Francesco Rosi (88)

Informazioni di base:

  • Data di nascita: 15 Novembre 1922
  • Professione: Regista
  • Luogo di nascita: Napoli (NA)
  • Nazione: Italia
  • Francesco Rosi in Rete:

  • Wikipedia: Francesco Rosi su Wikipedia
  • Biografia:

    (estratta da Wikipedia)

    Francesco Rosi (Napoli, 15 novembre 1922) è un regista e sceneggiatore italiano.

    Biografia
    Formazione
    Durante la seconda guerra mondiale studia Giurisprudenza per intraprendere poi una carriera come illustratore di libri per bambini; contemporamente inizia a lavorare per Radio Napoli, dove intreccia amicizia con Raffaele La Capria, Aldo Giuffrè e Giuseppe Patroni Griffi, con i quali collaborerà spesso in futuro. L'attività teatrale lo portò anche a stringere amicizia con Giorgio Napolitano.
    Nel 1946 inizia la sua carriera nel mondo dello spettacolo come assistente di Ettore Giannini per l'allestimento teatrale di 'O voto di Salvatore Di Giacomo. E' aiuto regista di Luchino Visconti per il film La terra trema (1948) e Senso (1953), e dopo varie sceneggiature (Bellissima, 1951, Processo alla città, 1952) gira alcune scene del film Camicie rosse (1952) di Goffredo Alessandrini. Nel 1956 co-dirige con Vittorio Gassman il film Kean.
    Solo nel 1958 potrà dirigere il suo primo lungometraggio, La sfida, che ottiene il consenso di critica e pubblico. L'anno successivo dirige Alberto Sordi in I magliari (1959), nel quale l'attore romano è un immigrato che fa la spola tra Amburgo e Hannover che si trova a scontrarsi con un boss napoletano per il controllo del mercato delle stoffe.
    Il film-inchiesta
    Inaugura il florido filone dei film-inchiesta ripercorrendo la vita di un malavitoso siciliano attraverso una serie di lunghi flashback in Salvatore Giuliano (1962), e l'anno successivo dirige Rod Steiger nel suo capolavoro Le mani sulla città (1963), nel quale denuncia con coraggio le collisioni esistenti tra i diversi organi dello Stato e lo sfruttamento edilizio a Napoli. La pellicola viene premiata con il Leone d'Oro al Festival di Venezia; questi due film sono generalmente considerati i capostipiti del cinema ad argomento politico, che vedrà in futuro spesso la recitazione duttile e spontanea di Gian Maria Volontè.
    il film «Salvatore Giuliano» (1962)
    Dopo Il momento della verità (1965), Rosi si concede una migrazione in un film favolistico C'era una volta... (1967), con Sophia Loren e Omar Sharif, fresco del successo ottenuto dal film Il dottor Zivago (1966), anche se Rosi aveva inizialmente richiesto per la parte Marcello Mastroianni.
    Negli anni '70 torna ai temi di sempre e parla della scottante morte di Enrico Mattei in Il caso Mattei (1971) e Lucky Luciano (1973), entrambi con grandi prove di Gian Maria Volontè. Riscuote un notevole successo il capolavoro Cadaveri eccellenti (1976, tratto dal romanzo Il contesto di Sciascia), con Lino Ventura, e realizza la versione cinematografica di Cristo si è fermato a Eboli (1979), tratto dall'omonimo romanzo di Carlo Levi e sempre con Volonté protagonista.
    Dagli anni '80 fin oggi
    Dopo un altro successo come Tre fratelli (1981), con Philippe Noiret, Michele Placido e Vittorio Mezzogiorno, vorrebbe trasportare sul grande schermo il romanzo La tregua di Primo Levi, ma il suicidio dello scrittore (11 aprile 1987) lo fa rinunciare (realizzerà la pellicola solo nel 1997), e dirige un adattamento cinematografico della Carmen (1984) con Plácido Domingo. Successivamente lavora a Cronaca di una morte annunciata (1987), tratto dal romanzo di Gabriel García Márquez, che riunisce un grande cast alla corte di Rosi, Gian Maria Volontè, Ornella Muti, Rupert Everett, Anthony Delon e Lucia Bosè; il film fu girato in Venezuela.
    Gira poi Dimenticare Palermo (1990), con James Belushi, Mimi Rogers, Vittorio Gassman, Philippe Noiret e Giancarlo Giannini.
    Nel 1997 gira il film La tregua, tratto dall'omonimo romanzo di Primo Levi.
    Nel 2003 è tornato alla regia teatrale con Napoli milionaria di Eduardo De Filippo.
    Nel 2008 gli è stato assegnato l'Orso d'Oro alla carriera al Festival di Berlino.
    Onorificenze
    Cavaliere di Gran Croce Ordine al Merito della Repubblica Italiana
    — Roma, 2 giugno 1995.
    Grand'Ufficiale dell'Ordine al merito della Repubblica Italiana
    — Roma, 27 aprile 1987. Di iniziativa del Presidente della Repubblica.
    Filmografia
    Regista
    Camicie rosse (1952) - alcune scene
    La sfida (1958)
    I magliari (1959)
    Salvatore Giuliano (1962)
    Le mani sulla città (1963)
    Il momento della verità (1964)
    C'era una volta... (1967)
    Uomini contro (1970)
    Il caso Mattei (1972)
    Lucky Luciano (1973)
    Cadaveri eccellenti (1975)
    Cristo si è fermato a Eboli (1979)
    Tre fratelli (1981)
    Carmen (1984)
    Cronaca di una morte annunciata (1987)
    12 registi per 12 città (1989) documentario
    Dimenticare Palermo (1990)
    Diario napoletano (1992)
    La tregua (1997)
    Sceneggiatore
    Bellissima (1951)
    Processo alla città (1952)
    Racconti romani (1955)
    Il bigamo (1956)
    Regista e sceneggiatore

    Soggetti originali


    La sfida (1958)
    I magliari (1959)
    Salvatore Giuliano (1962)
    Le mani sulla città (1963)
    Il momento della verità (1964)
    C'era una volta... (1967)
    Il caso Mattei (1971)
    Lucky Luciano (1973)
    Diario napoletano (1992)

    Soggetti non originali


    Kean (1956, soggetto di Dumas e Sartre)
    Uomini contro (1970, soggetto di Emilio Lussu)
    Cadaveri eccellenti (1976, tratto dal romanzo di Sciascia Il contesto)
    Cristo si è fermato a Eboli (1979, tratto dall'omonimo romanzo di Carlo Levi)
    Tre fratelli (1981, tratto dal racconto Il terzo figlio di Platonov)
    Carmen (1984, tratto dall'opera lirica di Bizet)
    Cronaca di una morte annunciata (1987, tratto dall'omonimo romanzo di García Márquez)
    Dimenticare Palermo (1990, tratto dall'omonimo romanzo di Edmonde Charles-Roux)
    La tregua (1996, tratto dall'omonimo romanzo di Primo Levi)
    Teatro
    Regista
    In memoria di una signora amica (di Giuseppe Patroni Griffi 1963)
    Napoli Milionaria (di Eduardo De Filippo 2003)
    Le voci di dentro (di Eduardo De Filippo 2006)
    Filumena Marturano (di Eduardo De Filippo 2008)
    Collaboratori
    Attori
    Gian Maria Volontè
    Rod Steiger
    Philippe Noiret
    Cosceneggiatori
    Raffaele La Capria
    Tonino Guerra
    Enzo Provenzale
    Suso Cecchi D'Amico
    Direttori della fotografia
    Gianni Di Venanzo: collaborò ai sei primi film (da Kean a Il momento della verità)
    Pasqualino De Santis: collaborò agli ultimi tredici film (da Il momento della verità a La tregua)
    Montatori
    Mario Serandrei
    Ruggero Mastroianni
    Compositori di colonne sonore
    Roman Vlad: collaborò ai due primi film (Kean, La sfida)
    Piero Piccioni: collaborò a dodici film (da I magliari a Cronaca di una morte annunciata)
    Note

      ^ Cavaliere di Gran Croce Ordine al Merito della Repubblica Italiana Francesco Rosi regista cinematografico
      ^ Grande Ufficiale Ordine al Merito della Repubblica Italiana Sig. Francesco Rosi

    Altri progetti
    Wikiquote
    Wikiquote contiene citazioni di o su Francesco Rosi
    Collegamenti esterni
    Scheda su Francesco Rosi dell'Internet Movie Database
    Laurea ad honorem a Francesco Rosi
    Portale Biografie
    Portale Cinema

    Estratto da "http://it.wikipedia.org/wiki/Francesco_Rosi"
    Categorie: Biografie | Registi italiani | Sceneggiatori italiani | Nati nel 1922 | Nati il 15 novembre | David di Donatello per il miglior regista | David di Donatello per la migliore sceneggiatura | Personalità legate a Napoli | Cavalieri di Gran Croce OMRI | Grandi Ufficiali OMRICategoria nascosta: BioBot

    « Torna al 15 Novembre


    Cerca compleanni per iniziale: a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 5
    Oppure per mese: Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre