Elisabeth Taylor (78)

Informazioni di base:

  • Data di nascita: 27 Febbraio 1932
  • Professione: Attrice
  • Luogo di nascita: Londra
  • Nazione: Gran Bretagna
  • Elisabeth Taylor in Rete:

  • Wikipedia: Elisabeth Taylor su Wikipedia
  • Biografia:

    (estratta da Wikipedia)

    Elizabeth Taylor nel film Il gigante (1956)



    Oscar alla miglior attrice 1961

    Oscar alla miglior attrice 1967
    Elizabeth Rosemond Taylor - nota come Liz Teylor - DBE (Hampstead, 27 febbraio 1932) è un'attrice inglese, considerata l'ultima grande diva dell'era d'oro di Hollywood.
    È stata a lungo considerata una delle donne più belle del mondo, anche grazie al suo "marchio di fabbrica", gli inconfondibili occhi viola.

    Le origini e gli inizi della carriera
    Elizabeth Taylor nasce ad Hampstead, Londra, seconda figlia di Francis Lenn Taylor (28 dicembre 1897 - 20 novembre 1968) e Sara Viola Warmbrodt (21 agosto 1896 - 11 settembre 1994), due statunitensi residenti in Gran Bretagna. Suo fratello maggiore è Howard Taylor (nato nel 1929), e alla figlia viene data la nazionalità statunitense. Entrambi i genitori erano originari di Arkansas City, nel Kansas. Suo padre era un commerciante di arte e sua madre una ex-attrice famosa col nome d'arte di Sara Sothern, ritiratasi dalle scene quando si sposò nel 1926 a New York.
    Anche se molto spesso ci si riferisce a lei come Liz, ha sempre dichiarato di preferire il suo nome proprio per esteso; i suoi nomi di battesimo sono stati scelti in onore alla nonna paterna, Elizabeth Taylor, nata Elizabeth Mary Rosemond.
    All'età di 3 anni Elizabeth inizia a prendere lezioni di danza. Dopo l'entrata in guerra del Regno Unito i suoi genitori scelsero di tornare negli Stati Uniti per evitare le ostilità. Elizabeth ed il fratello tornarono immediatamente con la madre, mentre il padre le raggiunse poco tempo dopo per finire di sistemare gli affari a Londra. La famiglia si trasferì a Los Angeles, dove viveva al momento la famiglia di Sara, i Warmbrodts.
    Liz Taylor in una apparizione pubblica
    All'età di nove anni, la Taylor appare nel suo primo film, There's One Born Every Minute (1942), prodotto dagli Universal Studios. Scaduto il contratto con la Universal, che comprendeva solo questa pellicola, Elizabeth viene ingaggiata dalla Metro-Goldwyn-Mayer, dove il suo primo lavoro è Torna a casa Lassie! (1943), che la porta all'attenzione del pubblico.
    Dopo un altro paio di pellicole, una delle quali "in prestito" alla 20th Century Fox, appare nel suo primo film come protagonista, interpretando Velvet Brown, una bambina che allena un cavallo per vincere l'Aintree Grand National, nel film di Clarence Brown Gran Premio (1944), con Mickey Rooney. La pellicola ottiene un grandissimo successo, con un incasso di oltre 4.000.000$ al botteghino, e le fa guadagnare lo status di "bambina-prodigio". Il successo di pubblico e le ottime critiche spingono la casa di produzione a proporle un lauto contratto a lungo termine.
    Frequenta la scuola direttamente negli studi della Metro-Goldwyn-Mayer, e successivamente si diploma alla University High School di Los Angeles il 26 gennaio 1950, lo stesso anno in cui, diciottenne, si sposa per la prima volta.
    Il successo
    Nel 1951 è impegnata contemporaneamente nel film Un posto al sole (A Place in the Sun) e nel kolossal Quo vadis? (apparizione non accreditata).
    La Taylor ottiene tre nomination all'Oscar consecutive per L'albero della vita (1957) di Edward Dmytryk, interpretato accanto a Montgomery Clift, La gatta sul tetto che scotta (1958) di Richard Brooks, in cui impersona una procace moglie insoddisfatta a causa dell'indifferenza del marito (interpretato da Paul Newman), e Improvvisamente l'estate scorsa (1959) di Joseph L. Mankiewicz, con Clift, Katharine Hepburn e Mercedes McCambridge.
    Elizabeth Taylor nel film Cleopatra
    Nel 1961 vince finalmente l'Oscar alla migliore attrice per la sua interpretazione in Venere in visone (1960) di Daniel Mann, che vedeva nel cast accanto alla Taylor il marito Eddie Fisher. Nel 1967 vincerà nuovamente la statuetta per Chi ha paura di Virginia Woolf? (1966) di Mike Nichols, accanto all'allora marito Richard Burton, conosciuto sul set del kolossal Cleopatra (1963) .
    Nel 1963 diventa la star cinematografica più pagata quando le viene offerto un contratto da 1.000.000$ per interpretare come protagonista il kolossal Cleopatra della 20th Century Fox. Durante la lavorazione di questa pellicola incontra per la prima volta, sul set il futuro marito Richard Burton, che interpreta Marco Antonio. I tabloid scandalistici cominciano a parlare di una storia d'amore nata sul set tra i due attori, all'epoca entrambi erano sposati.
    Coinvolta in questa nuova relazione sentimentale, la Taylor lascia il marito Eddie Fisher per Burton, non molto tempo dopo che lo stesso Fisher aveva lasciato a sua volta in maniera simile la moglie Debbie Reynolds per sposare Elizabeth Taylor. Anni dopo, Burton avrebbe ironicamente definito tutto l'affare come "la scandale". L'episodio, che consolidò la reputazione della Taylor come femme fatale, lanciò incredibilmente la carriera di Debbie Reynolds, cui vennero offerti numerosi ruoli romantici come tipica "fidanzatina" americana bionda, e portò Burton nell'Olimpo delle stelle di Hollywood. Solo Fisher non ottenne in realtà alcun vantaggio da tutto lo scandalo e dalla pubblicità gratuita che ne scaturì.
    I matrimoni
    Elizabeth Taylor con Gregory Peck nel 1981
    Elizabeth Taylor è stata sposata 8 volte ed ha avuto 7 mariti:
    Conrad Hilton, Jr., erede della famiglia Hilton (6 maggio 1950 - 29 gennaio 1951) - divorziata
    Michael Wilding, attore (21 febbraio 1952 - 26 gennaio 1957) - divorziata
    Mike Todd, produttore (2 febbraio 1957 - 22 marzo 1958) - vedova
    Eddie Fisher, cantante (12 maggio 1959 - 6 marzo 1964) - divorziata
    Richard Burton, attore (15 marzo 1964 - 26 giugno 1974) - divorziata
    Richard Burton (2° matrimonio) (10 ottobre 1975 - 29 luglio 1976) - divorziata
    John Warner, senatore (4 dicembre 1976 - 7 novembre 1982) - divorziata
    Larry Fortensky (6 ottobre 1991 - 31 ottobre 1996) - divorziata
    Secondo il settimanale britannico "The Sunday Express", Liz avrebbe intenzione di sposarsi per la nona volta. Il nuovo marito sarebbe un fotografo di origini iraniane di nome Firooz Zahedi, diciassette anni più giovane della Diva, di cui sarebbe follemente innamorata.
    La Taylor ebbe due figli con Wilding, Michael Howard Wilding (nato il 6 gennaio 1953) e Christopher Edward Wilding (nato il 27 febbraio 1955), ed una figlia, Liza, da Mike Todd,(nata il 6 agosto 1957). Nel 1964 lei e Fisher iniziarono le pratiche per l'adozione di una bambina, poi in seguito adottata da Burton, Maria Burton (nata il 1° agosto 1961). Durante il suo matrimonio con Fisher, la Taylor si convertì al Giudaismo (dopo aver fatto parte della Chiesa Anglicana dalla nascita).
    Teatro e televisione
    Oltre al cinema, Elizabeth Taylor ha recitato in diversi programmi per la televisione, tra i quali il film per la TV del 1973 girato col marito Richard Burton intitolato Divorzia lui divorzia lei. Nel 1985 ha interpretato la giornalista di gossip Louella Parsons in Malice in Wonderland, accanto a Jane Alexander, che interpretava Hedda Hopper, ed è anche apparsa nella mini-serie Nord e Sud. Nel 2001 ha interpretato un'agente in These Old Broads. È apparsa anche in un elevato numero di altri show televisivi, tra i quali le soap opera General Hospital e All My Children e la serie d'animazione I Simpson (due volte, la prima nel ruolo di sé stessa e la seconda come voce di Maggie).
    La Taylor ha recitato anche in teatro, debuttando a Broadway e nel West End nel 1982 con un revival di The Little Foxes di Lillian Hellman. Ha poi preso parte ad una produzione dell'opera di Noel Coward Private Lives nel 1983, nel cast del quale figurava anche l'ex-marito Richard Burton.
    Altri interessi
    Elizabeth Taylor ha sempre dichiarato la sua passione per la gioielleria. Nel corso degli anni ha posseduto una grande quantità di famosi gioielli, due dei quali, tra i più celebri, sono stati il diamante Krupp da 33,19 carati (6,638 g) e il diamante Taylor-Burton, a forma di "pera", da 69,42 carat (13,884 g), che, come si può intuire dal nome, è stato uno dei numerosi incredibili regali del marito Richard Burton. La sua collezione di gioielli è stata immortalata dal libro My Love Affair with Jewelry (2002). Nel 2005 si è messa in società con Jack e Monty Abramov della Mirabelle Luxury Concepts di Los Angeles per introdurre la House of Taylor Jewelry.
    Ha anche creato e lanciato tre profumi col suo nome, "Passion," "White Diamonds" e "Black Pearls", che insieme hanno incassato complessivamente circa 200.000.000$ in vendite annuali.
    La Taylor ha impegnato molto tempo e molte energie nella lotta all'AIDS, attraverso manifestazioni e raccolte fondi. È stata tra le fondatrici American Foundation for AIDS Research (amfAR, amfar.org) dopo la morte del suo collega ed amico Rock Hudson. Ha anche dato vita ad una propria fondazione. Fino al 1999, ha aiutato a raccogliere circa 50.000.000$ per la lotta alla malattia.
    Nei primi anni '80 si trasferì a Bel-Air, Los Angeles, California, dove risiede tuttora. La proprietà, la cui privacy è difesa da alte recinzioni e cancelli, è una delle fermate principali dei tour della case delle star, ed è segnata sulle mappe vendute ai turisti.
    Gli anni recenti
    Nel novembre 2004 la Taylor ha annunciato di avere una grave forma di insufficienza cardiaca, una condizione terminale nella quale il cuore non riesce a pompare nel corpo una quantità sufficiente di sangue. Si è infortunata alla schiena cinque volte, la prima delle quali all'età di 9 anni mentre girava There's One Born Every Minute (1942), è sopravvissuta ad un'operazione per la rimozione di un tumore benigno al cervello, un cancro alla pelle e a due polmoniti. Per lunghi periodi ha vissuto, anche per colpa della cattiva salute, da reclusa, dovendo spesso rinunciare ad apparizioni pubbliche. Secondo le ultime notizie la sua mobilità è ormai limitata ed è costretta su una sedia a rotelle.
    Il 27 aprile 2006 si è diffusa la notizia che la Taylor fosse vicina alla morte proprio per i suoi problemi cardiaci, e che, consapevole della fine vicina, stesse dettando le sue volontà per i funerali. La notizia è stata prontamente smentita dal suo portavoce, Dick Guttman, secondo il quale le informazioni diffuse su Internet e da alcuni giornali non trovano fondamento, mentre Elizabeth Taylor gode tuttora di buona salute ed ha una vita impegnata con le sue linee di profumi e gioielli e il suo impegno nella lotta all'AIDS.
    Nel 2005 ha più volte difeso pubblicamente Michael Jackson, uno dei suoi migliori amici, durante il processo di quest'ultimo per le accuse di pedofilia in California.
    Durante gli ultimi anni, secondo diverse fonti la Taylor si è attaccata sempre di più al suo cagnolino, un cucciolo di maltese di nome Sugar, senza il quale non si sposta mai. In un'intervista al magazine W ha raccontato che era più felice quando era con i mariti Todd e Burton, ma ora si deve accontentare di Sugar per avere un po' di compagnia. Dopo la morte del cane, avvenuta nel giugno 2005, la Taylor nel settembre dello stesso anno ha adottato un nuovo cane di nome Daisy.
    Nel febbraio 2007 ha festeggiato i 75 anni con un favoloso party a Las Vegas, al quale è intervenuta anche la collega coetanea Debbie Reynolds.
    Premi e onorificenze
    Elizabeth Taylor con Bette Davis nel 1981
    Dame Elizabeth Taylor ha vinto due Oscar alla migliore attrice. La prima statuetta le venne attribuita per l'interpretazione in Venere in visone (1960) di Daniel Mann, e la seconda per Chi ha paura di Virginia Woolf? (1966) di Mike Nichols, che molti considerano la sua miglior performance. Per la stessa interpretazione riceve un BAFTA quale attrice britannica dell'anno.
    La Taylor ha ricevuto dall'Academy of Motion Picture Arts and Sciences anche il Premio umanitario Jean Hersholt nel 1992. L'anno successivo, 1993, ha ricevuto dall'American Film Institute il Life Achievement Award, il premio alla carriera. Nel 2002 ha ricevuto l'onorificenza del Kennedy Center Honors dal John F. Kennedy Center for the Performing Arts.
    Nel 1999 è stata nominata Dama dell'Order of the British Empire (DBE) dalla Regina Elisabetta II.
    Nel 2001, il Presidente degli Stati Uniti Bill Clinton ha voluto premiarla con il Presidential Citizens Medal, riconoscendo i suoi meriti e il suo impegno per fini filantropici; la medaglia è la la seconda più importante onorificenza civile statunitense, e viene assegnata a cittadini statunitensi "che hanno dimostrato un impegno o dei servizi esemplari" per il proprio paese e per i propri concittadini.
    Le impronte delle mani e dei piedi di Elizabeth Taylor sono impresse ed immortalate nel pavimento davanti al Grauman's Chinese Theater, ed ha una stella sulla Hollywood Walk of Fame, al numero 6336 di Hollywood Boulevard a Hollywood, California.
    Il 10 novembre 2005 ha ricevuto il Britannia Award for Artistic Excellence in International Entertainment.
    Curiosità
    Le sue misure all'epoca dei suoi migliori film erano: 36C-21-36
    Per anni è stato detto che Elizabeth Taylor nel 1963 avrebbe tentato il suicidio e che per salvarle la vita fu necessario un intervento di tracheotomia. Più recentemente, il giornalista Enrico Lucherini ha smentito ufficialmente la cosa raccontando che si è trattata di una notizia falsa da lui creata per dare più pubblicità alla relazione della Taylor con Burton.
    Fu una grande amica di Montgomery Clift fino alla sua morte avvenuta nel 1966.
    É apparsa su 14 copertine dalla rivista People, seconda solamente alla Principessa Diana.
    Nel 1997 è stata operata di tumore benigno al cervello.
    Nel 2001 le viene dedicato un aperitivo: lo spritz taylor. Un omaggio del poeta e artista interdisciplinare Norman Zoia in occasione del viaggio di Liz a Venezia e di un sogno jesolano che l'ha voluta celebrare.
    Lei e Burton hanno deciso che sarebbero stati sepolti vicini indipendentemente dal fatto di essere ancora sposati.
    Doppiaggio italiano
    Nel corso della sua lunga carriera, Elizabeth Taylor è stata doppiata da diverse attrici nell'edizione italiana dei suoi film. Alcuni esempi:
    Germana Calderini (Torna a Casa Lassie, Il padre della sposa, L'ultima volta che vidi Parigi)
    Noemi Gifuni (La dolce ala della giovinezza)
    Rita Savagnone (Cleopatra, Il coraggio di Lassie, Assassinio allo specchio)
    Adriana De Roberto (Chi ha paura di Virginia Woolf?)
    Lydia Simoneschi (Improvvisamente l'estate scorsa)
    Fiorella Betti (La gatta sul tetto che scotta, Vita inquieta, L'albero della vita, Lord Brummell, La pista degli elefanti, Rapsodia, Venere in visone
    Mirella Pace (Amiche
    Filmografia
    There's One Born Every Minute (1942)
    Torna a casa Lassie! (Lassie Come Home) (1943)
    La porta proibita (Jane Eyre) (1944)
    Le bianche scogliere di Dover (The White Cliffs of Dover) (1944)
    Gran Premio (National Velvet) (1945)
    Il coraggio di Lassie (Courage of Lassie) (1946)
    Vita col padre (Life with Father) (1947)
    Cynthia (Cynthia) (1947)
    Così sono le donne (A Date with Judy) (1948)
    La bella imprudente (Julia Misbehaves) (1948)
    Piccole donne (Little Women) (1949)
    Alto tradimento (Conspirator) (1949)
    La sbornia di David (The Big Hangover) (1950)
    Il padre della sposa (Father of the Bride) (1950)
    Papà diventa nonno (Father's Little Dividend) (1951)
    Un posto al sole (A Place in the Sun) (1951)
    Quo vadis? (Quo Vadis) (1951) (non accreditata)
    Marito per forza (Love Is Better Than Ever) (1952)
    Ivanhoe (Ivanhoe) (1952)
    Vita inquieta (The Girl Who Had Everything) (1953)
    Rapsodia (Rhapsody) (1954)
    La pista degli elefanti (Elephant Walk) (1954)
    Lord Brummell (Beau Brummell) (1954)
    L'ultima volta che vidi Parigi (The Last Time I Saw Paris) (1954)
    Il gigante (Giant) (1956)
    L'albero della vita (Raintree County) (1957)
    La gatta sul tetto che scotta (Cat on a Hot Tin Roof) (1958)
    Improvvisamente l'estate scorsa (Suddenly, Last Summer) (1959)
    Scent of Mystery (1960)
    Venere in visone (BUtterfield 8) (1960)
    Cleopatra (Cleopatra (1963)
    International Hotel (The V.I.P.s) (1963)
    Castelli di sabbia (The Sandpiper) (1965)
    Chi ha paura di Virginia Woolf? (Who's Afraid of Virginia Woolf?) (1966)
    La bisbetica domata (The Taming of the Shrew) (1967)
    Il dottor Faustus (Doctor Faustus) (1967)
    Riflessi in un occhio d'oro (Reflections in a Golden Eye) (1967)
    I commedianti (The Comedians) (1967)
    La scogliera dei desideri (Boom) (1968)
    Cerimonia segreta (Secret Ceremony) (1968)
    Anna dei mille giorni (Anne of the Thousand Days) (1969)
    L'unico gioco in città (The Only Game in Town) (1970)
    X, y & "Zi" (Zee and Co.) (1972)
    Under Milk Wood (Under Milk Wood) (1972)
    Una faccia di c... (Hammersmith Is Out) (1972)
    Divorzia lui, divorzia lei (Divorce His - Divorce Hers) (1973) Film TV
    Ad un'ora della notte (Night Watch) (1973)
    Mercoledì delle ceneri (Ash Wednesday) (1973)
    Identikit (Identikit) (1974)
    C'era una volta Hollywood (That's Entertainment!) (1974)
    Il giardino della felicità (The Blue Bird) (1976)
    La lunga notte di Entebbe (Victory at Entebbe) (1976) Film TV
    Gigi (A Little Night Music) (1978)
    Un amore impossibile (Return Engagement) (1978) Film TV
    Rebus per un assassinio (Winter Kills) (1979)
    Assassinio allo specchio (The Mirror Crack'd) (1980)
    General Hospital (1963) Serie TV
    Between Friends (1983) Film TV
    All My Children (1970) Serie TV
    Hotel (Hotel), nell'episodio "Intimate Strangers" (1984)
    Malizia a Hollywood (Malice in Wonderland) (1985) Film TV
    Nord e Sud (North and South) (1985) Miniserie TV
    Una lettera per Josh (There Must Be a Pony) (1986) Film TV
    Poker Alice (Poker Alice) (1987) Film TV
    Il giovane Toscanini (1988)
    La dolce ala della giovinezza (Sweet Bird of Youth) (1989) Film TV
    I Flintstones (The Flintstones) (1994)
    These Old Broads (These Old Broads) (2001) Film TV
    Note

      ^ "La tracheotomia della Taylor: una bufala".
      ^ Spritz Taylor, un'idea di Zoia per omaggiare Liz, la diva dai mitici occhi viola che il 31 prossimo è madrina a Venezia nel contesto della raccolta fondi per la lotta all'Aids, un aperitivo speciale a base di chardonnay con aggiunta di Amaro Speziale, curaçao e due mirtilli al posto della solita fettina d'arancia.- La Tribuna di Treviso, Sandro Bolognini, 19 agosto 2001, pag 24.

    Altri progetti
    Wikiquote
    Wikiquote contiene citazioni di o su Elizabeth Taylor
    Commons
    Wikimedia Commons contiene file multimediali su Elizabeth Taylor
    Collegamenti esterni
    Scheda su Elizabeth Taylor dell'Internet Movie Database
    Classic Movies (1939 - 1969): Elizabeth Taylor
    Portale Biografie
    Portale Cinema
    Portale Donne nella storia

    Estratto da "http://it.wikipedia.org/wiki/Elizabeth_Taylor"
    Categorie: Biografie | Attori britannici | Nati nel 1932 | Nati il 27 febbraio | Premi Oscar alla miglior attrice | Premi Bafta alla migliore attrice protagonista | Golden Globe per la miglior attrice in un film drammatico | Golden Globe alla carriera | David di Donatello per la migliore attrice straniera | Decorati con l'Ordine dell'Impero BritannicoCategoria nascosta: BioBot

    « Torna al 27 Febbraio


    Cerca compleanni per iniziale: a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 5
    Oppure per mese: Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre