Ennio Flaiano (1910-1972)

Informazioni di base:

  • Scomparso nel: 1972
  • Data di nascita: 5 Marzo 1910
  • Professione: Scrittore
  • Luogo di nascita: Pescara (PE)
  • Nazione: Italia
  • Ennio Flaiano in Rete:

  • Wikipedia: Ennio Flaiano su Wikipedia
  • Biografia:

    (estratta da Wikipedia)


    Ennio Flaiano stringe la mano ad Anita Ekberg, osservata da Federico Fellini, durante una pausa delle riprese de La dolce vita, (1960)
    Ennio Flaiano (Pescara, 5 marzo 1910 – Roma, 20 novembre 1972) è stato uno scrittore, sceneggiatore e giornalista italiano. Specializzato in apprezzati elzeviri, fu anche umorista, critico teatrale e cinematografico. Scrisse per Oggi, "Il Mondo", Il Corriere della Sera e altre testate.

    Biografia
    Nato da Cetteo Flaiano il 5 marzo del 1910, Flaiano passa un'infanzia di viaggi e spostamenti continui: tra Pescara, Camerino, Senigallia, Fermo e Chieti, tra scuole e collegi. Tra il 1921 e il 1922 arriva a Roma dove termina gli studi e si iscrive ad architettura. Lo studio universitario non verrà portato a termine.
    All'inizio degli anni '30 conosce Mario Pannunzio e altre firme del giornalismo italiano, iniziando a collaborare per le riviste Oggi, Il Mondo e Quadrivio.
    Nel 1940 sposa Rosetta Rota, zia del matematico e filosofo Giancarlo Rota. Nel 1942 nasce la figlia Lelè. All'età di otto mesi inizia a dare i primi segni di una gravissima forma di encefalopatia che le comprometterà tragicamente la vita. Splendide pagine su questo drammatico evento si trovano ne La Valigia delle Indie. Dal 1943 inizia a lavorare per il cinema con Federico Fellini, Alessandro Blasetti, Mario Monicelli, Michelangelo Antonioni e molti altri. Al cinema lo legherà per sempre un rapporto di amore-odio.
    Nel 1947 vince il primo Premio Strega con Tempo di uccidere, appassionato romanzo sulla sua esperienza in Etiopia. Tra il 1947 e il 1971 scrive alcune tra le più belle sceneggiature del cinema del dopoguerra.
    Nel 1971 viene colpito da un primo infarto. "Tutto dovrà cambiare", scrive tra i suoi appunti. Inizia a rimettere ordine tra le sue carte, per dare alle stampe una versione organica della sua instancabile vena creativa: appunti sparsi su fogli di ogni tipo vengono lentamente catalogati. Ma gran parte di questo corpus di scritti è destinato a essere pubblicato postumo.
    Il 5 novembre del 1972 inizia a pubblicare sul Corriere della Sera alcuni brani autobiografici. Il 20 novembre dello stesso anno, mentre è in clinica per alcuni semplici accertamenti, viene colpito da un secondo infarto. La figlia Lelè morirà a quarant'anni, nel 1992. La moglie Rosetta si è spenta alla fine del 2003. La famiglia è riunita nel cimitero di Maccarese, vicino Roma.
    Flaiano e Roma
    Targa posta presso l'abitazione di Ennio Flaiano a Via Montecristo (Roma - Montesacro)
    Il nome di Flaiano è legato indissolubilmente a Roma, città amata e odiata. Testimone delle evoluzioni e degli stravolgimenti urbanistici, dei vizi e delle virtù dei cittadini romani, Flaiano ha saputo vivere la Capitale in tutti i suoi aspetti, tra cantieri, locali della "Dolce Vita", strade trafficate. Ne La Solitudine del Satiro Flaiano ha lasciato numerosi passi riguardanti la sua Roma. In particolare va ricordato un lungo articolo (apparso su Il Mondo nel 1957) nel quale viene descritta la nascita del quartiere Talenti, nella zona nord-est di Roma, segno della frenetica crescita urbanistica, che lentamente inghiottiva la campagna circostante. Nella zona limitrofa (il quartiere Montesacro), Ennio Flaiano visse dal 1952 e qui una targa commemorativa (posta dalla Compagnia Teatrale LABit) ricorda il suo passaggio. Sembra quasi confermare il difficile rapporto di Flaiano con Roma il fatto che la tomba dell'autore si trovi a Maccarese (Fregene), zona marittima alle porta della Capitale, dove Flaiano visse diversi anni.
    Dal 1969 in suo onore il Teatro Arlecchino diventa Teatro Flaiano, in via S.Stefano del Cacco.
    Letteratura
    Fine ed ironico moralista - ma anche acre e tragico al tempo stesso - produsse opere narrative e varie prose tutte percorse da un'originale vena satirica ed un vivo senso del grottesco, attraverso cui vengono stigmatizzati gli aspetti paradossali della realtà contemporanea. Introdusse nella lingua italiana la nota espressione "saltare sul carro del vincitore".
    Primo vincitore del Premio Strega, nel 1947, con il suo più famoso scritto, Tempo di uccidere.
    Monumento dedicato ad Ennio Flaiano all'ingresso del centro storico di Pescara
    Romanzi e racconti
    La guerra spiegata ai poveri (1946)
    Tempo di uccidere (1947)
    Diario notturno (1956)
    La donna nell'armadio (1958)
    Una e una notte (1959)
    Il gioco e il massacro (1970)
    Un marziano a Roma (1971)
    Le ombre bianche (1972)
    La solitudine del satiro (postumo, 1973)
    The Via Veneto Papers, trad. (EN) (1992)
    Autobiografia del blu di Prussia (postumo, 1974)
    Diario degli errori (1977)
    Cinema
    Flaiano è stato sceneggiatore e soggettista di numerosissimi film tra i quali sono da ricordare Roma città libera (1948), Guardie e ladri (1951), La romana (1954), Peccato che sia una canaglia (1955), La notte (1961), Fantasmi a Roma (1961), La decima vittima (1965), La cagna (1972). Ha collaborato con Federico Fellini alla sceneggiatura od al soggetto dei film I vitelloni (1953), La strada (1954), Le notti di Cabiria (1957), La dolce vita (1960) ed 8 e ½ (1963).
    Prosa radiofonica
    RAI
    Il caso Papaleo , di Ennio Flaiano, con Gianrico Tedeschi, Andreina Pagnani, Jone Morino, Roberto Pastore, regia di Luciano Mondolfo, trasmessa lunedì 18 febbraio 1963, nel terzo programma, ore 22,45.
    Il Premio Flaiano
    Alla sua memoria, nel 1974, è stato dedicato il Premio Flaiano, certamente il concorso più importante per soggettisti e sceneggiatori del cinema. La manifestazione si svolge ogni anno nella sua città natale, Pescara.
    Altri progetti
    Wikiquote
    Wikiquote contiene citazioni di Ennio Flaiano
    Portale Biografie
    Portale Letteratura
    Portale Cinema

    Estratto da "http://it.wikipedia.org/wiki/Ennio_Flaiano"
    Categorie: Biografie | Scrittori italiani del XX secolo | Sceneggiatori italiani | Giornalisti italiani del XX secolo | Nati nel 1910 | Morti nel 1972 | Nati il 5 marzo | Morti il 20 novembre | Vincitori del Premio Strega | Personalità legate a Pescara | Personalità legate a Roma | Scrittori legati a RomaCategoria nascosta: BioBot

    « Torna al 5 Marzo


    Cerca compleanni per iniziale: a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 5
    Oppure per mese: Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre