Eduardo De Filippo (1900-1984)

Informazioni di base:

  • Scomparso nel: 1984
  • Data di nascita: 24 Maggio 1900
  • Professione: Attore
  • Luogo di nascita: Napoli (NA)
  • Nazione: Italia
  • Eduardo De Filippo in Rete:

  • Sito Non Ufficiale: Un sito non ufficiale su Eduardo De Filippo
  • Wikipedia: Eduardo De Filippo su Wikipedia
  • Biografia:

    (estratta da Wikipedia)

    Eduardo De Filippo, noto semplicemente come Eduardo (Napoli, 24 maggio 1900 – Roma, 31 ottobre 1984), è stato un attore teatrale, commediografo e regista teatrale italiano, fra i massimi del Novecento. Senatore a vita della Repubblica e Cavaliere di Gran Croce.

    Biografia
    Eduardo Scarpetta, padre di Eduardo De Filippo
    Figlio illegittimo dell'attore e commediografo Eduardo Scarpetta e di Luisa De Filippo (sarta teatrale), Eduardo nacque a Napoli nel quartiere Chiaia, in via Giovanni Bausan.
    Crebbe nell'ambiente teatrale napoletano insieme ai fratelli Titina e Peppino, rivelando fin da giovanissimo straordinarie doti comiche. I tre fratelli lavorarono insieme negli anni venti sia nell'ambito del teatro dialettale che in quello più eterogeneo del varietà, della rivista e dell'avanspettacolo, raccogliendo quasi sempre delle ottime critiche.
    Eduardo incontra Pirandello (1933)
    Nello stesso tempo Eduardo compose testi di vario tipo, molti dei quali rimasti a lungo inediti: il più antico tra quelli pubblicati è Farmacia di turno che risale al 1920 e che apre la raccolta Cantata dei giorni pari. Nel 1929 i tre De Filippo passarono nella compagnia Molinari e nel 1931 Eduardo scrisse per questa impresa artistica una delle sue opere più celebri, Natale in casa Cupiello interpretando la parte di Luca Cupiello. Successivamente Eduardo fondò, raccogliendo l'adesione dei fratelli, la compagnia del Teatro Umoristico "I De Filippo", che tenne banco a teatro dal 1932 al 1944, anno in cui Peppino l'abbandonò per darsi al cinema.
    Eduardo e Pulcinella (Achille Millo)
    La scatenata verve comica dei tre fratelli risaliva alle forme farsesche dell'antica commedia dell'Arte, che Eduardo conosceva bene avendola studiata e non condividendone la visione che gli studiosi avevano di essa: si dimostrò, infatti, critico verso l'agiografia degli attori che ne veniva fatta.
    Eduardo sentiva il bisogno di abbandonare il "provincialismo" napoletano della compagnia o, per meglio dire, di confrontarlo con le forme più prestigiose del teatro contemporaneo: fu decisivo in tal senso l'incontro casuale con Luigi Pirandello, che ebbe come conseguenze una grande interpretazione dell'opera Berretto a sonagli nei panni di Ciampa (1936) , la messa in scena di Liolà e la scrittura della commedia L'abito nuovo. .
    Dopo un periodo di crisi artistica, dovuta soprattutto allo scoppio della seconda guerra mondiale e alle differenti scelte artistiche effettuate da Peppino, nel 1948 egli acquistò il semidistrutto Teatro San Ferdinando di Napoli, investendo tutti i suoi guadagni nella ricostruzione di un antico teatro ricco di storia, mentre Napoli viveva una triste stagione all'insegna della più assurda speculazione edilizia. Il San Ferdinando fu inaugurato il 22 gennaio 1954 con l'opera Palummella zompa e vola. Eduardo cercò di salvaguardare la facciata settecentesca dello stabile realizzando all'interno un teatro tecnicamente all'avanguardia per farne una "casa" per l'attore e per il pubblico. Al San Ferdinando interpretò le sue opere, ma mise in scena anche testi di autori napoletani per recuperare la tradizione e farne un "trampolino" per un nuovo Teatro.
    Adottò il parlato popolare, conferendo in questo modo al dialetto napoletano la dignità di lingua ufficiale, ma elaborò una lingua teatrale che travalicò napoletano ed italiano per diventare una lingua universale. Non vi è dubbio che l'azione e l'opera di Eduardo De Filippo siano state decisive affinché il "teatro dialettale", precedentemente giudicato di second'ordine dai critici, fosse finalmente considerato un "teatro d'arte".
    Eduardo e Totò
    Tra le opere più significative di questo periodo meritano una citazione particolare Napoli milionaria! (1945), Questi fantasmi! e Filumena Marturano (entrambi del 1946), Mia famiglia (1953), Bene mio, core mio (1956), De Pretore Vincenzo (1957), Sabato, domenica e lunedì (1959) scritto apposta per l'attrice Pupella Maggio nei panni della protagonista.
    Il teatro di Eduardo De Filippo va oltre la comicità "campana", supera i confini del teatro dialettale per diventare teatro puro e senza confini. Eduardo non abbandonò mai il suo impegno politico e sociale che lo vide in prima linea anche ad ottant'anni quando, nominato senatore a vita lottò in Senato e sul palcoscenico per i minori rinchiusi negli istituti di pena. Nel 1962 partì per una lunga tournée in Unione Sovietica, Polonia ed Ungheria dovè poté toccare con mano la grande ammirazione che pubblico ed intellettuali avevano per lui.
    Tradotto e rappresentato in tutto il mondo, combatté negli anni sessanta per la creazione a Napoli di un teatro stabile. Continuò ad avere successo e nel 1963 gli venne conferito il "Premio Feltrinelli" per la rappresentazione Il sindaco del rione Sanità (da cui nel 1997 sarà tratto un film interpretato da Anthony Quinn).
    Del 1973 è Gli esami non finiscono mai, allestito con successo per la prima volta a Roma: tale commedia gli permise di vincere il "premio Pirandello" per il teatro l'anno successivo. Dopo aver ricevuto due lauree honoris causa (prima a Birmingham nel 1977 e poi a Roma nel 1980) nel 1981 fu nominato senatore a vita e aderì al gruppo della Sinistra Indipendente. Quando morì, la camera ardente venne allestita al Senato e fu sepolto al cimitero del Verano, dopo solenni esequie trasmesse in diretta televisiva, e dopo il commosso saluto di oltre trentamila persone.
    Nel teatro italiano, la lezione di Eduardo resta imprescindibile non solo per quanto concerne la contemporanea drammaturgia napoletana (Annibale Ruccello ed Enzo Moscato) e tutta quella fascia di "spettacolarità" tra cinema-teatro-televisione che ha riconosciuto in Massimo Troisi il proprio campione; ma tracce dell'influenza di Eduardo si riconoscono anche in Dario Fo ed in tutta una serie di giovani "attautori" come Ascanio Celestini (soprattutto in merito al linguaggio) o di personalità sconosciute al grande pubblico che lavorano nell'ambito della "ricerca" (si ricordi ad esempio Gaetano Ventriglia).
    Il cinema
    Dal 1932 Eduardo De Filippo entrò prepotentemente anche nel mondo del grande schermo, sia come attore che come regista (ed occasionalmente anche come sceneggiatore): il suo esordio sul set avvenne con Il cappello a tre punte di Mario Camerini (1934), mentre la sua prima regia fu In campagna è caduta una stella del 1940, di cui fu anche interprete.
    La passione per il cinema gli permise anche di riconciliarsi col fratello Peppino durante la malattia di quest'ultimo. Amico e collaboratore di Vittorio De Sica, per Vittorio egli inventò alcuni personaggi divertenti in alcune pellicole (Tempi nostri e L'oro di Napoli) e curò la sceneggiatura di Matrimonio all'italiana (1964), remake di Filumena Marturano, film diretto da Eduardo nel 1951 con lui e la sorella Titina protagonisti. Nel 1950 diresse e interpretò con Totò Napoli milionaria!.,
    I Fratelli De Filippo
    Dopo la regia di Spara forte, più forte... non capisco! del 1966 Eduardo abbandonò il cinema per dedicarsi alla TV, per la quale ripropose le sue commedie per tutto il decennio successivo e, nel 1984, l'anno della sua morte, interpretò il suo ultimo ruolo: il vecchio maestro nello sceneggiato Cuore, diretto da Luigi Comencini e tratto dal libro di Edmondo De Amicis.
    Vita privata
    La vita privata di Eduardo, frenetica e confusa nel periodo pre-bellico, trovò invece pace e serenità negli anni della vecchiaia.
    Tre sono state le donne importanti e straordinarie nella sua vita: Doroty Pennington (una giovane e colta americana che sposò nel 1928; il matrimonio fu annullato nel 1952 con sentenza del tribunale della Repubblica di San Marino, poi convalidata anche da quello di Napoli nel 1955), Thea Prandi (madre dei suoi figli Luisa e Luca, sposata il 2 gennaio 1956) e, infine, Isabella Quarantotti, scrittrice e sceneggiatrice che sposò nel 1977, dopo che da tempo si era riconciliato con Peppino.
    Nel corso di pochi anni sopportò gravi lutti familiari: prima la morte della figlia Luisella, nel 1960, poi quella della moglie (da cui si era peraltro separato l'anno prima), nel 1961,ed infine prima l'addio alle scene (1953) e la morte (1963) di Titina, la sorella da sempre "ago della bilancia" tra le forti personalità di Eduardo e quella di Peppino. Due anni prima aveva avuto un malore durante una rappresentazione scenica e gli fu applicato un pacemaker. Ciò comunque non gli tolse quella grande vitalità che lo contraddistinse per tutta la carriera.
    Carriera
    Prosa radiofonica
    RAI
    Le voci di dentro , con Eduardo De Filippo, con Titina De Filippo, Rosita Pisano, Eduardo, Aldo Giuffrè, Vera Carmi, Enzo Donzelli, regia di Eduardo, trasmessa nel secondo programma, giovedì 23 luglio 1959.
    Bibliografia
    Opere di Eduardo

    Teatro


    Teatro. Cantata dei giorni pari, Edizione critica e commentata a cura di Nicola De Blasi e Paola Quarenghi, Milano, Mondadori (I Meridiani) 2000
    Teatro. Cantata dei giorni dispari, tomo I, Edizione critica e commentata a cura di Nicola De Blasi e Paola Quarenghi, Milano, Mondadori (I Meridiani) 2005
    Teatro. Cantata dei giorni dispari, tomo II, Edizione critica e commentata a cura di Nicola De Blasi e Paola Quarenghi, Milano, Mondadori (I Meridiani) 2007
    Cantata dei giorni pari, (Einaudi, Torino, 1959)
    Cantata dei giorni dispari (3 volumi), (Einaudi, Torino, 1995)
    I capolavori di Eduardo (2 volumi), (Einaudi, Torino, 1973)
    Tre commedie (con nota introduttiva di G. Davico Bonino), (Einaudi, Torino, 1992)

    Adattamenti e lavori teatrali in collaborazione


    Pulicinella ca va' truvanno 'a fortuna soia pe' Napule di P. Altavilla (libero adattamento di Eduardo), (Edizioni del Teatro San Ferdinando, Napoli, 1958)
    La fortuna con l'effe maiuscola (in collaborazione con A. Curcio, in "Il teatro di Armando Curcio", Curcio, Milano, 1977)
    La tempesta di William Shakespeare nella traduzione in napoletano di Eduardo De Filippo, (Einaudi, Torino, 1984)
    Peppino Girella (da una novella di Isabella Quarantotti De Filippo, Editori Riuniti, Roma, 1964)
    Eduardo De Filippo presenta 4 commedie di Eduardo e Vincenzo Scarpetta (liberi adattamenti di Eduardo), (Einaudi, Torino, 1974)
    Simpatia (in collaborazione con la Scuola di drammaturgia di Firenze), (Einaudi, Torino, 1981)
    Mettiti al passo!, (commedia di C. Brachini su soggetto di Eduardo), (Einaudi, Torino, 1982)
    L'erede di Shyloc (commedia di L. Lippi su soggetto di Eduardo), (Einaudi, Torino, 1984)
    Un pugno d'acqua (commedia di R. Iannì su soggetto di Eduardo), (Einaudi, Torino, 1985)
    Teatro. Cantata dei giorni pari, a cura di Nicola De Blasi e Paola Quarenghi, Milano, Mondadori (I Meridiani) 2000
    Teatro. Cantata dei giorni dispari, tomo I, a cura di Nicola De Blasi e Paola Quarenghi, Milano, Mondadori (I Meridiani) 2005
    Teatro. Cantata dei giorni dispari, tomo II, a cura di Nicola De Blasi e Paola Quarenghi, Milano, Mondadori (I Meridiani) 2007


    Poesie e racconti


    Della produzione artistica di Eduardo non vanno dimenticate le poesie di cui lo stesso autore ce ne racconta la genesi:«Dopo aver scritto poesie giovanili, come fanno più o meno tutti i ragazzi, questa attività divenne per me un aiuto durante la stesura delle mie opere teatrali. Mi succedeva, a volte, riscrivendo una commedia, d'impuntarmi su una situazione da sviluppare, in modo da poterla agganciare più avanti a un'altra, e allora, messo da parte il copione, per non alzarmi dal tavolino con un problema irrisolto, il che avrebbe significato non aver più voglia di riprendere il lavoro per chissà quanto tempo, mi mettevo davanti un foglio bianco e buttavo giù versi che avessero attinenza con l'argomento e i personaggi del lavoro interrotto.
    Questo mi portava sempre più vicino all'essenza del mio pensiero e mi permetteva di superare gli ostacoli.
    Per esempio, La gatta d' 'o palazzo e Tre ppiccerilli mi aiutarono ad andare avanti con Filumena Marturano. Come la gatta lascia il biglietto da mille lire e mangia il cibo, così Filumena non mira al danaro di Domenico Soriano ma alla pace e alla serenità dei suoi figli.
    I quali figli sono poi i tre bambini sotto un ombrello che vidi davvero una mattina in un vicolo di Napoli, uniti nella poesia, separati nella vicenda teatrale fino al momento della rivelazione di Filumena... A poco a poco ci ho preso gusto e ora scrivo poesie anche indipendentemente dalle commedie». (in nota di copertina a "Eduardo De Filippo,Le poesie, Einaudi, Collana: ET Poesia, 2005"
    Il paese di Pulcinella, (Casella, Napoli, 1951)
    'O Canisto, (Edizioni del Teatro San Ferdinando, Napoli, 1971)
    Le poesie di Eduardo, (Einaudi, Torino, 1975)
    'O penziero e altre poesie di Eduardo, (Einaudi, Torino, 1985)
    È asciuto 'o sole, (poesia inedita del 1973, Mercurio di La Repubblica, n.20, 19 maggio 1990).

    Altri scritti


    Io e la nuova commedia di Pirandello, Il Dramma, 1° giugno 1936
    Lettera al Ministro dello Spettacolo, in L. Bergonzini e F. Zardi, "Teatro anno zero", (Parenti, Firenze, 1961)
    Prefazione a M. Mangini, "Eduardo Scarpetta e il suo tempo", (Montanino, Napoli, 1961)
    Sulla recitazione, in "Actors in Acting", Crown Publishers, (New York, 1970)
    Il teatro e il mio lavoro, in "Adunanze straordinarie per il conferimento dei premi A. Feltrinelli", vol. I, fasc. 10, (Accademia Nazionale dei Lincei, Roma, 1973)
    I fantasmi siamo noi!, lezione-spettacolo, (Piccolo Teatro di Milano, n. 3, 1985)
    L'abbrustolaro, Introduzione a M.R. Schiaffino, "Le ore del caffè", (Idealibri, Milano, 1985)
    Lezioni di teatro. All'Università di Roma "La Sapienza", a cura di P. Guarenghi, prefazione di F. Marotti, (Einaudi, Torino, 1986)
    Note
    Le note 1,2,3,4 sono tratte da un articolo dello scrittore siciliano Andrea Camilleri riportato nel sito Vigata.org

      ^ Racconta Andrea Camilleri che lavorò a lungo con Eduardo per la trasposizione televisiva delle sue commedie:«Io gli chiesi una volta dei suoi rapporti con Pirandello. Avevano fatto ‘L’Abito Nuovo’ insieme. Lui aveva una sorta di stima-disistima. Stima l’aveva come uomo di teatro, aveva minore stima come inventore di commedie. Mi raccontò che i ‘Sei Personaggi....’ in realtà non erano originali, ma risalivano non so a quale fonte. Però diceva alla fine: "Come l’ha saputo strutturare lui..."»
      ^ «La cosa che ritengo davvero straordinaria è come per i napoletani sia ancora presente, vivo, nei modi di dire, nelle citazioni di sue battute. Noi siamo stati a Vicolo San Liborio, vicolo di ‘Filumena Marturano’, ed è nata come una specie di piccola inchiesta e la gente è convinta che Filumena Marturano abitava lì e ci hanno mostrato la casa.»
      ^ «Io sarò al Senato quello che sono stato sia nella vita, sia nelle commedie. È per quello che ho scritto che mi lusingo abbiano voluto compensarmi con la nomina a senatore. Quindi lo sapevano e lo sanno che io sono per il popolo». (Eduardo De Filippo, in occasione della nomina a senatore)
      ^ Fonte: Defilippo.it
      ^ Andrea Camilleri in un articolo scritto in memoria di Eduardo con cui ebbe frequentazioni di lavoro e d'amicizia ricorda questo episodio: «L’immagine che uno aveva di Eduardo era di un uomo corazzato, un uomo che si difendeva anche recitando la parte che si era assegnata lui stesso nella vita. Non so come nel 1960 ero preoccupato perché una delle mie figlie aveva la febbre alta; non pensai all'incidente della bambina di Eduardo e gli dissi che ero un po’ preoccupato per mia figlia. Rispose: "Io l’ho persa una figlia". E mi raccontò minutamente come lui aveva vissuto la cosa e si mise a piangere. Non è una cosa che si sopportava facilmente veder piangere Eduardo. È stata una cosa inenarrabile, penosa. Mi dispiace anche di averla rammentata.»
      ^ Tre ppiccerille,

      sott'a nu mbrello:

      duje bruttulille,

      n'ato cchiù bello.

      Chillu occhiù bello,

      cchiù strappatiello,

      purtav' 'o mbrello,

      a rras' 'e cappiello.

      (da "Tre ppiccerille" in op.cit.)


    Opere su Eduardo
    Luigi Silori, Eduardo De Filippo, Belfagor n. VI, Firenze, D'Anna, 1950
    Vito Pandolfi, Eduardo De Filippo Milano, Marzorati, 1970
    Peppino De Filippo, Una famiglia difficile, Napoli, Marotta, 1976
    Giovanni Antonucci, Eduardo De Filippo: introduzione e guida allo studio dell'opera eduardiana - storia e antologia della critica Firenze, Le Monnier, 1981
    Andrea Bisicchia, Invito alla lettura di Eduardo De Filippo, Milano, Mursia, 1982
    Emma Giammattei, Eduardo De Filippo, Firenze, La Nuova Italia, 1983
    Paolo Calcagno, Eduardo: la vita è dispari, con un intervento di Dario Fo, Napoli, Pironti, 1985
    Isabella Quarantotti De Filippo, Sergio Martin (a cura di), Eduardo: polemiche, pensieri, pagine inedite, Milano, Bompiani, 1985
    Anna Barsotti, Introduzione a Eduardo, Roma-Bari, Laterza, 1992
    Augusto Carloni, Natale in casa De Filippo, Napoli, Benincasa, 1993
    Maurizio Giammusso, Vita di Eduardo, Milano, Mondadori, 1993-95
    Paola Quarenghi, Lo spettatore col binocolo: Eduardo De Filippo dalla scena allo schermo, Roma, Edizioni Kappa, 1995
    Pio Cocorullo, Eduardo, Roma, Newton Compton, 1996
    Italo Moscati (a cura di), Il cattivo Eduardo, Venezia, Marsilio, 1998, ISBN 88-317-6958-8
    Maria Procino Santarelli, Eduardo dietro le quinte. Un capocomico-impresario attraverso cinquant'anni di storia, censura e sovvenzioni (1920-1970), Roma, Bulzoni, 2003
    Gianmichele Cautillo, Gli esami di Eduardo. Analisi della commedia "Gli esami non finiscono mai" di Eduardo De Filippo, Roma, Il Calamaio, 2007, ISBN 978-88-87277-67-8
    Pasquale Sabbatino, Le città indistricabili. Nel ventre di Napoli da Villari ai De Filippo, Napoli, Edizioni Scientifiche Italiane, 2007, ISBN 978-88-495-1415-2
    Onorificenze
    Cavaliere di Gran Croce Ordine al Merito della Repubblica Italiana
    — Roma, 2 giugno 1973.
    Ambrogio d'oro e cittadinanza onoraria di Milano
    Cittadinanza onoraria di Mola di Bari
    Premio Feltrinelli dell'Accademia dei Lincei di Roma
    Voci correlate
    Teleteatro
    Eduardo Scarpetta
    Titina De Filippo
    Peppino De Filippo
    Isabella Quarantotti
    Altri progetti
    Wikiquote
    Wikiquote contiene citazioni di o su Eduardo De Filippo
    Collegamenti esterni
    Sito dedicato a Eduardo de Filippo
    Sito omaggio al maestro Eduardo De Filippo
    Sito ufficiale della compagnia De Filippo
    Scheda e filmografia completa
    L'Archivio Eduardo De Filippo (Archivi di teatro Napoli)
    Il racconto di Andrea Camilleri sull'esperienza televisiva di Eduardo De Filippo
    Mostra virtuale per il centenario della nascita di Eduardo
    (Eduardo e Le Voci di Dentro) Campani.eu
    "Scheda + clip Totò visto da Eduardo De Filippo"
    Portale Biografie
    Portale Teatro
    Portale Cinema

    Estratto da "http://it.wikipedia.org/wiki/Eduardo_De_Filippo"
    Categorie: Biografie | Attori teatrali italiani | Drammaturghi italiani | Registi teatrali italiani | Nati nel 1900 | Morti nel 1984 | Nati il 24 maggio | Morti il 31 ottobre | Eduardo De Filippo | Capocomici | Sceneggiatori italiani | Comici italiani | Poeti napoletani | Personalità legate a Napoli | Scrittori italiani del XX secolo | Senatori a vita italiani | Cavalieri di Gran Croce OMRI | Artisti di spettacolo napoletani | Figli d'arte | Personalità legate all'Università La SapienzaCategoria nascosta: BioBot

    « Torna al 24 Maggio


    Cerca compleanni per iniziale: a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 5
    Oppure per mese: Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre