Franco Battiato (65)

Informazioni di base:

  • Data di nascita: 23 Marzo 1945
  • Professione: Cantante
  • Luogo di nascita: Riposto (CT)
  • Nazione: Italia
  • Franco Battiato in Rete:

  • Sito Ufficiale: Il sito ufficiale di Franco Battiato
  • Wikipedia: Franco Battiato su Wikipedia
  • Biografia:

    (estratta da Wikipedia)

    Franco Battiato (, 23 marzo 1945) è un cantautore, regista, pittore e scrittore italiano.
    Personalità fra le più eclettiche, originali ed influenti del panorama artistico/musicale italiano, ha attraversato molteplici commistioni e stili musicali. Dagli inizi romantici, alla musica sperimentale, passando per l'avanguardia colta, l'opera lirica, la musica etnica, il rock progressivo e la musica leggera, attuando frequenti contaminazioni tra questi e con altri ancora fra generi musicali, riuscendo sempre a cogliere un grande successo di pubblico e di critica, avvalendosi sovente di collaboratori d'eccezione come il violinista Giusto Pio e il filosofo Manlio Sgalambro e costruendo una carriera artistica senza eguali che lo ha visto recentemente cimentarsi anche nella regia cinematografica. Non solo la musica, ma anche i testi di Battiato riflettono i suoi molteplici interessi, tra i quali l'esoterismo, la filosofia e la meditazione orientale.

    I primi singoli
    Trasferitosi a Milano nel 1965, pubblica due singoli per la rivista di enigmistica Nuova Enigmistica Tascabile, che proponeva come allegati dischi di canzoni celebri interpretati da cantanti poco conosciuti, che oggi vantano un alto valore collezionistico. In queste due occasioni, l'artista appare col nome di Francesco Battiato.
    Il primo, che reca in copertina la foto di Battiato, contiene un brano presentato al Festival di Sanremo 1965 da Beppe Cardile e Anita Harris, L'amore è partito. Il secondo contiene invece una canzone già portata al successo da Alain Barrière: ...e più ti amo, tradotta in italiano da Gino Paoli, brano, tra l'altro, che l'artista ha riproposto nel suo ultimo lavoro discografico"Fleurs 2".
    La canzone di protesta
    Con Gregorio Alicata suo compaesano, già pianista di Edoardo Vianello ed autore di un certo successo (suo il brano Tremarella, hit degli anni sessanta) forma un duo, "Gli Ambulanti", con un repertorio di canzoni di protesta: si esibiscono davanti alle scuole all'uscita degli studenti, suscitando molta curiosità, ed è proprio in questa fase che vengono notati da Giorgio Gaber (1967), che li presenta alla casa discografica Dischi Ricordi. Il disco però viene bocciato dalla stessa Ricordi dopo un provino in sala d'incisione. A questo punto il duo si scioglie e Battiato decide di continuare da solo.
    È proprio Giorgio Gaber che gli procura un contratto con la casa discografica Jolly, inserendosi nel filone di "protesta" che in quel momento andava molto di moda. I primi singoli che incide ufficialmente furono La torre a cui fa seguito Il mondo va così e Triste come me. Ha anche un'esperienza come attore teatrale, recitando in un ruolo di contorno insieme a nomi del calibro di Tino Carraro ed Elsa Merlini, in Molto rumore per nulla di William Shakespeare. Collabora inoltre con Gaber scrivendo la famosa ...e allora dai!, presentata al Festival di Sanremo del 1967 e Gulp Gulp, sigla della trasmissione televisiva Diamoci del tu.
    Il periodo romantico
    Nel 1968 cambiò casa discografica, passando alla Philips e abbandonando anche il genere di protesta per incidere dischi romantici più immediati e di facile consumo, con la collaborazione del chitarrista Giorgio Logiri (alcune canzoni scritte dai due vengono incise da altri artisti della stessa casa discografica, come ad esempio A lume di candela, cantata da Daniela Ghibli). Registrò due brani che la casa discografica pubblicò soltanto nel 1971 (Vento caldo e Marciapiede) e ottiene un discreto successo con È l'amore, nel quale l'arrangiamento classicheggiante al pianoforte e una voce accorata lascia già intravedere quello che sarà il Battiato futuro. Nel 1969 il catanese partecipò al Disco per l'estate con il brano Bella ragazza (insieme a lui c'era anche un'altra cantante destinata poi alla celebrità, Fiorella Mannoia), ma venne escluso dalla competizione. Battiato molte volte ha ringraziato tre parolieri piacentini per le belle parole nelle sue canzoni. I nomi di essi non sono mai stati rivelati ma solo le iniziali (G.B.B.A, N.Z., S.F.N.).
    Esperimenti d'avanguardia
    Il nome di Battiato appare nel 1972 in un LP di jazz rock progressivo opera del gruppo Osage Tribe ed intitolato Arrow Head. Degli Osage Tribe si ricorda anche il 45 giri, Un falco nel cielo, la cui copertina, raffigurante una testa di bambola con la bocca sanguinante, divenne molto famosa.
    Inoltre collabora al disco Area di servizio, inciso da Riccardo Pirolli usando lo pseudonimo "Genco Puro & CO": in questo disco Battiato canta in tre canzoni: Giorno d'estate, Nebbia e Biscotti e the. Fondamentale la partecipazione al disco di Juri Camisasca La finestra dentro, elemento poco conosciuto della musica d'avanguardia di quegli anni.
    Musica sperimentale e avanguardia colta
    Dal 1971 si dedicò alla musica sperimentale con ampio uso di elettronica con una serie di album leggendari per l'etichetta Bla Bla. Il primo di questi fu Fetus (1972), con un'altra famosa copertina, all'epoca censurata), che vendette circa 7000 copie , mentre il successivo, Pollution (1972), ebbe un discreto successo entrando anche in classifica e risultando il 59° album più venduto dell'anno.
    I seguenti furono Sulle corde di Aries (1973), Clic (1974) e M.elle le Gladiator (1975). Un brano di questo primo periodo, Propriedad prohibida (1974) viene utilizzato ancora oggi come sigla del programma Tg2 Dossier.
    Nel 1975 ha partecipato al progetto progressivo/sperimentale "Telaio Magnetico", per la durata di un piccolo tour nel Sud Italia, insieme a Juri Camisasca, Mino Di Martino, Terra Di Benedetto, Roberto Mazza e a Lino "Capra" Vaccina.
    Nel 1976 con la chiusura della Bla Bla passò alla Dischi Ricordi che aveva curato la distribuzione delle ultime produzioni dell'etichetta, e si dedicò all'avanguardia colta con tre album pochissimo venduti ma apprezzati dalla critica. Il primo di questi fu Battiato del 1977. Nel 1978 avvenne l'incontro del cantautore catanese con il violinista Giusto Pio, con cui compose Juke Box, che doveva essere la colonna sonora del film tv Brunelleschi, ma che venne poi rifiutato dai produttori. Infine ultimo album pubblicato con la Dischi Ricordi fu L'Egitto prima delle sabbie (1979). Con L'Egitto prima delle Sabbie, esperimento con un solo accordo ripetuto al pianoforte, si aggiudica nel 1979 il Premio Stockhausen di musica contemporanea. In questo periodo, insieme a Pio, Battiato assume la direzione musicale di alcuni spettacoli di Giorgio Gaber, tra i quali Polli d'allevamento.
    Il grande successo
    Il ritorno alla canzone avvenne nel 1978 con un 45 giri pubblicato usando lo pseudonimo Astra: i due brani, scritti con Pio (ma Battiato utilizzò lo pseudonimo "Albert Kui"), si intitolavano Adieu e San Marco (entrambi con un testo in francese); l'anno dopo Battiato usò la stessa musica di Adieu per Canterai se canterò incisa da Catherine Spaak (come retro di "Pasticcio"), e nel 1989 per la canzone Una storia inventata (contenuta nel disco Svegliando l'amante che dorme di Milva).

    Il giovane seduto con in braccio una custodia di violino nella copertina del disco è Stefano, il figlio di Giusto Pio.
    Battiato in concerto alla Notte Bianca 2007 di Roma.
    Licenziato dalla Ricordi per le basse vendite passò alla EMI Italiana nel 1979 e qui continuò il ritorno alla canzone, con echi orientali e senza mai cedere al gusto imperante. Il primo album veramente pop dell'artista catanese è L'era del cinghiale bianco (1979), che però non entrò mai in classifica. L'anno seguente Battiato pubblicò Patriots (1980), che in origine doveva chiamarsi I telegrafi del martedì santo, ma si decise per il titolo attuale in quanto più d'impatto, ottenendo un discreto successo.
    Nel 1981 il catanese rilasciò l'album La voce del padrone che riuscì ad arrivare in vetta alle classifiche e risultò, oltre che il disco più venduto del 1982, il primo 33 giri italiano a superare il milione di copie vendute.
    Risultati simili all'album precedente vennero confermati da L'arca di Noè (1982), che risultò ancora una volta l'album italiano più venduto, preceduto solamente da Thriller di Michael Jackson. In poche settimane vendette circa 550.000 copie e rimase in classifica per molti mesi. La prima canzone del LP, Radio Varsavia, fece molto discutere i critici e il quotidiano La Stampa, accusò Battiato di avere inserito nel disco "la cultura della nuova destra".
    Discreto successo ottenne anche l'album successivo Orizzonti perduti (1983), seppur nettamente inferiore ai precedenti.
    Nel 1984 il cantante catanese cantò anche all'Eurofestival in coppia con Alice la canzone I treni di Tozeur, giungendo al quinto posto. Canzone che poi venne inclusa nell'album Mondi lontanissimi del 1985, che raggiunse buoni risultati di vendita.
    Battiato tornò poi alla pubblicazione di un disco nel 1988 con Fisiognomica (1988), che vendette oltre 300.000 copie, divenendo uno dei maggiori successi dell'anno. Proprio grazie a questo disco, nel 1989 il catanese venne chiamato dal papa Giovanni Paolo II ad esibirsi in Vaticano, divenendo il primo cantante di musica leggera a tenere un concerto nello stato pontificio.
    Il successivo Giubbe rosse (1989) fu il suo primo album live.
    Nel 1991 uscì poi Come un cammello in una grondaia, che vendette oltre 25.000 copie. La canzone Povera Patria ricevette inoltre il Premio Tenco e l'album venne eletto miglior disco dell'anno, così come il successivo Caffè de la Paix (1993). L'ombrello e la macchina da cucire (1995), fu l'ultimo album per la EMI, realizzato su testi del filosofo Manlio Sgalambro, che diventò in seguito suo stretto collaboratore.
    Parecchi suoi brani sono entrati a pieno diritto nella storia della musica, non solo italiana: basta citare L'era del cinghiale bianco, Il re del mondo, Up patriots to arms, Prospettiva Nevskji, Bandiera bianca, Centro di gravità permanente, Cuccurucucu, Radio Varsavia, Voglio vederti danzare, I treni di Tozeur (con il quale nel 1984 si classifica al quinto posto dell'Eurofestival in coppia con Alice), La stagione dell'amore, La Cura e tanti altri, compreso il celebre Povera patria, una durissima requisitoria contro il potere politico e il potere in generale. Nella sua musica si avverte una profonda e costante ricerca di spiritualità: da citare su tutti E ti vengo a cercare, L'oceano di silenzio e L'ombra della luce.
    Con Manlio Sgalambro
    A partire dal 1994 inizia la collaborazione con il filosofo Manlio Sgalambro e la casa discografica Mercury. Il primo album pubblicato per la casa discografica fu L'imboscata (1996), che ottenne molto successo, tanto da restituire a Battiato la popolarità che aveva negli anni '80. Il successivo Gommalacca (1998), raggiunse il primo posto in classifica e ottenne buone vendite, inferiori comunque a L'imboscata. Nel 1999 uscì poi Fleurs, una raccolta di cover con due brani inediti, che ottenne un grande successo commerciale e rimase in classifica per molte settimane. Successo replicato, seppur in misura leggermente minore, da Fleurs 3. Ultimi suoi lavori sono stati Ferro battuto (2001) e Dieci stratagemmi (2004). Il nuovo duo regala alla magica voce di Patty Pravo, "Emma Bovary" contenuta nell'album della cantante veneziana "Notti guai e libertà". I brani di questo periodo sono meno fruibili, forse di sonorità più ostica per il grande pubblico il quale però continua a non abbandonarlo, a partire dalla famosa La cura (incoronata da un recente sondaggio radiofonico come la più bella canzone d'amore italiana scritta negli ultimi 20 anni), quindi Strani giorni, Shock in my town, Il ballo del potere, Running against the grain (cantato insieme a Jim Kerr dei Simple Minds) Ermeneutica e Tra sesso e castità. Nel 2005 viene rilasciato il live Un soffio al cuore di natura elettrica registrato al Nelson Mandela Forum di Firenze il 17 febbraio 2005. Il 9 febbraio 2007 ha pubblicato Il vuoto, sua ultima opera musicale ad oggi.
    Le collaborazioni
    Determinante è il suo contributo al lancio di Alice, che vince il Festival di Sanremo nel 1981 con Per Elisa (scritta con la stessa e Giusto Pio) e per la quale firma numerosi altri successi, a partire da Il vento caldo dell'estate (1980), Messaggio (1982), Chan-son egocentrique (1983), I treni di Tozeur (1984), collaborando agli arrangiamenti di ben due album (Capo Nord e Alice tra l'80 e l'81). Nel 1985 la cantante forlivese dedica alle canzoni di Battiato un altro album di successo, dal titolo Gioielli rubati in cui è contenuta una famosa versione di Prospettiva Nevskji. Nel 2002 torneranno a duettare insieme nel brano Come un sigillo, unico inedito dell'album di cover Fleurs 3.
    Con Giuni Russo, cantante lirica e leggera di eccellenti qualità vocali, ottiene un grande successo estivo con Un'estate al mare (1982). Il momento più importante della collaborazione con questa artista è comunque la realizzazione dell'album Energie (1981), lampante esempio dei fermenti innovativi dei primi anni ottanta. Con Giuni collabora fino alla prematura scomparsa dell'artista, firmando l'arrangiamento del suo testamento musicale, la canzone Morirò d'amore con la quale partecipa al Festival di Sanremo nel 2003.
    Non è poi da trascurare la decisiva collaborazione agli arrangiamenti di Giusto Pio, già violinista nell'orchestra della Rai, che realizza in proprio alcuni album strumentali prodotti da Battiato, cogliendo un buon successo con Legione straniera (1982). Con la versatile Milva realizza due album di grande fascino: Milva e dintorni (1982) e Svegliando l'amante che dorme (1989), conosciuto anche con il titolo Una storia inventata. Altri artisti che hanno interpretato canzoni di Franco Battiato sotto la sue diretta supervisione sono stati Juri Camisasca, Sibilla (partecipazione al Festival di Sanremo nel 1983 con Oppio), Farida e Ombretta Colli. Come arrangiatore ha lavorato con Giorgio Gaber per Polli d'allevamento e con Eugenio Finardi.
    Nel 1992 collabora all'album L'amore nuovo del cantautore catanese Vincenzo Spampinato.
    Nel 1996 Franco Battiato canta insieme al gruppo CSI (ex CCCP Fedeli alla linea) nell'album Linea Gotica, un suo successo E ti vengo a cercare, un arrangiamento cupo, ma che non perde il messaggio originale dell'autore.
    Nel 1998 propone a Ginevra Di Marco (ex dei PGR nonché CSI) di collaborare ad un album storico, Gommalacca, cantando la canzone Vite parallele (che Battiato presenterà anche a Sanremo '99). Canterà sempre con Ginevra Di Marco La stagione dell'amore incentrata sul rimpianto e sulle occasioni perdute. In quest' ultimo collaborerà anche con il cantante-bassista dei Bluvertigo, Morgan. Appare inoltre con lo stesso gruppo nel 2001, nel video "L' assenzio".
    Nel 1999 interpreta il brano Finnegan's Wake (dal titolo della celebre opera sperimentale di James Joyce) insieme a Pippo Pollina, col quale appare anche nell'omonimo videoclip.
    Nel 2000 collabora all'album L'infinitamente piccolo di Angelo Branduardi con il brano "Il sultano di Babilonia e la prostituta".
    Un'altra collaborazione è stata quella con il gruppo pugliese Folkabbestia nell'album 25-60-38. Breve saggio sulla canzone italiana del 2006, dove reinterpreta L'avvelenata di Francesco Guccini, in un risultato a metà fra combat folk e lo stile d'avanguardia di Battiato.
    Collabora nuovamente con un ex-membro dei CCCP, Gianni Maroccolo, nel 2004 in Night and storms.
    Nel 2006 presta la propria voce, pesantemente filtrata e resa quasi spettrale, per il brano Sento che sta per succedermi qualcosa, contenuto nell'album Toilette memoria di Moltheni.
    Il 22 giugno 2007 esce l'album di Ivan Segreto a cui Franco Battiato collabora duettando nel pezzo Ampia. Nel novembre 2008 collabora nel brano Il tempo stesso assieme a Tiziano Ferro, la canzone è presente nell'album di Ferro Alla mia età.
    Il 14 novembre esce il suo ultimo lavoro discografico "Fleurs 2", degna chiusura della trilogia musicale romantica iniziata nel 1999 con il primo "Fleurs".
    I numerosi progetti
    A partire dal 1985, travolto e forse sorpreso dal successo colossale arrivato improvvisamente (non solo italiano, ma anche spagnolo e in gran parte dell'Europa, mentre nei paesi anglosassoni non viene altrettanto apprezzato) si dedica all'attuazione di numerosi progetti estranei alla musica pop, accolti con interesse.
    Nel 1985 fonda una propria casa editrice L'Ottava che, in collaborazione con Longanesi, pubblica quattordici libri di autori vari, dei quali alcuni ripubblicati dalla casa editrice Neri Pozza, legati a tematiche esoteriche ed in particolare al pensiero di Georges Ivanovitch Gurdjieff, del cui insegnamento egli è un adepto. E' il periodo in cui frequenta poeti vicini al pensiero esoterico, alla spiritualità e alla rivisitazione del mito, come Giuseppe Conte, Gian Ruggero Manzoni, Cesare Viviani. Nel 1989 fonda anche un'etichetta discografica omonima della sua casa editrice, che pubblicherà sei titoli di musica etnica e musica colta. Inoltre, egli stesso è scrittore: scrive per Bonanno Evoluzione evoluzione evoluzione, mentre Mondadori nel 2005 pubblica il suo Ideogrammi.
    Compone anche tre opere liriche, Genesi (1987), Gilgamesh (1992) e Il cavaliere dell'intelletto nel 1994. È il primo musicista occidentale a esibirsi in Iraq, nel 1992, sotto il regime di Saddam Hussein (Concerto di Baghdad, pubblicato nel 2006 su DVD), ed è l'autore del balletto Campi magnetici, presentato nel 2000 al Maggio musicale fiorentino. Inoltre, tra il 1999 e il 2002 pubblica due raccolte di cover, Fleurs e Fleurs 3, dove omaggia diversi celebri brani di fine anni Sessanta e Settanta che lo hanno influenzato.Nel 2008, ha pubblicato anche Fleurs 2.
    La pittura
    Attorno al 1990, Franco Battiato inizia a cimentarsi nella pittura, mediante una specie di esperimento di autoanalisi e miglioramento di sé stesso. Dipingendo, Battiato vuole verificare che l'abilità nel disegno e nella pittura non siano caratteristiche innate nella persona umana, come molti critici invece sostengono. Dopo un periodo di ricerca, adotta quindi l'ideale pratica artistica associata alla sua facoltà pittorica.
    Dal 1993 la sua attività nella pittura lo porta ad organizzare mostre personali in Italia e nel mondo: Roma, Catania, Firenze, Stoccolma, Miami e Goteborg; una delle sue mostre è stata organizzata in collaborazione con Piero Guccione. Dall'inizio della sua attività ha prodotto circa ottanta opere firmandosi con lo pseudonimo di Süphan Barzani. Nei suoi lavori, eseguiti su tele o tavole dorate, predilige tecniche di pittura ad olio e utilizzi di terre e pigmenti duri. Le copertine e i libretti di Fleurs, Ferro battuto e dell'opera lirica Gilgamesh sono alcuni esempi della pittura di Battiato.

    Giudizi critici


    Il cinema
    Il rapporto di Franco Battiato con il cinema ha inizio negli anni Settanta, dopo l'unica esperienza come attore teatrale, avvenuta nel 1967.
    Nel 1973 appare occasionalmente e non accreditato come attore nel film di Corrado Farina Baba Yaga, interpretato da Carrol Baker: la scena principale in cui compare è quella dell'happening al cimitero, quasi completamente eliminata nella versione uscita nelle sale italiane (ma recuperata nell'edizione in DVD edita dalla Blue Underground).
    Compone diverse colonne sonore, collaborando soprattutto col veronese Giacomo Battiato (omonimo ma non parente), nello sceneggiato Brunelleschi (1974) e nel film Una vita scellerata (1990) imperniati sulle figure di Filippo Brunelleschi e Benvenuto Cellini, e quindi con il conterraneo Pasquale Scimeca, firmando le musiche del film Il giorno di San Sebastiano (1994). Alcuni suoi brani vengono utilizzati da Antonello Aglioti nel film Il giardino dei ciliegi (1992), dove l'attrice Marisa Berenson esegue Luna indiana, e soprattutto Nanni Moretti, che lo cita esplicitamente in Bianca (1983, con il brano Scalo a Grado) e Palombella rossa (1989, con il brano E ti vengo a cercare). Nel 2006 il regista Alfonso Cuarón utilizza la versione di Battiato di Ruby Tuesday (Rolling Stone) nella colonna sonora del film I figli degli uomini (Children of Men).
    Le sue aspirazioni di regìa iniziano già nel 1979, quando comincia a dirigere tutti i suoi videoclip, raccolti in gran parte nella VHS Dal cinghiale al cammello (1992) e ristampata in DVD con il titolo Dal cinghiale al cammello - The Video Collection (2004). Nel 2003 scrive, dirige e sceglie le musiche per il suo primo film a soggetto: Perdutoamor, in larga parte autobiografico, con il quale si aggiudica il Nastro d'Argento come miglior regista esordiente. Nel 2005 ha presentato alla Mostra del cinema di Venezia il suo secondo film (uscito poi nelle sale con una precaria distribuzione nel marzo 2006): Musikanten, imperniato sugli ultimi quattro anni di vita del grande musicista Ludwig van Beethoven, interpretato da Alejandro Jodorowsky.
    Sempre nel 2006 firma la regia del videoclip "Amara Terra Mia" dei Radiodervish (cover di Domenico Modugno)(2006 - RadioFandango, distribuito Edel),
    Nel giugno dello stesso anno, alla Mostra del Nuovo Cinema di Pesaro, annuncia il suo terzo film, sempre scritto con Manlio Sgalambro: Niente è come sembra, interpretato da Giulio Brogi e che vede anche la partecipazione straordinaria di Sonia Bergamasco ed Alejandro Jodorowsky,che, dopo essere stato presentato nel 2007 alla Festa del Cinema di Roma, uscirà direttamente in dvd il 31 ottobre dello stesso anno per Bompiani insieme al libro "In fondo sono contento di aver fatto la mia conoscenza".
    La televisione e la radio
    Franco Battiato è apparso molto di rado sul piccolo schermo. Evita con grande accuratezza di essere ospite in trasmissioni leggere (uniche eccezioni, con Fabio Fazio nel programma Che tempo che fa, trasmesso da Raitre, Quelli che il calcio su Raidue con Simona Ventura, Brand:New su Mtv con Alex Infascelli e Il Tornasole con Andrea Pezzi). Ha partecipato in veste di accompagnatore a Turisti per caso con Syusy Blady e Patrizio Roversi; concede invece interviste in occasione dell'uscita dei suoi lavori e presta il proprio nome a campagne di solidarietà sociale.
    Nel 1988 è apparso insieme ad altri cantanti e musicisti come Gianni Morandi, Giorgio Gaber, Ombretta Colli e Franz Di Cioccio nel film per la televisione Una donna tutta sbagliata, diretto da Mauro Severino e con protagonista Claudia Koll. Nel 1997 al Festivalbar canta Di passaggio e La cura, nello stesso anno si esibisce in concerto al Night Express, tornandoci anche l'anno successivo per presentare l'album Gommalacca. Nel 1999 è stato ospite al festival di Sanremo dove ha presentato canzoni dall'album Gommalacca come Shock in my Town con coreografie marziali interpretate dalla maestra Li RongMei.
    Nel dicembre 2004 ha esordito come presentatore di un programma culturale in sei puntate, del quale è stato anche il curatore: Bitte, keine réclame ("Per favore, niente pubblicità"), andato in onda sul canale satellitare Rai Doc.
    Battiato è stato uno dei numerosi personaggi imitati da Fiorello nella stagione 2006/2007 di Viva Radio 2; da citare inoltre la sua presenza nell'ultima puntata della stagione, trasmessa su Raisat Extra il 22 giugno 2007; in quell'occasione rivelò di aver partecipato anni fa ad un programma di Rete 4 al fianco di Mike Bongiorno.
    Nel 2007 è stato ospite del Festival di Sanremo e di Domenica In, entrambi condotti da Pippo Baudo. Nel 2008 è stato ospite a "Che tempo che fa".
    Sostenitore del vegetarismo
    Con la canzone Sarcofagia, contenuta nell'album Ferro Battuto, Battiato ha assunto una forte presa di posizione in favore delle ragioni etiche del vegetarismo, come già fatto in precedenza da altri cantautori socialmente "impegnati" quali Gianni Morandi e Jovanotti.
    Vita privata
    Legatissimo alla madre Grazia, scomparsa nel 1994, da sempre Battiato non ha mai amato la vita mondana, preferendo ai salotti il dolce ristoro della solitudine nel suo dorato eremo siciliano di Milo, alle pendici dell'Etna.
    Pseudonimi
    Sin dall'inizio della sua carriera l'artista siciliano ha utilizzato diversi pseudonimi, tra cui, in ordine cronologico, Ed De Joy (con Osage Tribe e IXO), Franc Jonia (con Eugenio Finardi), Astra (da solista), Martin Kleist (con Giusto Pio e Manlio Sgalambro), Albert Kui (con Alice, Giusto Pio, Catherine Spaak, Ombretta Colli, Farida), Kilim (A' Sciara), Süphan Barzani (con Gloria Mundi ed Elisabetta Sgarbi). Quest'ultimo nome è anche la sua firma nei quadri.
    Discografia
    Studio album
    Gennaio 1972: Fetus
    Novembre 1972: Pollution
    1973: Sulle corde di Aries
    1974: Clic
    1975: M.elle le Gladiator
    1977: Battiato
    1978: Juke Box
    1978: L'Egitto prima delle sabbie
    1979: L'era del cinghiale bianco
    1980: Patriots
    1981: La voce del padrone
    1982: L'arca di Noè
    1983: Orizzonti perduti
    1985: Mondi lontanissimi
    1988: Fisiognomica
    1991: Come un cammello in una grondaia
    1993: Caffè de la Paix
    1995: L'ombrello e la macchina da cucire
    1996: L'imboscata
    1998: Gommalacca
    1999: Fleurs (album di cover)
    2001: Ferro battuto
    2002: Fleurs 3 (album di cover)
    2004: Dieci stratagemmi
    2007: Il vuoto
    2008: Fleurs 2 (album di cover)
    Videografia
    Dal cinghiale al cammello (in VHS nel 1992, in DVD nel 2004)
    Concerto di Baghdad (in VHS nel 1992 in DVD nel 2006)
    Messa arcaica (in VHS nel 1994)
    L'Imboscata Tour 1997 (in VHS nel 1998, in DVD, col titolo la Cura nel 2004)
    Un soffio al cuore di natura elettrica (in DVD nel 2005)
    Niente è Come Sembra (box con il film omonimo, il libro "In fondo sono contento di aver fatto la mia conoscenza" ed un cd con 7 brani live, 2007)
    Rappresentazioni teatrali
    Il cavaliere dell'intelletto - Prima rappresentazione: Palermo, Cattedrale, 20 settembre 1994 (non pubblicata discograficamente)
    Filmografia
    Regista
    Perdutoamor, (2003) (anche produzione, soggetto, sceneggiatura e scelta musiche)
    Musikanten, (2005)
    Niente è come sembra, (2007) (uscito solo in DVD).
    Opere
    Tecnica mista su tappeto. Conversazioni autobiografiche con Franco Pulcini. EDT, 1992.
    Evoluzione evoluzione evoluzione. Bonanno, 1998.
    Parole e canzoni. Giulio Einaudi Editore, 2004.
    Ideogrammi. Arnoldo Mondadori Editore, 2005.
    Onorificenze
    A Franco Battiato è stato dedicato l'asteroide 18556 Battiato.
    Bibliografia
    Franco Pulcini. "Franco Battiato. Tecnica mista su tappeto" Torino, EDT, 1992.
    Maurizio Macale. Mentre ascoltavo un disco di Battiato. Bastogli Editrice Italiana, 1996.
    Enzo Di Mauro, Roberto Masotti. Fenomenologia di Battiato. Auditorium, 1997.
    Maurizio Macale. Franco Battiato: Centro di gravità permanente. Dalle origini a "Gommalacca". Bastogli Editrice Italiana, 1998.
    Luca Cozzari. Franco Battiato. Pronipote dei padri del deserto. Zona, 2000.
    Maurizio Macale. Franco Battiato. Una vita in diagonale. Bastogli Editrice Italiana, 2002.
    Paolo Jachia. E ti vengo a cercare. Franco Battiato e il sacro. Ancora, 2005.
    Alessandro Pomponi. Franco Battiato - Discografia Illustrata. Coniglio Editore, 2005.
    Guido Guidi Guerrera. Battiato. Another link. Verdechiaro, 2006.
    Federico Guglielmi. Voci d'autore. La canzone italiana si racconta. Arcana, 2006. ISBN 8879664166.
    Note

      ^ (IT) «Franco Battiato dalla A alla Z». Repubblica.it , 05-08-1989 (consultato in data 21-05-2008).
      ^ ALBUM 1973. URL consultato il 21-05-2008.
      ^ a b Settimana 4 marzo 1983. URL consultato il 5-09-2008.
      ^ «Battiato dal papa. In programma le sue composizioni». repubblica.it , 12-03-1989 (consultato in data 05-09-2008).
      ^ Luca Dondoni. «Un disco e la colonna sonora per Ghezzi Battiato al <Cafe' con un nuovo naso». Lastampa.it , 04-05-1993, pag. 24 (consultato in data 5-09-2008).
      ^ «Stasera le Targhe del Tenco». LaStampa.it , 16-04-1993, pag. 23 (consultato in data 05-08-2008).
      ^ Franco Battiato - Caffè De La Paix. URL consultato il 24-07-2008.
      ^ L'Ottava
      ^ Collaborazioni con pseudonimi

    Voci correlate
    Manlio Sgalambro
    Angelo Privitera
    Giusto Pio
    Luca Volpatti
    Fleur Jaeggy
    Giuni Russo
    Giorgio Gaber
    Ombretta Colli
    Juri Camisasca
    Filippo Destrieri
    Gian Ruggero Manzoni
    Roberto Ferri
    Andrea Fornili
    Vincenzo Zitello
    Catherine Spaak
    Giuseppe Conte
    Alice
    Farida
    Luca Madonia
    Francesco Messina
    Giorgio Logiri
    Altri progetti
    Wikiquote
    Commons
    Wikiquote contiene citazioni di o su Franco Battiato
    Wikimedia Commons contiene file multimediali su Franco Battiato
    Collegamenti esterni
    Sito ufficiale dell'artista
    Scheda su Franco Battiato dell'Internet Movie Database
    Non sarei qui senza Franco Battiato, articolo di Wu Ming 1 apparso sulla rivista Nuovi Argomenti, n.30, quinta serie, aprile-giugno 2005
    Che tempo che fa, video di Battiato a Che tempo che fa con interviste ed esibizioni dal vivo.


    Franco Battiato
    Discografia
    Studio: Fetus (1972) · Pollution (1972) · Sulle corde di Aries (1973) · Clic (1974) · M.elle le Gladiator (1975) · Battiato (1977) · Juke Box (1978) · L'Egitto prima delle sabbie (1978) · L'era del cinghiale bianco (1979) · Patriots (1980) · La voce del padrone (1981) · L'arca di Noè (1982) · Orizzonti perduti (1983) · Mondi lontanissimi (1985) · Fisiognomica (1988) · Come un cammello in una grondaia (1991) · Caffè de la Paix (1993) · L'ombrello e la macchina da cucire (1994) · L'imboscata (1996) · Gommalacca (1998) · Fleurs (1999, cover) · Ferro battuto (2001) · Fleurs 3 (2002, cover) · Dieci stratagemmi (2004) · Il vuoto (2007) · Fleurs 2 (2008)
    Live: Giubbe rosse (1989) · Unprotected (1994) · Last Summer Dance (2003) · Un soffio al cuore di natura elettrica (2005) · Frequenze & dissolvenze (2007, Concerto di Baghdad - 1993)
    Opere classiche: Genesi (1987) ·Benvenuto Cellini - Una vita scellerata (1990, colonna sonora) ·Gilgamesh (1992) ·Messa arcaica (1993) ·Campi magnetici - I numeri non si possono amare (2000)
    Filmografia
    Perdutoamor (2003) · Musikanten (2005) · Niente è come sembra (2007)
    Progetto musica · Portale della musica · Auditorium - Progetto cinema · Portale cinema · Drive-In
    Portale Biografie
    Portale Cinema
    Portale Rock progressivo

    Estratto da "http://it.wikipedia.org/wiki/Franco_Battiato"
    Categorie: Biografie | Cantautori italiani | Registi italiani | Nati nel 1945 | Nati il 23 marzo | Franco Battiato | Personalità legate a Riposto | Personalità legate a Catania | Gruppi e musicisti della Sicilia | Vegetariani | Cantanti italiani all'Eurofestival | Gruppi e musicisti della Jolly | Gruppi e musicisti della Philips | Gruppi e musicisti della Bla Bla | Gruppi e musicisti della Dischi Ricordi | Gruppi e musicisti della EMI ItalianaCategorie nascoste: BioBot | Voci con citazioni mancanti

    « Torna al 23 Marzo


    Cerca compleanni per iniziale: a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 5
    Oppure per mese: Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre