Enrico Gasbarra (48)

Informazioni di base:

  • Data di nascita: 12 Agosto 1962
  • Professione: Politico
  • Luogo di nascita: Roma (RM)
  • Nazione: Italia
  • Enrico Gasbarra in Rete:

  • Wikipedia: Enrico Gasbarra su Wikipedia
  • Biografia:

    (estratta da Wikipedia)

    Enrico Gasbarra (Roma, 12 agosto 1962) è un politico italiano.
    Si iscrive alla Democrazia Cristiana nel 1978, quando ha 16 anni. L'anno dopo viene eletto Presidente regionale del Lazio del Movimento Giovanile Democrazia Cristiana. Si laurea in Giurisprudenza presso l'Università La Sapienza di Roma, dove fu anche consigliere di Facoltà.
    Nel 1983, viene nominato relatore della Commissione Ministeriale "Giacobbe" del Ministero dei Lavori Pubblici per la modifica delle Legge 392 sui contratti di locazione non abitativi. Nel 1984, viene eletto Consigliere nazionale e componente della Direzione del Movimento Giovanile della DC.
    Nel 1985, viene eletto consigliere della I Circoscrizione del Comune di Roma (attuale Municipio I), ricoprendo l'incarico di presidente della Commissione Traffico-Urbanistica. Dall'anno successivo presta la propria attività lavorativa presso la Direzione Generale della Telecom Italia.
    Dal 1989 al 1993, è consulente di società del settore delle partecipazioni statali. Sempre nel 1989, viene eletto consigliere comunale di Cittareale e rieletto consigliere della I Circoscrizione di Roma con il maggior numero di voti in assoluto. In virtù di questo, viene eletto Presidente della Circoscrizione, incarico che ricopre fino al 1993.
    Nel 1993 diventa consigliere comunale di Roma e viene eletto Presidente del Consiglio Comunale. L'anno seguente aderisce al Partito Popolare Italiano (dove viene eletto Consigliere Nazionale, incarico confermato negli anni a venire). Successivamente ricopre vari incarichi nella Giunta comunale di Francesco Rutelli.
    Alle elezioni regionali del 2000, viene eletto consigliere regionale del Lazio per il PPI con oltre 13.000 voti di preferenza e viene nominato Vice-presidente della Commissione regionale per la Famiglia. Nel giugno del 2001 diventa vicesindaco di Roma nella giunta di Walter Veltroni ed aderisce a La Margherita.
    Nel 2003, viene eletto Presidente della Provincia di Roma, ottenendo il 53,4% delle preferenze alla guida di una coalizione di centro-sinistra composta da DS, Margherita, PRC, Verdi, Udeur, PdCI, SDI, Italia dei Valori e (successivamente alla sua costituzione) Sinistra Democratica. Viene però contestato per la concessione di rimborsi per un totale di 3 milioni di euro a venti consiglieri, a titolo di risarcimento per i mancati guadagni professionali dovuti alla loro elezione in consiglio provinciale.
    Nel 2007 aderisce al Partito Democratico. L'11 febbraio 2008, dà le dimissioni da Presidente della Provincia così da partecipare alle Politiche del 13-14 aprile 2008, dove è candidato alla Camera dei Deputati per il Partito Democratico nel Collegio Lazio 1.
    Note


      ^ Scandalo alla Provincia: 3 milioni per 10 uomini d'oro, l'Espresso, 25 gennaio 2008.
      ^ Roma: Gasbarra si dimette da presidente provincia, ADNKronos, 11 febbraio 2008.

    Collegamenti esterni
    Sito ufficiale di Enrico Gasbarra

    Estratto da "http://it.wikipedia.org/wiki/Enrico_Gasbarra"
    Categorie: Biografie | Politici italiani del XX secolo | Politici italiani del XXI secolo | Nati nel 1962 | Nati il 12 agosto | Presidenti delle province italiane | Politici della Democrazia Cristiana | Politici del Partito Popolare Italiano | Politici della Margherita | Politici del Partito Democratico (Italia) | Personalità legate all'Università La SapienzaCategoria nascosta: BioBot

    « Torna al 12 Agosto


    Cerca compleanni per iniziale: a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 5
    Oppure per mese: Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre