Ettore Andenna (64)

Informazioni di base:

  • Data di nascita: 13 Giugno 1946
  • Professione: Presentatore
  • Luogo di nascita: Milano (MI)
  • Nazione: Italia
  • Ettore Andenna in Rete:

  • Wikipedia: Ettore Andenna su Wikipedia
  • Biografia:

    (estratta da Wikipedia)

    Ettore Andenna nel 1979
    Ettore Giovanni Andenna (Milano, 13 giugno 1946) è un conduttore televisivo, giornalista e politico italiano.Da europarlamentare ha redatto la normativa Televisione senza frontiere.

    Il conduttore televisivo
    Il suo nome è associato soprattutto alla trasmissione Giochi senza frontiere, che fu molto popolare in gran parte del mondo fra gli anni '70 e anni '90, e di cui Andenna condusse per la RAI ben 103 puntate prima nel 1978 e poi dal 1991 al 1996. Andenna ha preso parte ad alcune puntate di Giochi senza frontiere, trasmissione basata su sfide tra squadre di cittadini di diversi paesi europei, in qualità di europarlamentare. È stato anche conduttore delle ultime due edizioni dell'Eurofestival in cui ha partecipato l'Italia, nel 1993 e 1997, entrambe svoltesi in Irlanda.
    Nel 1972, Ettore Andenna era già un celebre conduttore radiofonico dell'emittente Radio Monte Carlo. In quell'anno, Cino Tortorella decise di fargli un provino e lo scelse come conduttore della sua nuova trasmissione Scacco al re, che faceva parte della mitica Tv dei ragazzi del Primo Canale della RAI. L'anno successivo, e per ben tre edizioni, fu sempre Andenna a condurre quella che sarebbe diventata una delle trasmissioni di maggior successo della Tv dei ragazzi, ossia Il Dirodorlando.
    Qualche anno più tardi, con il nascere e l'affermarsi delle tv private, Andenna ebbe un grande successo come conduttore della trasmissione di Antenna 3 Lombardia Settimo Round, di Telemattina (la prima trasmissione televisiva mattutina d'Europa ) e de La bustarella. Quest'ultima trasmissione fu definita dall'allora editore televisivo Silvio Berlusconi, "La Cro-Magnon delle tv locali".
    Quest'ultimo ha scherzosamente ricordato parlando con Andenna degli esordi di Canale 5:
    Andenna ha collaborato con numerose altre emittenti, sia televisive che radiofoniche, tra le quali si ricorda Radio Monte Carlo.
    La parentesi di eurodeputato
    Negli anni ottanta è stato come già accennato anche europarlamentare, eletto col Partito Socialista Democratico Italiano, dove è stato membro della Commissione per il controllo di bilancio e della Delegazione per le relazioni con Malta, e membro sostituto della Commissione per la gioventù, la cultura, l'educazione, l'informazione e lo sport.
    Ha proposto anche una direttiva sul finanziamento della comunicazione delle commissioni europee, anch'essa approvata dal Parlamento.
    La direttiva "Televisione senza frontiere"
    Ettore Andenna è stato il proponente della direttiva "Televisione senza frontiere" , poi approvata dal Parlamento ed emanata dal Consiglio, che ha regolamentato l'emittenza comunitaria dando anche indicazioni in merito del diritto interno degli Stati membri. È significativo che il titolo stesso della direttiva ricalchi quello della trasmissione più popolare di cui era presentatore.
    Nell'ottobre del 2006 il ministro delle comunicazioni Paolo Gentiloni ha preso atto dei rilievi dell'Unione Europea sulla legge Gasparri che non rispettava, secondo gli organi europei né la lettera né lo spirito della direttiva e ha elaborato un testo di riforma conforme alle linee guida elaborate, a suo tempo, dal Parlamento europeo.
    Il ritorno in televisione ed il periodo "buio"
    In seguito alla fine della parentesi in politica, Andenna è tornato alla conduzione del "suo" Giochi Senza Frontiere, di cui conservava lo spirito di strumento per affratellare i popoli europei. In tal senso anche la partecipazione all'Eurofestival nel 1997, replicando l'esperienza già avuta nel 1993.
    Da questo punto di vista è significativo che la partecipazione ai giochi, (che pure avevano un carattere apparentemente "non impegnato") di "nuove" nazioni, quali i paesi dell'est o Malta ha preceduto e non seguito l'allargamento dell'Unione.
    Nel 2005 è tornato sugli schermi di Antenna 3 conducendo la trasmissione televisiva "Telemattina". Dal 30 settembre 2006 Andenna torna sugli schermi di Antenna 3 con "La Bustarella", 23 anni dopo l'ultima puntata andata in onda nel giugno del 1984. Il nome è stato cambiato in "Gran Bustarella Show", così come pure il giorno di trasmissione che non è più il giovedì ma il sabato sera.
    "Non so se sono il più giovane della vecchia guardia o il più vecchio della nuova guardia, vivo in una sorta di limbo" con queste parole Andenna stesso in un'intervista concessa nel settembre del 2005 ha parlato della sua posizione. Già perché pur avendo da poco spento 60 candeline Andenna è considerato dagli esperti di Storia della televisione uno dei padri nobili della televisione libera italiana al pari degli amici/colleghi Renzo Villa, Enzo Tortora, Cino Tortorella, "Peppo" Peppo Sacchi. e il suo show diventa rapidamente un fenomeno sociale, grazie alla carica di vitalità selvaggia tanto da far commentare all'allora presidente Fininvest, Silvio Berlusconi" Vincevo in tutta Italia ma non riuscivo a tirar giù mille spettatori alla Bustarella in Lombardia , Tra la fine degli anni novanta e i primi anni del duemila, nella tv dei reality show e del trash Ettore Andenna non era riuscito più a trovare un posto, quando paradossalmente il posto ce l'ha da anni nei libri di storia della tv.
    Aveva così scritto un toccante post sul forum di Aldo Grasso, nel quale si lamentava:
    La vita privata
    Andenna, poliglotta e laureato in scienze della comunicazione, è sposato con Diana Scapolan, a suo tempo vincitrice di noti concorsi di bellezza, (miss Europa e miss cinema Italia nel 1973) ed ex valletta di uno dei suoi show, vive nel Monferrato dove gestisce un agriturismo e un'azienda vitivinicola.
    Prospettive future
    Dal 30 settembre a Natale 2006 Ettore Andenna ha condotto su Antenna 3 una riproposta della notissima trasmissione La Bustarella; nella stagione precedente aveva riproposto sempre sulla stessa emittente, un altro storico programma, Telemattina, che alla fine degli Anni Settanta fu il primo programma mattutino d'Europa.
    Curiosità
    È curioso notare che Andenna abbia legato il suo nome e il suo volto a emittenti, trasmissioni e iniziative di successo. Quando per vari motivi, Andenna ha abbandonato queste esperienze, lasciandole continuare ad altri, queste non hanno più avuto il successo di prima. È stato il caso di Antenna 3, Rete A, Rete 4, Giochi senza frontiere, e per certi versi della stessa esperienza politica nelle file del PSDI.
    Bibliografia
    G. Dotto S. Piccinini Il mucchio selvaggio Mondadori ISBN 88-04-53952-6
    Joseph Baroni Dizionario della Televisione Raffaello Cortina Editore ISBN 88-7078-972-1
    Aldo Grasso La Tv del sommerso Edizioni Mondadori Milano, 2006 ISBN 88-04-56194-7
    Note


      ^ Intervista a Ettore Andenna, R. Esposito Castellanza in Rete,
      ^ La Bustarella, Joseph Baroni Dizionario della Televisione, Cortina Editore p. 64

    Collegamenti esterni
    Biografia sul sito di Giochi senza frontiere
    Castellanza in rete
    Estratto da "http://it.wikipedia.org/wiki/Ettore_Andenna"
    Categorie: Biografie | Conduttori televisivi italiani | Giornalisti italiani del XX secolo | Politici italiani del XX secolo | Nati nel 1946 | Nati il 13 giugno | Personalità legate a Legnano | Politici del Partito Socialista Democratico Italiano | Europarlamentari italiani | Conduttori di Giochi senza frontiereCategorie nascoste: BioBot | Voci con citazioni mancanti | Voci con curiosità da riorganizzare

    « Torna al 13 Giugno


    Cerca compleanni per iniziale: a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 5
    Oppure per mese: Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre