Every Day / Who Are The Brain Police? 45 Rpm (novembre 1966)
    Why Don't You Do Me Right / Big Leg Emma 45 Rpm (aprile 1967)
    Lonely Little Girl / Mother People 45 Rpm (novembre 1967)
    Deseri / Jelly Roll Gum Drop 45 Rpm (dicembre 1968)
    My Guitar / Dog Breath 45 Rpm (settembre 1969)
    WPLJ / My Guitar 45 Rpm (febbraio 1970)
    Tell Me You Love Me / Will You Go All The Way For The U.S.A.? 45 Rpm (novembre 1970)
    Tears Began To Fall / Junier Mintz Boogie 45 Rpm (luglio 1971)
    Magic Fingers / Daddy, Daddy, Daddy 45 Rpm (novembre 1971)
    Cletus Awreetus-Awrightus / Eat That Question 45 Rpm (novembre 1972)
    I'm The Slime / Montana 45 Rpm (ottobre 1973)
    Don't Eat The Yellow Snow / Cosmik Debris 45 Rpm (ottobre 1974)
    Find Her Finer / Zoot Allures 45 Rpm (novembre 1976)
    Disco Boy / Ms Pinky 45 Rpm (marzo 1977)
    Dancin' Fool / Baby Snakes 45 Rpm (aprile 1979)
    Dancin' Fool (disco mix) 33 rpm 12" (aprile 1979)
    Joe's Garage / Central Scrutinizer 45 Rpm (ottobre 1979)
    I Don't Wanna Get Drafted / Ancient Armaments 45 Rpm (aprile 1980)
    Goblin Girl / Pink Napkins 45 Rpm (ottobre 1981)
    Valley Girl / You Are What You Is(con Moon Zappa) 45 Rpm (luglio 1982)
    Peaches En Regalia / I'm Not Satisfied / Lucille Has Messed My Mind Up cd (ottobre 1987)
    Sexual Harassment in The Work Place / Watermelon In Eastern Hay cd (aprile 1988)
    Zomby Woof / You Didn't Try To Call Me cd (aprile 1988)
    Montana (Whipping Floss) / Cheepnis cd (maggio 1988)
    Stairway To Heaven / Bolero 33 rpm 12" e cd (maggio 1988)
    Lavori correlati
    Trout Mask Replica (Captain Beefheart & His Magic Band) (1969) (Zappa produttore)
    Permanent Damage (the GTOs) (1969) (Zappa produttore)
    King Kong: Jean-Luc Ponty Plays the Music of Frank Zappa (Jean-Luc Ponty) (1970) (Zappa autore delle musiche)
    For Real! (Ruben And The Jets) (1973) (Zappa produttore)
    Good Singin' Good Playin' (Grand Funk Railroad) (1976) (Zappa produttore)
    Touch Me There (L. Shankar) (1979) (Zappa produttore)
    Havin' A Bad Day (Dweezil Zappa) (1986) (Zappa co-produttore)
    Antologie
    The !@#$ of the Mothers (1969)
    The Mothers of Invention (1970)
    The Worst of the Mothers (1971)
    Strictly Commercial (1995)
    Strictly Genteel (1997)
    Cucamonga Years: The Early Works of Frank Zappa 1962-1964 (1998)
    Cheap Thrills (1998)
    Son of Cheep Thrills (1999)
    Selezione di esecuzioni della musica di Zappa
    The BRT Big Band Plays Frank Zappa (BRT Big Band) (1990)
    Yahozna Plays Zappa (Yahozna) (1992)
    Zappa's Universe - A Celebration Of 25 Years Of Frank Zappa's Music (Joel Thorne/Orchestra of Our Time)(1993)
    Who Could Imagine? (the Grandmothers) (1994)
    Harmonia Meets Zappa (Harmonia Ensemble) (1994)
    Music By Frank Zappa (Omnibus Wind Ensemble) (1995)
    Frankincense: The Muffin Men Play Zappa (Muffin Men) (1997)
    Frank You, Thank! - Tributo italiano a Frank Zappa - Vol. 1 (Artisti vari) (1999)
    Eating the Astoria, live in London (the Grandmothers) (1994)
    Frankly A Cappella (The Persuasions) (2000)
    The Zappa Album (Ensemble Ambrosius) (2000)
    Bohuslän Big Band plays Frank Zappa (Bohuslän Big Band) (2000)
    Frank You, Thank! - Tributo italiano a Frank Zappa - Vol. 2 (Artisti vari) (2002)
    Zappa: Greggery Peccary & Other Persuasions (Ensemble Modern) (2003)
    Filmografia - videografia
    Frank Zappa's 200 Motels (1971)
    Baby Snakes (1979 e 1987) - pubblicato in DVD nel 2003
    The Dub Room Special (1982) - pubblicato in DVD nel 2005
    Does Humor Belongs In Music (1985) - pubblicato in DVD nel 2003
    Video From Hell (1987)
    Uncle Meat (1987)
    The Amazing Mr. Bickford (1987)
    The True Story of 200 Motels (1987)
    Classic Albums: Frank Zappa - Apostrophe'/Over-Nite Sensation (2007) - DVD
    The Torture Never Stops - (2008) - DVD
    Alcuni artisti legati a Zappa
    Morgan Ågren
    Arthur Barrow
    Adrian Belew
    Max Bennett
    Bruce Bickford
    Jimmy Carl Black
    Terry Bozzio
    Michael Brecker
    Randy Brecker
    Captain Beefheart (Don Van Vliet)
    Vinnie Colaiuta
    Alice Cooper
    Warren Cuccurullo
    George Duke
    Roy Estrada
    Bunk Gardner
    The Grandmothers
    Eddie Jobson
    Tommy Malone
    Chuck Mangione
    Ed Mann
    Lou Marini
    Tommy Mars
    Bobby Martin
    Napoleon Murphy Brock
    Patrick O'Hearn
    Mats Öberg
    Don Pardo
    Jean Luc Ponty
    Don Preston
    Chester Thompson
    Scott Thunes
    Ian Underwood
    Ruth Underwood
    Steve Vai
    Mark Volman
    Chad Wackerman
    Ray White
    Ike Willis
    Peter Wolf
    Note

      ^ Frank Zappa - Allmusic.com

    Bibliografia italiana (parziale)
    Neil Slaven, Frank Zappa Il Don Chisciotte Elettrico (1997, Tarab Edizioni; ISBN 8886675313)
    Gianfranco Salvatori e AAVV, Frank Zappa Domani (2000, Castelvecchi; ISBN 8882101665)
    Frank Zappa, Peter Occhiogrosso, Zappa. L'autobiografia (2003, Arcana; ISBN 8879662791)
    Barry Miles, Frank Zappa La vita e la musica di un uomo Absolutely Free (2006, Kowalski editore; ISBN 8874967144)
    Bibliografia in lingua (parziale)
    (EN) Ben Watson, Frank Zappa - The Negative Dialectics Of Poodle Play (1994, Quartet Books; ISBN 0-7043-0242-X)
    (EN) Frank Zappa, Them or us (The Book) (1984, Barfko Swill)
    (FR) Revue Circuit Musiques Contemporaines Spécial Zappa http://www.revuecircuit.ca/collection/14_3.php
    (ES) Manuel de la Fuente Soler, Frank Zappa en el infierno. El rock como movilización para la disidencia política (2006, Biblioteca Nueva)
    Altri progetti
    Commons
    Wikiquote
    Wikimedia Commons contiene file multimediali su Frank Zappa
    Wikiquote contiene citazioni di o su Frank Zappa
    Collegamenti esterni
    Frank Zappa su Open Directory Project (Segnala su DMoz un collegamento pertinente all'argomento "Frank Zappa")
    Scheda su Frank Zappa dell'Internet Movie Database
    Speciale Frank Zappa - Una retrospettiva a dieci anni dalla morte
    1984 frank zappa a viareggio
    Zappa e le orchestre: piccola storia di un rapporto difficile
    (EN) Information Is Not Knowledge (discografia, videografia, cronologia, testi e altro ancora)
    (EN) Zappa Wiki Jawaka
    (EN) una raccolta di immagini ed altro materiale
    (EN) Uno studio del linguaggio musicale di Frank Zappa
    (EN) St. Alphonzo's Pancake Homepage (sito storico zappiano con discografia, testi, interviste - non è aggiornato da anni)
    Portale Musica
    Portale Rock progressivo

    Estratto da "http://it.wikipedia.org/wiki/Frank_Zappa"
    Categorie: Biografie | Musicisti statunitensi | Chitarristi statunitensi | Compositori statunitensi | Nati nel 1940 | Morti nel 1993 | Nati il 21 dicembre | Morti il 4 dicembre | Frank Zappa | Cantanti rock progressivo | Chitarristi rock progressivo | Compositori di musica contemporanea | Musicisti italoamericaniCategorie nascoste: BioBot | Voci di qualità su en.wiki | Voci di qualità su sl.wiki

    « Torna al 21 Dicembre


    Cerca compleanni per iniziale: a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 5
    Oppure per mese: Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre