Francesco De Gregori (59)

Informazioni di base:

  • Data di nascita: 4 Aprile 1951
  • Professione: Cantante
  • Luogo di nascita: Roma (RM)
  • Nazione: Italia
  • Francesco De Gregori in Rete:

  • Sito Ufficiale: Il sito ufficiale di Francesco De Gregori
  • Wikipedia: Francesco De Gregori su Wikipedia
  • Biografia:

    (estratta da Wikipedia)

    Francesco De Gregori (Roma, 4 aprile 1951) è un cantautore italiano.
    Soprannominato "il Principe" dei cantautori, il suo stile, simile a quello di Bob Dylan e Leonard Cohen, i suoi maggiori ispiratori, richiama sia le sonorità rock, sia quelle melodiche, sia la musica popolare e, dal punto di vista dei testi, presenta un ampio uso della metafora, spesso di non immediata interpretazione, con liriche di ispirazione intimista, letterario-poetica ed etico-politica in cui trovano spazio riferimenti all'attualità e alla storia, che lo hanno reso uno dei cantautori più importanti dell'attuale scena musicale italiana; insieme a Fabrizio De André e Francesco Guccini è considerato uno dei più grandi cantautori italiani di tutti i tempi, e come loro, è considerato da molti sia un cantautore sia un poeta, malgrado egli non ami definirsi né l'uno né l'altro, ma solo "artista".

    Biografia
    Nato a Roma il 4 aprile 1951, da Giorgio De Gregori, bibliotecario, e Rita Grechi, insegnante di lettere, deve il proprio nome in memoria e ricordo dello zio Francesco, partigiano comandante delle brigata Osoppo con il nome di battaglia Bolla, trucidato a Porzus (Friuli) il 7 febbraio 1945 insieme ad altri partigiani (fra cui Guido, il fratello di Pierpaolo Pasolini) da una formazione partigiana comunista.
    Trascorre alcuni anni della sua infanzia a Pescara per poi tornare a Roma sul finire degli anni '50; frequenta il liceo classico al Virgilio, e tra i suoi compagni di classe vi è la figlia di Amintore Fanfani.
    Nel 1966, insieme al padre e al fratello Luigi, maggiore di sette anni, si reca a Firenze per prestare soccorso alla popolazione colpita dall'alluvione. Come ha raccontato egli stesso, nel 1966 impara a suonare alla chitarra la sua prima canzone, che è Il ragazzo della via Gluck di Adriano Celentano, il primo brano scritto interamente da lui è invece la storia di un disoccupato che sale sul Colosseo per avere un lavoro, ma scivola e muore.
    Gli inizi: il Folkstudio
    Francesco De Gregori, Caterina Bueno e Antonio De Rose durante un concerto nel 1971
    È grazie al fratello che iniziò ad esibirsi in pubblico: Luigi infatti, con il nome d'arte di Ludwig, si esibiva ogni settimana al Folkstudio, presentando canzoni tradizionali statunitensi e propri brani. Un giorno, agli inizi del 1970, Francesco fece ascoltare al fratello una canzone che aveva appena scritto, intitolata Buonanotte Nina, i cui accordi erano presi da una canzone di Fabrizio De André ma eseguiti nella sequenza inversa. Luigi la imparò e la cantò al Folkstudio con successo, per cui propose al fratello di cantarla la domenica successiva, cosa che Francesco fece.
    Al Folkstudio De Gregori conobbe molti musicisti, tra cui Caterina Bueno (che lo ingaggiò come chitarrista per un tour nel 1971, insieme al chitarrista Antonio De Rose, ed alla quale anni dopo dedicò la canzone Caterina, contenuta nell'LP Titanic), Antonello Venditti, Mimmo Locasciulli, Giovanna Marinuzzi (con la quale ebbe un breve flirt citato anni dopo nella canzone Niente da capire), Ernesto Bassignano e Giorgio Lo Cascio.
    Per un breve periodo diede vita, insieme a quest'ultimo, ad un duo - Francesco e Giorgio - che per molti versi si rifaceva al duo statunitense Simon and Garfunkel; il loro repertorio comprendeva canzoni di Bob Dylan e Leonard Cohen.
    Sempre con Lo Cascio e la collaborazione di Antonello Venditti ed Ernesto Bassignano, Francesco si esibiva al Folkstudio in uno spazio del programma denominato "I giovani del folk", divenuta poi la denominazione usata dai quattro per le esibizioni nel resto d'Italia.
    Theorius Campus
    Alla fine del 1971 De Gregori e Lo Cascio ottengono un'audizione con la It di Vincenzo Micocci: sono indirizzati a questa etichetta da Giovanna Marini, alla quale avevano chiesto di metterli in contatto con I dischi del sole (cosa non possibile per il repertorio della casa discografica, molto politicizzato rispetto a quello dei due cantautori).
    Durante il provino realizzano una lacca con quattro canzoni: Il partigiano (cover in italiano di The partisan di Leonard Cohen) e Dolce signora che bruci cantate insieme, Ho cercato di dirti cantata da Lo Cascio e Signora Aquilone cantata da De Gregori, e Micocci, colpito dai brani, propone loro un contratto discografico.
    Da ricordare che la versione incisa in quest'occasione di Signora Aquilone presenta il testo originale, così come veniva cantato da De Gregori dal vivo, e cioè con il verso
    che verrà cambiato in:
    Ma, ancora prima di iniziare, il sodalizio artistico si scioglie: come racconta lo stesso Lo Cascio nel suo volume su De Gregori, i due avevano alcune divergenze sulla realizzazione degli arrangiamenti, però il pretesto per la separazione fu un viaggio premio in Ungheria (ottenuto come retribuzione per la registrazione di uno special televisivo magiaro realizzato a casa di Nanni Loy), a cui Lo Cascio rinuncia (perché in quel periodo sta organizzando il matrimonio); De Gregori propone il viaggio a Venditti (che ha anche lui firmato con la It all'insaputa dei due amici) che accetta, e durante il viaggio i due decidono di costituire un duo (scrivendo insieme la canzone In mezzo alla città), e realizzano l'album Theorius Campus, pubblicato nel giugno del 1972, in cui De Gregori include una canzone, La casa del pazzo, con la musica scritta da Lo Cascio.
    Il titolo del disco è in realtà anche il nome del duo (non essendo presenti sulla copertina i nomi dei due cantautori): esso raccoglie alcuni brani già presentati al Folkstudio, tra i quali Signora aquilone e Dolce signora che bruci di De Gregori, La casa del pazzo di De Gregori/Lo Cascio e Roma capoccia di Venditti.
    L'album è stato ristampato negli anni successivi anche con il nome di Roma capoccia.
    L'esordio solista e gli anni settanta
    Spinto dai meccanismi della promozione musicale (perché l'idea fu, in effetti, del cantautore), partecipa al Disco per l'estate con la canzone Alice: l'operazione dà i suoi frutti e permette al suo disco d'esordio di avere un relativo successo. L'idea di partecipare a questo festival volle essere anche una provocazione e derivò dalla tentazione di proporre una canzone del genere accanto alla più tranquillizzante Iva Zanicchi. Alice non lo sa è invece il titolo del primo album da solista di De Gregori, che esce nel 1973. È un disco molto discusso dalla critica per la sua vena ermetica e a tratti incomprensibile. Il De Gregori di questo esordio appare come una presenza fragile (rappresentata da una voce delicata e sognante) e al contempo partecipe delle emozioni che lo coinvolgono. La voce flebile e insieme penetrante intona parole sfuggenti ma al contempo evocative: la storia del XX secolo sembra far da sfondo tanto alle canzoni che più espressamente fanno ad essa riferimento (1940 e più ancora Saigon), quanto alle canzoni di carattere più esistenziale (La casa di Hilde). De Gregori inizia, poi, ad utilizzare uno dei suoi cliché più riusciti, il ritratto femminile (Alice, Irene). Un album molto particolare, musicalmente leggero e insieme complesso, che però non trova consenso tra il pubblico.
    Dalla IT, De Gregori passò alla RCA Italiana (con un contratto da 300.000 lire al mese), che pubblicò l'album Francesco De Gregori. All'assenza di un titolo specifico, si è spesso sopperito riferendosi ad esso come all'album della pecora. La copertina (opera di Gordon Fagetter, batterista dei Cyan Three e primo marito di Patty Pravo) ritrae un tipico agnello pasquale con le gambe raccolte a reggere un lungo bastone, che reca in cima, ben visibili, le iniziali di Francesco De Gregori. Il disco continua a presentare, sulla linea del precedente, testi estremamente complessi e introspettivi, essendo nel contempo ancora più sperimentale. D'altra parte, gli arrangiamenti sono decisamente più curati e anche l'esecuzione risulta più riuscita. Spiccano le canzoni Bene, Souvenir, Dolce amore del Bahia, Chissà dove sei e due classici: Cercando un altro Egitto (forse il bozzetto più ermetico dell'ermetismo degregoriano) e, soprattutto, Niente da capire.
    De Gregori considerava all'epoca questo il suo disco peggiore:
    Il successo
    Il grande successo arrivò con Rimmel del 1975, uno dei dischi più venduti del decennio, contenente uno dei suoi ritratti più riusciti, l'omonima Rimmel, storia di un addio freddo e distaccato, Pablo (scritta insieme a Lucio Dalla), Quattro cani e Pezzi di vetro, e proseguì con Bufalo Bill dell'anno seguente.
    Sempre nel 1975 collaborò con Fabrizio De André per la realizzazione di Volume VIII, passando un periodo nella sua villa in Gallura. Con il cantautore genovese pubblicò la sua canzone Le storie di ieri e collaborò per le canzoni Oceano (che sarebbe l'enigmatica risposta di De Gregori al perché Alice guarda i gatti, domanda che gli era stata fatta dal figlio di De André, Cristiano), La cattiva strada, Dolce Luna e Canzone per l'estate. Nel corso di un'intervista, De Gregori ha dichiarato che la collaborazione con Fabrizio De André fu abbastanza difficile e quantomeno singolare: i due non si incontravano quasi mai perché mentre De Gregori lavorava all'album di giorno, Fabrizio - alzandosi molto tardi - lo faceva di notte.
    Il "processo" al Palalido di Milano
    Durante la tournée del 1976, in aprile, durante la seconda tappa al Palalido di Milano (il debutto era avvenuto a Pavia), alcuni ragazzi, appartenenti ai collettivi politici studenteschi salirono sul palco ripetutamente, interrompendo il concerto, per leggere al pubblico loro prese di posizione rispetto agli eventi della lotta politica del periodo e contestarono De Gregori per la contaminazione borghese, le frequentazioni di alberghi lussuosi e soprattutto la strumentalizzazione dei temi cari alla sinistra per arricchirsi. De Gregori, dopo aver cantato qualche canzone di malavoglia e sottotono, abbandonò il palco. Ispirata a questo episodio è la canzone di Roberto Vecchioni "Vaudeville (Ultimo mondo cannibale)" inserita nell'album "Samarcanda" pubblicato l'anno seguente.
    Dopo un nuovo tour alla fine dell'anno interruppe temporaneamente la sua carriera per riprenderla nel 1978 con il riuscito De Gregori, album contenente la famosa canzone Generale.
    L'anno seguente fu quello della ripresa dei tour col grande successo Banana Republic assieme a Lucio Dalla, e con Ron e i futuri Stadio, e dell'album Viva l'Italia, contenente l'omonima canzone che entrò di diritto tra le canzoni più sentimentalmente nazionali italiane.
    Gli anni ottanta
    Dopo una pausa De Gregori ritornò nel 1982 con il fortunato album Titanic, a cui seguì il successo de La donna cannone, Q Disc dell'anno successivo.
    Ormai annoverato da critica e pubblico tra i maggiori cantautori italiani e soprannominato "Il Principe", proseguì la sua carriera negli anni successivi pubblicando altri lavori di ottimo livello, come Scacchi e tarocchi (1985) - che comprende il noto brano La storia - e Terra di nessuno (1987), contenente, fra le altre, Mimì sarà. Pubblica nel 1989 Mira Mare 19.4.89 (la data di uscita dell'album), un lavoro che tiene insieme l'impegno civile e la poesia, la cronaca e la letteratura.
    Francesco De Gregori nel 1997 al Salone della musica di Torino
    Gli anni novanta
    Nel 1990, scompaginando le logiche commerciali, De Gregori pubblicò contemporaneamente tre album dal vivo, a cui ne seguì tre anni dopo un altro, Il bandito e il campione, comprendente l'omonimo brano, ennesimo successo di pubblico scritto dal fratello Luigi Grechi.
    Prima di questo, nel 1992 pubblicò Canzoni d'amore. Nel 1996 uscì Prendere e lasciare; nel 1997 La valigia dell'attore, da cui è tratta la traccia omonima, uno dei due inediti del disco (l'altro è "Dammi da mangiare"), che nel 1998 si aggiudicò la Targa Tenco come miglior canzone dell'anno.
    Il nuovo millennio
    Nel 2001 De Gregori pubblica Amore nel pomeriggio in cui collaborano agli arrangiamenti artisti quali Franco Battiato e Nicola Piovani. Il disco ottiene la Targa Tenco come miglior opera dell'anno a pari merito con Canzoni a manovella di Vinicio Capossela. Nel 2002 pubblica insieme a Giovanna Marini un disco di canti popolari e sociali italiani, Il fischio del vapore, ottenendo una inaspettata affermazione di vendite. Sempre nel 2002 è in tour con Fiorella Mannoia, Pino Daniele e Ron. I quattro si esibiscono nei più bei luoghi italiani, e da questa collaborazione nasce il CD live In tour.
    Nel 2003 viene pubblicata la biografia "Quello che non so, lo so cantare", edita da Giunti e curata da Enrico Deregibus. Sempre nel 2003, De Gregori partecipa al film di Bob Dylan Masked and anonymous, in cui canta Non dirle che non è così, versione italiana (ad opera dello stesso De Gregori) di If you see her, say hello (da Blood on the tracks del 1975). Nelle note illustrative della colonna sonora di Masked and anonymous, Dylan lo definisce "la leggenda della musica leggera italiana".
    Il cantautore romano ritorna nel marzo 2005 con un album di inediti, Pezzi, che si aggiudica nuovamente la Targa Tenco come miglior album dell'anno, mentre Gambadilegno a Parigi viene votata come miglior canzone dell'anno dai lettori del quotidiano La Stampa. La promozione dell'album riporta De Gregori sulla scena: parteciperà infatti per la prima volta a Festivalbar e a Top Of The Pops, esibendosi anche al concerto del Primo Maggio. Il 2 luglio 2005 ha l'onore di essere il primo musicista di tutto il mondo ad iniziare il Live8. Infatti, per il fusorario italiano, l'inizio della manifestazione avrebbe dovuto essere alle 15, ma a De Gregori viene concesso di iniziare un quarto d'ora prima.
    Francesco De Gregori nel marzo del 2008
    Nel febbraio 2006, a soli undici mesi dall'uscita del suo ultimo disco, De Gregori pubblica un nuovo album, Calypsos, con nove brani inediti. Tra questi Cardiologia - brano in cui, a più di 30 anni di distanza da Pezzi di vetro, il cantautore torna ad usare le parole "Ti amo" - e Per le strade di Roma, un ritratto impietoso della Roma del terzo millennio, archetipo dell'Italia dei nostri tempi, che molti vedono come ispirato a Streets of Philadelphia, pubblicato nel 1994 da Bruce Springsteen.
    Nel novembre del 2006 la Sony pubblica una tripla antologia che raccoglie i suoi brani più rappresentativi e che contiene, oltre alla celebre Diamante (pezzo scritto per Zucchero e incluso nel suo album Oro, incenso e birra), un demo del 1979 di Mannaggia alla musica, scritta originariamente per Ron e già presente in versione live nell'album Bootleg, e il b-side del singolo Viva l'Italia, la celebre Banana Republic, cantata senza Lucio Dalla.
    A fine 2007 esce un nuovo CD-DVD live dal titolo Left & Right - Documenti dal vivo che racconta per suoni e immagini il tour invernale portato in giro per gli stadi italiani. Tra la fine del 2007 e i primi mesi del 2008, De Gregori è in tour teatrale. Nel corso dello spettacolo sono proposte due nuove canzoni: "Finestre rotte", un rock-blues molto vibrato, e "Per brevità chiamato artista",titolo ripreso dalla definizione legale presente sul suo primo contratto firmato con la RCA, che sono contenute nel nuovo album, Per brevità chiamato artista, pubblicato il 23 maggio e presentato il giorno successivo nella trasmissione Che tempo che fa, condotta da Fabio Fazio su Rai Tre.
    Discografia
    Album
    Live
    1975 - Bologna 2 settembre 1974 (dal vivo) (RCA Italiana, TCL 2-1110; con Lucio Dalla, Antonello Venditti e Maria Monti)
    1979 - Banana Republic (RCA Italiana, PL 31466; con Lucio Dalla)
    1990 - Niente da capire
    1990 - Catcher in the Sky
    1990 - Musica leggera
    1993 - Il bandito e il campione (con un inedito in studio e due dal vivo)
    1994 - Bootleg (con due inediti dal vivo)
    1997 - La valigia dell'attore (con tre inediti in studio)
    2002 - Fuoco amico
    2002 - In tour (doppio con Pino Daniele, Fiorella Mannoia e Ron)
    2007 - Left & right - Documenti dal vivo
    Raccolte
    1987 - La nostra storia
    1996 - Le origini
    1998 - Curve nella memoria
    2003 - Mix (doppio, metà in studio e metà live con inediti)
    2006 - Tra un manifesto e lo specchio (triplo, con inediti)
    45 giri (1973-1985)
    1973 - Alice/I musicanti (It, ZSLT 7045)
    1974 - Niente da capire/Bene
    1975 - Rimmel/Piccola mela
    1976 - Bufalo Bill/Atlantide
    1978 - Generale/Natale (RCA Italiana, PB 6166)
    1978 - Ma come fanno i marinai/Cosa sarà - con Lucio Dalla
    1979 - Viva l'Italia/Banana Republic (RCA Italiana, PB 6391)
    1982 - La leva calcistica della classe '68/Centocinquanta stelle
    1985 - I cowboys/Sotto le stelle del Messico a trapanàr
    Partecipazioni
    Canzoni (Produttori Associati PA/LP 52, 1974) disco di Fabrizio De André in cui De Gregori suona la chitarra acustica e l'armonica a bocca in Via della povertà.
    Trianon '75, domenica musica (RCA Italiana TCL 2-1178, 1975) disco dal vivo in cui De Gregori canta Pablo
    L'Internazionale - Progetto per un inno (It ZSLT 70030, 1976) disco del saxofonista Mario Schiano in cui De Gregori canta L'Internazionale in francese, insieme a Lucio Dalla e Antonello Venditti
    Canzone d'autore (RCA Italiana PL 31403, 1978) disco di Andro Cecovini in cui De Gregori suona le percussioni ed il pianoforte in Clementina.
    Nuntereggae più (It ZPLT 34037 , 1978) disco di Rino Gaetano in cui De Gregori fa da seconda voce nel brano Fabbricando Case
    Una città per cantare (Spaghetti Records ZPLSR 34079), disco di Ron in cui De Gregori canta nella title track
    La pianta del tè (CBS 1988), disco di Ivano Fossati in cui De Gregori canta Questi posti davanti al mare insieme a Fossati e a Fabrizio De André
    Curiosità
    Francesco de Gregori ha partecipato anche come musicista alla prima puntata della trasmissione di Corrado Guzzanti "Tunnel", senza che mai venisse svelata la sua vera identità.


    Bibliografia
    Michelangelo Romano, Paolo Giaccio, Francesco De Gregori. Intervista, Anteditore, Verona, 1976, poi incluso in Riccardo Piferi (a cura di), Francesco De Gregori: un mito, edizioni Lato Side, Roma, 1980
    Alberto Stabile, Francesco De Gregori, Gammalibri Editore, Milano, 1987
    Giorgio Lo Cascio, De Gregori, Franco Muzzio Editore, Padova, 1990
    Enrico Deregibus, "Francesco De Gregori. Quello che non so, lo so cantare", Giunti editore, Firenze, 2003
    Antonio Piccolo, La storia siamo noi, Editore Bastogi, Milano, 2007
    Andrea Podestà, Francesco De Gregori. A piedi nudi lungo la strada, Editrice Zona, Civitella in Val di Chiana, 2007, ISBN 978 88 89702 83 3
    Cover Bands dedicate all'artista
    Roma
    I Banditi e il Campione *


    Note


      ^ http://www.girodivite.it/antenati/xx3sec/canzone/9degregori_poetica.htm
      ^ http://www.bielle.org/Pages/FdGMollicone_libro.htm
      ^ Speciale TG1 13 Ottobre 2008: Francesco De Gregori -Per brevità chiamato Artista, a cura di Vincenzo Mollica
      ^ Francesco De Gregori, Ricordi di timidezza, in origine in Walter Veltroni, Il sogno degli anni '60, edizioni Savelli, 1981, poi riportato in Giorgio Lo Cascio, De Gregori, Franco Muzzio Editore, Padova, 1990, pag. 179
      ^ Michelangelo Romano, Paolo Giaccio e Riccardo Piferi (a cura di), Francesco De Gregori: un mito. Intervista a De Gregori, edizioni Lato Side, Roma, 1980, pag. 5)
      ^ Michelangelo Romano, Paolo Giaccio e Riccardo Piferi (a cura di), Francesco De Gregori: un mito. Intervista a De Gregori, cit., pag. 6)
      ^ Esiste un bootleg, Live al Folkstudio, pubblicato da De Gregori e Lo Cascio nel dicembre 1970 su audiocassetta ed ora reperibile in cd
      ^ Versione reperibile su bootleg
      ^ Giorgio Lo Cascio, De Gregori, Franco Muzzio Editore, Padova, 1990, pagg. 30-31
      ^ Giorgio Lo Cascio (a cura di) - Antonello Venditti. Canzoni - Edizioni Lato Side, Roma, 1981, pag. 14
      ^ Michelangelo Romano, Paolo Giaccio e Riccardo Piferi (a cura di), Francesco De Gregori: un mito. Intervista a De Gregori, cit., pag. 19)
      ^ Angelo De Robertis, Concertino a sinistra: droga, picchiatori e un sacco di milioni, articolo sul processo a Francesco De Gregori (con un'intervista a Renzo Zenobi), pubblicato su Gente n° 16 del 19 aprile 1976, pagg. 10-13
      ^ Fonte: Quotidiano La Stampa

    Altri progetti
    Wikiquote
    Wikiquote contiene citazioni di o su Francesco De Gregori
    Commons
    Wikimedia Commons contiene file multimediali su Francesco De Gregori
    Collegamenti esterni
    Sito ufficiale
    rimmelclub.it
    iltitanic.com
    il barbagianni, blog aggiornato con le ultime news su De Gregori
    Francesco De Gregori; testi, news e tour
    Giorgio De Gregori, bibliotecario
    Portale Biografie
    Portale Musica

    Estratto da "http://it.wikipedia.org/wiki/Francesco_De_Gregori"
    Categorie: Biografie | Cantautori italiani | Nati nel 1951 | Nati il 4 aprile | Cantanti pop | Chitarristi pop | Artisti romani | Personalità legate a Roma | Gruppi e musicisti del Lazio | Gruppi e musicisti della IT | Gruppi e musicisti della RCA Italiana | Gruppi e musicisti della CBSCategorie nascoste: BioBot | Voci con curiosità da riorganizzare

    « Torna al 4 Aprile


    Cerca compleanni per iniziale: a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 5
    Oppure per mese: Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre