Enrico De Nicola (1877-1959)

Informazioni di base:

  • Scomparso nel: 1959
  • Data di nascita: 9 Novembre 1877
  • Professione: Politico
  • Luogo di nascita: Napoli (NA)
  • Nazione: Italia
  • Enrico De Nicola in Rete:

  • Wikipedia: Enrico De Nicola su Wikipedia
  • Biografia:

    (estratta da Wikipedia)


    Enrico de Nicola
    Luogo di nascita
    Napoli
    Data di nascita
    9 novembre 1877
    Luogo di morte
    Torre del Greco
    Data di morte
    1° ottobre 1959 (81 anni)
    Partito politico
    Partito Liberale Italiano
    Coalizione
    Mandato
    dal 1° luglio 1946 al 12 maggio 1948
    Elezione
    28 giugno 1946 al 1° scrutinio con 396 voti su 504;
    il 26 giugno 1947 (nella seconda elezione) è rieletto al 1° scrutinio con 405 voti su 431
    Titolo di studio
    Laurea in Giurisprudenza
    Professione
    Politico
    Coniuge
    celibe
    Vicepresidente
    Predecessore
    Re Umberto II (monarchia)
    Successore
    Luigi Einaudi

    Enrico de Nicola (Napoli, 9 novembre 1877 – Torre del Greco, 1º ottobre 1959) è stato un politico e avvocato italiano. Fu il primo Presidente della Repubblica Italiana. Fu infatti eletto Capo provvisorio dello Stato dall'Assemblea Costituente e dal 1º gennaio 1948, a norma della prima disposizione transitoria della Costituzione, assunse titolo ed attribuzioni del Presidente della Repubblica. Precedentemente era stato Presidente della Camera dei Deputati dal 26 giugno 1920 al 25 gennaio 1924
    Avvocato penalista di notorietà nazionale, politicamente di area liberale giolittiana, fu eletto per la prima volta deputato nel 1909 (XXIII legislatura) nel collegio di Afragola. Riconfermato sino alla XXVI legislatura, all'epoca della marcia su Roma (1922) si ritrova garante del patto nazionale di pacificazione tra fascisti e socialisti, poi abortito. Dopo l'incarico a Mussolini di formare un governo in funzione antisocialista e stabilizzatrice, si ritrovò, nei liberali e coi democristiani, ad appoggiarne la fiducia. Fu presidente della Camera fino al 1924, quando decise di non ricandidarsi alle elezioni col listone nazionale assieme ai fascisti. Nel 1929 fu nominato senatore del Regno, ma non prese mai parte ai lavori parlamentari, tranne in alcune commissioni giuridiche.
    Nel 1943, dopo la caduta del regime, considerato figura autorevole della politica pre-fascista, fu chiamato a mediare fra gli Alleati e la Corona per consentire un più agevole passaggio di poteri ed è generalmente considerata una sua creazione l'istituzione della figura del Luogotenente, con la quale si riduceva l'impatto formale della sconfitta pur limitando la sovranità monarchica.
    De Nicola, inoltre, è l'unico ad aver ricoperto sia la carica di Presidente del Senato sia quella di Presidente della Camera dei Deputati. Nella sua vita ricoprì anche la carica di Presidente della Repubblica e Presidente della Corte Costituzionale, trovandosi così ad esser stato a capo di 4 delle 5 cariche dello Stato.



    Le ragioni dell'elezione
    Fu eletto dall'Assemblea Costituente capo provvisorio dello Stato il 28 giugno 1946. L'elezione fu il frutto di un lungo lavoro "diplomatico" fra i vertici dei principali partiti politici, i quali, superata una iniziale contrapposizione fra le candidature di Benedetto Croce e Vittorio Emanuele Orlando, avevano finalmente convenuto che si dovesse eleggere un presidente capace di riscuotere il maggior possibile gradimento presso la popolazione affinché il trapasso al nuovo sistema fosse il meno traumatico possibile; si convenne perciò che dovesse scegliersi un meridionale, a compensazione della provenienza settentrionale della maggioranza dei leader politici, e che (stante il risicato - e contestato - scarto dei risultati del referendum istituzionale) dovesse trattarsi di un monarchico.
    La contrapposizione delle candidature di Orlando (proposta da DC e destre) e di Croce (proposta dalle sinistre e dai laici) si protrasse sterilmente per lungo tempo e tardò ad essere composta (principalmente dall'incessante opera di convincimento condotta da De Gasperi) per evolvere alfine nella comune indicazione di de Nicola, ma anche dall'interessato venne un supplemento di ritardo, esasperante per l'alternanza di orientamenti, ora positivi, ora negativi, che pareva esternare.
    I dubbi, l'umiltà
    Noto infatti per una prudenza ai limiti dell'indecisione, De Nicola era contrastato da sentimenti diversi e morso da profondi dubbi, mal tollerati da chi desiderava conoscere una volta per tutte il suo volere definitivo. Andreotti avrebbe ricordato che in tale occasione Manlio Lupinacci scrisse sul Giornale d'Italia "Onorevole De Nicola, decida di decidere se accetta di accettare". Fu eletto il 28 giugno 1946, con 396 voti su 501, e assunse la carica il 1° luglio. Il 25 giugno 1947 rassegnò le dimissioni, per presunti motivi di salute; le dimissioni non potevano essere respinte dalla Costituente, che lo ri-elesse il giorno dopo.
    Dopo l'entrata in vigore della Costituzione, in occasione delle prime elezioni parlamentari del Presidente della Repubblica, la maggioranza elesse nuovo presidente della Repubblica il liberale Luigi Einaudi, e de Nicola divenne senatore a vita.
    Cariche successive
    Fu anche sottosegretario di Stato al Ministero delle Colonie e a quello del Tesoro. Esercitò le attribuzioni e assunse il titolo di presidente della Repubblica dal 1º gennaio 1948, a norma della prima disposizione transitoria della Costituzione.
    Come ex Presidente della Repubblica, divenne senatore a vita. Fu Presidente del Senato della Repubblica dal 28 aprile 1951 al 24 giugno 1952, durante la I Legislatura. Si dimise in occasione delle votazioni per la legge elettorale sul c.d. premio di maggioranza (altrimenti detta legge truffa).
    Il 2 dicembre 1955 fu nominato giudice della Corte Costituzionale dal Presidente della Repubblica Giovanni Gronchi. Ricoprì l'incarico di Presidente della Corte Costituzionale dal 23 gennaio 1956 al 26 marzo 1957.
    Il 1° ottobre 1959 morì nella sua casa di Torre del Greco.
    de Nicola firma la Costituzione il 27 dicembre 1947
    Lo stile
    Era particolarmente stimato per l'onestà, l'umiltà e l'austerità dei costumi.
    Enrico de Nicola, giunto discretamente a bordo della sua auto privata a Roma dalla sua Torre del Greco, per assumere la carica (ponendo in subbuglio il mondo della politica e la polizia fino al suo arrivo), rifiutò lo stipendio previsto per il capo dello stato (12 milioni di lire) ed anzi spese preferibilmente sempre di tasca propria. Divenne famoso il suo cappotto rivoltato, dignitosissimo co-protagonista di numerosissime occasioni ufficiali.
    Considerando la provvisorietà della sua carica, ritenne improprio stabilirsi al Quirinale, optando per Palazzo Giustiniani; durante la sua presidenza, ostentava un'agendina rossa nella quale, asseriva, andava prendendo appunti sul corretto modo di esercitare la funzione presidenziale, quasi una sorta di codice deontologico per capi di stato. Il suo successore, Luigi Einaudi, fra le prime cose che fece da presidente volle dunque ricercare quest'agendina, ma, sostiene Andreotti, la trovò incredibilmente vuota, senza che De Nicola vi avesse scritto alcunché.
    Ad Afragola, il podestà Ciaramella ottenne dall'alto commissario per la Provincia di Napoli l'autorizzazione ad intitolargli una strada quando era ancóra in vita.
    Onorificenze
    Cavaliere di Gran Croce decorato di Gran Cordone
    — Roma, 5 giugno 1956
    Note


      ^ Bruno Vespa: "Storia d'Italia da Mussolini a Berlusconi", pag.32
      ^ Cristina Mascheroni. Enrico De Nicola. Infobergamo. URL consultato il 5/10/2008.

    Voci correlate
    Elezione Presidente della Repubblica 1946
    Elezione Presidente della Repubblica 1947
    Collegamenti esterni
    Enrico De Nicola. Presidenza della Repubblica. URL consultato il 5/10/2008.

    Estratto da "http://it.wikipedia.org/wiki/Enrico_De_Nicola"
    Categorie: Biografie | Politici italiani del XX secolo | Avvocati italiani | Nati nel 1877 | Morti nel 1959 | Nati il 9 novembre | Morti il 1º ottobre | Presidenti della Repubblica Italiana | Senatori a vita italiani | Giudici della Corte costituzionale della Repubblica italiana | Politici del Partito Liberale Italiano | Personalità legate a Napoli | Cavalieri di Gran Croce OMRICategoria nascosta: BioBot

    « Torna al 9 Novembre


    Cerca compleanni per iniziale: a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 5
    Oppure per mese: Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre