Eddy Merckx (65)

Informazioni di base:

  • Data di nascita: 17 Giugno 1945
  • Professione: Ciclista
  • Luogo di nascita: Meensel-Kiezegem
  • Nazione: Belgio
  • Eddy Merckx in Rete:

  • Wikipedia: Eddy Merckx su Wikipedia
  • Biografia:

    (estratta da Wikipedia)

    Eddy Merckx (Meensel-Kiezegem, 17 giugno 1945) è un ex ciclista belga. Di madrelingua fiamminga, si è ritirato dall'attività agonistica nel 1978. Professionista dal 1965, nella sua carriera ha vinto ben 525 gare, di cui 426 da professionista (record tuttora imbattuto). Detiene anche il primato di corse vinte in un solo anno fra i professionisti: 54 nel 1971.
    Ha un figlio, Axel, che ha seguito le sue orme e che a cavallo tra gli anni '90 e il 2000 è stato un discreto ciclista.

    L'erede
    Iniziò la sua carriera professionistica nel 1965 nella squadra belga Solo Superia, capitanata da Rik Van Looy. Ben presto il giovane corridore si rivela brillante, tanto da oscurare gli altri gregari. L'"Imperatore" Van Looy aveva ormai scelto come suo erede un altro giovane corridore, Ward Sels, un ottimo passista fiammingo che correva nella formazione della Solo. Merckx, in breve tempo, fu in grado di sovvertire le gerarchie iniziali.
    Soprannominato il "Cannibale" per la sua voglia di vincere sempre e non lasciare nulla ai suoi avversari, è considerato da molti il più forte ciclista di tutti i tempi e il miglior sportivo belga di sempre; famosa e apprezzata la frase "Eddy Merckx è stato il più forte di tutti, Fausto Coppi il più grande".
    Caratteristiche tecniche
    Merckx aveva le basi del ciclista belga, ma era atipico: la sua grande forza e resistenza non lo portò ad emergere nella velocità pura bensì lo rese capace di esprimere una straordinaria progressione indifferentemente in pianura o in salita. Il fiammingo eccelleva su tutti i terreni: mostruoso in salita, dove era capace di staccare gli avversari di molti minuti, straordinario nelle cronometro, che interpretava ai livelli un tempo eccelsi di Jacques Anquetil e Fausto Coppi, tatticamente perfetto nelle corse a tappe ed in quelle di un giorno. La sua carriera non fu molto lunga, ma talmente ricca di successi da renderlo inimitabile.
    Principali successi
    Tra le sue vittorie 5 Tour de France e 5 Giri d'Italia (record), con 25 tappe vinte, più una Vuelta di Spagna nel 1973 (è uno dei 5 ciclisti ad aver vinto i 3 grandi giri, cioè vincitore della tripla corona), 3 Campionati del Mondo (record), 7 Milano-Sanremo (record, nonché record assoluto di vittorie di un ciclista in una classica in linea), 2 Giri delle Fiandre, 3 Parigi-Roubaix, 5 Liegi-Bastogne-Liegi (record), 2 Giri di Lombardia, e 3 Freccia Vallone. Il 25 ottobre 1972 a Città del Messico ha ottenuto il record dell'ora con 49,431 km, superando di 779 metri il primato stabilito da Ole Ritter.
    Nel 1969, nella sua prima vittoria al Tour de France fu il primo corridore a concludere la gara indossando sia la maglia gialla (che designa il primo della classifica generale) che la maglia verde (che designa il primo della classifica a punti) che la maglia a pois (che designa il ciclista che si è meglio comportato in salita). Nel 1973 ha vinto il Giro d'Italia conservando la maglia rosa dalla prima all'ultima tappa, impresa riuscita prima solo ad Alfredo Binda e a Costante Girardengo e dopo a Gianni Bugno; nello stesso anno conquistò la sua unica Vuelta.
    È l'unico ciclista della storia ad essere riuscito a fare l'accoppiata Giro-Tour per tre volte: 1970, 1972 e 1974. Nel 1974, inoltre, riuscì in un'impresa fino a quel momento mai riuscita a nessuno: vincere, nello stesso anno, Giro d'Italia, Tour de France e Campionato mondiale su Strada: dopo di lui, l'impresa fu ripetuta soltanto dall'irlandese Stephen Roche, nel 1987.
    Al Tour detiene il record di tappe vinte in totale (34) e in una sola edizione (8), oltre a essere il maggior collezionista di maglie gialle (115). Detiene quest'ultimo record anche al Giro d'Italia con 77 maglie rosa. Nel 1969 venne squalificato dal Giro dopo essere risultato positivo a un controllo anti-doping.
    La bicicletta con la quale Eddy Merckx stabilì il record dell'ora
    Si è ritirato dall'agonismo nel 1978. Dopo aver abbandonato le corse è stato per un breve tempo commissario tecnico della nazionale belga.
    Palmarès


    1964

    Campionato mondiale dilettanti a Sallanches


    1966

    Milano-Sanremo
    Trofeo Baracchi (cronocoppie)
    Scalata del Montjuich


    1967

    2 tappe (Block Haus e Lido degli Estensi) al Giro d'Italia
    Campionato del mondo (a Heerlen, su Jan Janssen)
    Milano-Sanremo
    Freccia Vallone
    Gand-Wevelgem
    Trofeo Baracchi (cronocoppie)


    1968

    4 tappe (Novara, Saint-Vincent, Brescia e Tre Cime di Lavaredo), classifica del Gran Premio della Montagna, classifica a punti, e classifica finale al Giro d'Italia (con 5'01" su Vittorio Adorni); 13 giorni in maglia rosa
    Parigi-Roubaix
    Tre Valli Varesine
    Giro di Sardegna
    Giro di Catalogna
    Giro di Romandia


    1969

    4 tappe (Montecatini Terme (2), Terracina e San Marino) al Giro d'Italia; 5 giorni in maglia rosa
    6 tappe (Ballon d'Alsace, Divonne-les-Bains, Digne, Revel, Mourenx e Parigi), classifica del Gran Premio della Montagna, classifica a punti e classifica finale al Tour de France (con 17'54" su Roger Pingeon); 20 giorni in maglia gialla
    Milano-Sanremo
    Giro delle Fiandre
    Liegi-Bastogne-Liegi
    Parigi-Nizza
    Vuelta Valenciana


    1970

    3 tappe (Saint-Vincent, Brentonico e Treviso) e classifica finale al Giro d'Italia (con 3'14" su Felice Gimondi); 14 giorni in maglia rosa
    8 tappe (Limoges, Forest, Divonne-les-Bains (2), Grenoble, Mont Ventoux, Bordeaux e Parigi), classifica del Gran Premio della Montagna e classifica finale al Tour de France (con 12'41" su Joop Zoetemelk); 22 giorni in maglia gialla
    Parigi-Roubaix
    Freccia Vallone
    Gand-Wevelgem
    Campionato belga su strada
    Coppa Agostoni
    Scalata del Montjuich
    Giro del Belgio
    Parigi-Nizza


    1971

    4 tappe (Strasburgo, Albi, Bordeaux e Parigi), classifica a punti e classifica finale al Tour de France (con 9'51" su J. Zoetemelk); 22 giorni in maglia gialla
    Campionato del mondo (a Mendrisio, su Felice Gimondi)
    Milano-Sanremo
    Liegi-Bastogne-Liegi
    Gran Premio di Francoforte
    Giro di Lombardia
    Gran Premio di Camaiore
    Omloop Het Volk
    Baden-Baden (cronocoppie)
    Scalata del Montjuich
    Giro di Sardegna
    Giro del Belgio
    Giro del Delfinato
    Midi Libre
    Parigi-Nizza


    1972

    4 tappe (Forte dei Marmi, Bardonecchia, Livigno e Arco) e classifica finale del Giro d'Italia (con 5'30" su Josè Manuel Fuente); 15 giorni in maglia rosa
    6 tappe (Angers, Bordeaux, Luchon, Briançon, Colle del Galibier e Versailles), classifica a punti e classifica finale al Tour de France (con 10'41" su F. Gimondi); 17 giorni in maglia gialla
    Milano-Sanremo
    Liegi-Bastogne-Liegi
    Freccia Vallone
    Giro di Lombardia
    Giro dell'Emilia
    Giro del Piemonte
    Trofeo Baracchi (cronocoppie)
    Scalata del Montjuich
    Record dell'ora


    1973

    6 tappe (Verviers, Colonia, Aosta, Carpegna, Lanciano e Andalo), classifica a punti e classifica finale al Giro d'Italia (con 7'42" su F. Gimondi); 20 giorni in maglia rosa
    6 tappe, classifica a punti e classifica finale alla Vuelta a España
    classifica a punti della Vuelta di Spagna
    Parigi-Roubaix
    Liegi-Bastogne-Liegi
    Amstel Gold Race
    Gand-Wevelgem
    Parigi-Bruxelles
    Grand Prix des Nations
    Trofeo Laigueglia
    Omloop Het Volk
    Giro di Sardegna


    1974

    2 tappe (Forte dei Marmi e Bassano del Grappa) e classifica finale del Giro d'Italia (con 12" su Gianbattista Baronchelli); 9 giorni in maglia rosa
    8 tappe (Brest, Châlons-sur-Marne, Gaillard, Aix-les-Bains, La Seu d'Urgell, Bordeaux, Orléans e Parigi) e classifica finale al Tour de France (con 8'04" su Raymond Poulidor); 22 giorni in maglia gialla
    Campionato del mondo (a Montreal, su R. Poulidor)
    Giro della Svizzera
    Trofeo Laigueglia
    Scalata del Montjuich


    1975

    2 tappe (Merlin-Plage e Auch) al Tour de France (2° in class. finale a 2'47" da Bernard Thevenet); 10 giorni in maglia gialla
    Milano-Sanremo
    Giro delle Fiandre
    Liegi-Bastogne-Liegi
    Amstel Gold Race
    Scalata del Montjuich
    Giro di Sardegna
    Settimana Catalana


    1976

    Milano-Sanremo
    Settimana Catalana


    1977

    Giro del Mediterraneo


    1978

    Campionato europeo dell'americana (in coppia con Patrick Sercu).

    Note

      ^ http://www.ilciclismo.it/dev/index.php/app/ilciclismo/ilciclismoID/session/mod/pages_news_details/page_id/6859/chapter_id/4 , ilciclismo.it

    Altri progetti
    Wikiquote
    Wikiquote contiene citazioni di o su Eddy Merckx



    Portale Biografie
    Portale Sport

    Estratto da "http://it.wikipedia.org/wiki/Eddy_Merckx"
    Categorie: Biografie | Ciclisti belgi | Nati nel 1945 | Nati il 17 giugno | Belgi fiamminghi | Campioni del mondo professionisti di ciclismo su strada | Pistard | Vincitori del Giro d'Italia | Vincitori del Tour de France | Vincitori della Vuelta | Vincitori del Giro di Lombardia | Vincitori della Milano-Sanremo | Vincitori della Parigi-Roubaix | Vincitori del Giro delle Fiandre | Vincitori della Liegi-Bastogne-LiegiCategoria nascosta: BioBot

    « Torna al 17 Giugno


    Cerca compleanni per iniziale: a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 5
    Oppure per mese: Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre