Felix Mendelssohn (1809-1847)

Informazioni di base:

  • Vero Nome: Jakob Ludwig Felix Mendelssohn Bartholdy
  • Scomparso nel: 1847
  • Data di nascita: 3 Febbraio 1809
  • Professione: Compositore
  • Luogo di nascita: Amburgo
  • Nazione: Germania
  • Felix Mendelssohn in Rete:

  • Wikipedia: Felix Mendelssohn su Wikipedia
  • Biografia:

    (estratta da Wikipedia)

    Jakob Ludwig Felix Mendelssohn Bartholdy
    Jakob Ludwig Felix Mendelssohn Bartholdy (Amburgo, 3 febbraio 1809 – Lipsia, 4 novembre 1847) fu un compositore, direttore d'orchestra e pianista tedesco.

    Biografia
    Mendelssohn nacque da un'aristocratica famiglia di origine ebrea. Era figlio di Abraham, banchiere, e nipote del filosofo Moses Mendelssohn.
    La famiglia di Felix, poi, più per motivi politici che di effettivo credo religioso, si convertì al luteranesimo, aggiungendo al proprio cognome Bartholdy per distinguersi dai membri della famiglia rimasti ancora fedeli all'ebraismo. Felix non rimase sconvolto da questa scelta del padre, poiché la spensieratezza e la sua saggezza giovanile e prematura gli permettevano di pensare più alla musica e alle arti che alla religione.
    Il giovane Felix ebbe modo di maturare rapidamente, grazie ai suoi genitori, assai colti, che fecero in modo che gli venisse impartita un'educazione completa, rivelandosi veloce nell'apprendimento della musica. Imparò a suonare il pianoforte dalla madre all'età di sei anni, a sette divenne allievo di Marie Bigot. Sua sorella, Fanny Mendelssohn conosciuta poi come Fanny Hensel era lei stessa pianista di fama e compositrice di rilievo tanto che alcune opere firmate dal fratello furono scritte in realtà da lei. Nel XIX secolo infatti non era ritenuto conveniente che una donna si dedicasse alla composizione musicale.
    Nel 1819 si trasferì con la famiglia a Berlino, dove si concentrò nello studio del pianoforte sotto l'insegnamento di Ludwig Berger - allievo diretto di Muzio Clementi- e della composizione con Carl Friedrich Zelter, che gli insegnò ad amare la musica di Bach e gli presentò, nel 1821, Goethe. L'anziano poeta manifestò grande ammirazione per il giovane Mendelssohn, tanto che lo invitò a suonare per lui per alleviare la sua malinconia.
    Mendelssohn si esibì nel suo primo concerto all'età di nove anni, quando prese parte ad un'esibizione da camera suonando in modo impeccabile il difficile Concerto militare di Dussek. Si rivelò un compositore prolifico fin dalla più giovane età, pubblicando il suo primo lavoro, un quartetto per pianoforte, all'età di tredici anni, ma in realtà aveva già al suo attivo uno svariato numero di operette, musica da camera e pianistica.
    Durante la giovinezza si concentrò sul suo lavoro nella sua abitazione grazie ad un'Orchestra privata. Scrisse le sue prime dodici sinfonie, che iniziarono ad essere eseguite con regolarità solamente in tempi recenti, durante i primi anni di adolescenza (più precisamente, dai dodici ai quattordici anni). A quindici anni scrisse la prima sinfonia per orchestra completa, op. 11 in Do minore (1824), nel 1825 il celebre Ottetto per archi op.20, e a diciassette l'Ouverture per il Sogno di una notte di mezza estate di Shakespeare, forse il suo primo grande successo.
    Tuttavia Felix intraprese non di rado viaggi per l'Europa, incontrando le personalità di spicco della musica di quel tempo. A Parigi nel 1825 ebbe modo di conoscere Gioachino Rossini, Giacomo Meyerbeer e Luigi Cherubini, responsabile in parte della carriera musicale poi intrapresa da Felix, avendo dato un favorevole giudizio al quartetto in si minore op. 3 (dedicato a Goethe). A Roma incontrò Hector Berlioz, con il quale instaurò una duratura amicizia, pur non considerandolo un musicista di gran livello.
    Mendelssohn ebbe il merito di riportare alla luce la musica di Johann Sebastian Bach, caduta in oblio in quel periodo, in particolare la Passione secondo Matteo (mai più interpretata dalla morte di Bach), di cui diresse un'esecuzione (non integrale e rimaneggiata nella strumentazione dal giovane Mendelssohn stesso) nel 1829, con un grande successo che gli permise di guadagnare un'ottima reputazione, e i cui effetti di riscoperta verso la musica bachiana durano tutt'oggi.
    Felix ebbe un ruolo determinante anche nella riscoperta dei lavori di Mozart, dal quale (congiuntamente a Bach) subì la maggior influenza musicale.
    La sua vita si svolse su binari piuttosto convenzionali, se comparata a quella di altri compositori dell'Ottocento. Il suo matrimonio con Cécile Jeanrenaud nel marzo del 1837 (la luna di miele, sulla Foresta Nera, gli ispirò il concerto per pianoforte e orchestra in re minore op.40) fu molto felice e fu coronato dalla nascita di cinque figli.
    Dal 1829 al 1832 fu in viaggio in Inghilterra, Svizzera, Francia ed Italia cogliendo quasi ovunque grande successo esibendosi come pianista, organista e direttore d'orchestra. Successivamente lavorò con molta intensità alle sue opere, dividendosi tra la composizione e le tournées.
    Nel 1835 fu nominato direttore dell'orchestra del Gewandhaus di Lipsia e nel 1843 fondò il Conservatorio di Lipsia.
    Patì di cattiva salute negli ultimi anni di vita, problemi che gli impedirono in gran parte esibizioni come pianista, e, come egli stesso dichiarò, soffrì di una grave forma di depressione a causa della morte della sorella Fanny nel maggio del 1847, alla quale dedicò il così chiamato "Requiem per Fanny", ossia il quartetto op. 80, in fa minore, sua ultima composizione di spessore (fu completato nel settembre del 1847) opera nella quale si riscontra per la prima volta una profonda malinconia.
    Morì nello stesso anno a causa di una serie di infarti che portarono infine all'ictus, il 4 novembre 1847 alle 21.24, nella sua casa al numero 12 di Goldschmidtstrasse a Lipsia, e fu sepolto nel Dreifaltigkeitsfriedhof (il Cimitero della Trinità) presso Berlino. Robert Schumann, suo grande amico, dedicò alla sua memoria il brano Rimembranze dell'Album per la gioventù.
    Principali Composizioni
    5 Sinfonie, la cui numerazione non rispecchia l'ordine di composizione:
    Sinfonia n. 1 in Do minore, op. 11 (1824), per piccola orchestra (lo Scherzo di questa sinfonia è in due versioni, una delle quali è l'orchestrazione dello Scherzo dell'Ottetto per archi op.20)
    Sinfonia n. 2 in Si bemolle Maggiore, op. 52 Lobesang (Inno di lode (1840), per coro ed orchestra;
    Sinfonia n. 3 in La minore, op. 56 Scozzese (1830-42);
    Sinfonia n. 4 in La Maggiore, op. 90 Italiana (1833, ma riveduta e corretta fino alla morte del compositore);
    Sinfonia n. 5 in Re Maggiore, op. 107 La riforma (1829-30).
    Mendelssohn, fra i dodici e i quattordici anni (1821-23), compose anche una dozzina di sinfonie per sola orchestra d'archi.
    Concerti:
    Concerto per violino e orchestra op.64 in Mi minore.
    Concerto per pianoforte e orchestra n.1 op.25 in Sol minore
    Concerto per pianoforte e orchestra n.2 op.40 in Re minore
    Concerti giovanili:
    Concerto per violino e orchestra d'archi in Re minore
    Concerto per violino, pianoforte e orchestra d'archi in Re minore
    Ottetto per archi op.20 (1825)
    Musiche di scena per il Sogno di una notte di mezza estate (1843) di William Shakespeare, che contengono la famosa Marcia Nuziale; da questa suite si usa eseguire più spesso la sola Ouverture, composta nel 1826 a diciassette anni e considerata da alcuni il capolavoro del compositore;
    Quartetti per archi (1827 - 1847)
    Romanze senza parole (1829 - 1845)
    Concerti per violino e per pianoforte ed orchestra (1831, 1837)
    Gli oratori Paulus (1836) ed Elias (del 1846, sulla vita del profeta Elia)
    Ouverture per il dramma Ruy Blas di Victor Hugo (1839)
    Ouverture Meerestille und Glückliche Fahrt (Calma di mare e felice viaggio), sull'omonima poesia di Goethe
    Ouverture Die Hebryden (Ouverture Le Ebridi, 1830), ispiratagli da un viaggio in Scozia nel 1829
    Variations sérieuses op.54, per pianoforte (1841)
    "Due brani da concerto" per clarinetto, corno di bassetto e pianoforte
    "Rondo Capriccioso" per pianoforte solo
    Mendelssohn suonò l'organo dall'età di 11 anni sino alla morte, e compose per questo strumento due opere: Tre Preludi e Fughe op. 37 (1837), e Sei Sonate, op. 65 (1845).
    Curiosità: Mendelssohn e la matematica
    Il matematico Dirichlet sposò Rebecca Mendelsshon, una delle sorelle del compositore. La cugina prima di Felix, Ottilie, sposò il matematico tedesco Ernst Eduard Kummer e il loro nipote Ronald Perceval Sprague fu il coideatore della teoria di Sprague-Grundy, nella teoria dei giochi del XX secolo. Inoltre la nonna del matematico Kurt Hensel, Fanny Mendelssohn, era sorella del compositore.
    Riferimento bibliografico: L'ossessione dei numeri primi di John Derbyshire.
    Altri progetti
    Wikiquote
    Wikiquote contiene citazioni di o su Felix Mendelssohn
    Collegamenti esterni
    Mendelssohn: ascolta i suoi brani musicali su Magazzini-Sonori.
    Spartiti liberi di Mendelssohn su International Music Score Library Project
    The Lied and Art Song Texts Page Testi originali dei Lieder di Felix Mendelssohn con traduzioni in varie lingue
    Fondazione tedesca Felix Mendelssohn-Bartholdy


    Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica classica

    Estratto da "http://it.wikipedia.org/wiki/Felix_Mendelssohn"
    Categorie: Biografie | Compositori tedeschi | Direttori d'orchestra tedeschi | Pianisti tedeschi | Nati nel 1809 | Morti nel 1847 | Nati il 3 febbraio | Morti il 4 novembre | Compositori romantici | Compositori classici | Personalità legate ad Amburgo | Lipsia | Personalità ed artisti ebrei | Musicisti ebreiCategoria nascosta: BioBot

    « Torna al 3 Febbraio


    Cerca compleanni per iniziale: a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 5
    Oppure per mese: Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre