Dori Ghezzi (64)

Informazioni di base:

  • Data di nascita: 30 Marzo 1946
  • Professione: Cantante
  • Luogo di nascita: Lentate sul Seveso (MI)
  • Nazione: Italia
  • Dori Ghezzi in Rete:

  • Wikipedia: Dori Ghezzi su Wikipedia
  • Biografia:

    (estratta da Wikipedia)

    Dori Ghezzi (Lentate sul Seveso, 30 marzo 1946) è una cantante italiana.

    Biografia
    Gli esordi
    Comincia ad interessarsi di musica sin da bambina. La sua carriera inizia, grazie un concorso regionale dove si presentò nel 1966 interpretando Io che non vivo di Pino Donaggio, vincendo la manifestazione. Qui viene notata da alcuni discografici della Durium che le procurano un contratto.
    Nel 1967 debutta al Festival delle Rose di Roma, dove arriva seconda proponendo una sua versione di Vivere per vivere, brano scritto da Francis Lai per la colonna sonora dell'omonimo film di Claude Lelouch. Alla fine del 1968 incide Casatschok, rifacimento di un motivo popolare russo, che entra in classifica procurandole popolarità e ingaggi televisivi.
    Nel 1970 gareggia a Sanremo con Occhi a mandorla, in coppia con Rossano, ma non arriva in finale. Dopo alcune cover di brani francesi e inglesi, partecipa all'incisione della versione italiana di United We Stand, che il suo collega di scuderia discografica Wess Johnson, (già bassista di rhythm and blues nel complesso di Rocky Roberts), sta per lanciare sul mercato italiano.
    Nel 1972 pubblica il 45 giri Povero ragazzo composto da Roberto Vecchioni che reca nel retro Ed ora son sola scritta da Franco Cassano e Zilioli. Nello stesso anno partecipa alla manifestazione "Un disco per l'estate" per proporre Ma chi è che cos'è composta da Umberto Napolitano che riscuote un discreto successo anche in Jugoslavia. Nel frattempo Wess ex componente degli Airdales vuole Dori per incidere un brano a due voci dal titolo Voglio stare con te cover di United we stand che si rivela un ottimo successo portando il duo in testa alle classifiche. Il duetto, che verrà pubblicato su 45 giri, diventa un successo e la casa discografica propone ai due cantanti di andare avanti con l'esperienza, diventando stabilmente un duo.
    L'anno successivo nel 1973, come solista inciderà un singolo denominato "Adamo ed Eva" una cover francese di Carrere tradotta da Albertelli e Riccardi che reca nel retro il brano '"'Non ci contavo più'"' versione italiana di Ben di Michael Jackson che la cantante presenta a "Canzonissima".
    Il duo con Wess
    Come volle la Durium, visto l'enorme successo del duo, fa si che Wess e Dori Ghezzi diventino un duo a tutti gli effetti: producono una grande quantità di hits discografici e partecipano a importanti manifestazioni canore. Il primo fu Festival di Sanremo 1973 con Tu nella mia vita, l'anno successivo vinsero la trasmissione Canzonissima 1974, con il brano Un corpo e un'anima.
    Nel 1974 il duo pubblica un 33 giri dal titolo Un corpo e un'anima, che tra le altre conteneva Dolce immenso amore di Montanari, Paesaggi composta dai Fratelli La Bionda, Sempre tu a firma di Italo Janne e Cristiano Malgioglio e Tra i ricordi una notte in più di Riga.
    Nell'Eurofestival 1975 raggiungono il terzo posto con Era, e nuovamente al Festival di Sanremo 1976 con il brano Come stai, con chi sei.
    Dori Ghezzi e Wess nel 1974
    Nel marzo del 1974 Dori Ghezzi conosce tramite Cristiano Malgioglio Fabrizio De André, di cui diviene presto la compagna, e si trasferiscono in Sardegna, dove si occupano dell'azienda agricola acquistata nel 1975. Dalla loro unione nasce nel 1977 Luisa Vittoria De André, detta Luvi.
    Nel 1977 Dori e Wess ritornano a Sanremo come ospiti, con il brano Amore bellissimo. Il più grande successo del duo rimarrà, però, Un corpo e un'anima, che trent'anni dopo diverrà nuovamente popolarissima grazie al suo utilizzo per una campagna pubblicitaria di SKY.
    1979: Il rapimento
    In previsione della nascita della figlia Luisa Vittoria, Dori e Fabrizio De André si stabiliscono nella tenuta sarda dell'Agnata, a due passi da Tempio Pausania. La sera del 27 agosto 1979, la coppia fu rapita dall'Anonima sequestri sarda e tenuta prigioniera nelle montagne di Pattada, per essere liberata dopo quattro mesi (Dori fu liberata il 21 dicembre, Fabrizio il 22), dietro il versamento del riscatto, di circa 550 milioni di lire, in buona parte pagato dal padre di Fabrizio De Andrè, Giuseppe.
    Gli anni Ottanta: il ritorno da solista
    Dopo quest'esperienza, che segna la vita di entrambi, Dori riprende la sua carriera artistica come solista registrando nel 1980 il 33 giri, Mamadodori, album dedicato a Luvi che viene pubblicato sotto una nuova etichetta discografica, la Fado, appositamente creata per l'occasione ("Fado" sta per Fabrizio e Dori).
    Nel 1983 ritorna a Sanremo con Margherita non lo sa, che ottiene il terzo posto, nonché un grosso successo di vendite. Il brano incluso nell'album Piccole donne, è composto e prodotto da Oscar Prudente con la partecipazione artistica di Ivano Fossati, che suona in alcuni brani. Vola via, presentata a "Saint Vincent Estate" e Piccole donne, presentata a Vota la voce e Festivalbar sono gli altri singoli estratti dal 33 giri Piccole donne.
    Nel 1984 partecipa assieme ad altre illustri colleghe, alla gara canora Premiatissima, trasmessa dalla tv commerciale: Dori si distingue per la bellezza e la classe di interpretazioni come La canzone di Marinella, del marito.
    Nel 1986 passa alla Ricordi e pubblica il singolo Nessuno mai più (cover di Love you forever dei Giuffria), con cui partecipa al Festivalbar. Il retro del 45 giri era Spezzacuori, dal repertorio di Massimo Bubola.
    Nel 1987 è ancora a Sanremo con E non si finisce mai, tratto dall'album Velluti e carte vetrate; in estate presenta a "Riva Del Garda" il brano Cercarti, una delle sue interpretazioni più intense.
    Nel 1989 partecipa per l'ultima volta al Festival di Sanremo 1989 con Il cuore delle donne, pubblicando l'omonimo album.
    Il 7 dicembre 1989 a Tempio Pausania, Dori sposa Fabrizio De Andrè dopo sedici anni di convivenza.
    Il ritiro dalle scene e la Fondazione De André
    Nel 1990 deve interrompere la sua carriera artistica a causa di un problema alle corde vocali, e decide di abbandonare le scene. Nel 2005, intervistata da Fabio Fazio nel programma Che tempo che fa, la cantante ha dichiarato, inoltre, la sua forte paura delle esibizioni in pubblico.
    Tuttavia, fa alcune eccezioni: prima, accettando, nel 1992 il ruolo di corista nel tour di De Andrè "Uomini e Donne" e successivamente collabora ancora con il marito nell'album Anime salve: pubblicato nel 1996;. la si può sentire nella coda del brano Khorakanè e insieme alla figlia Luvi nei cori di altri due brani: Dolcenera e A cumba. Un'altra eccezione Dori la farà nel 2002 cantando il brano "Il Suonatore Jones" per Fernanda Pivano, inserito nel documentario "A Farewell to Beat" dedicato alla scrittrice, prodotto da Fandango e diretto da Luca Facchini.
    L'11 gennaio 1999 a 58 anni muore il marito Fabrizio De Andrè. Dopo la scomparsa, Dori si è dedicata alla tutela e all'amministrazione del patrimonio artistico del cantautore, e, attraverso la Fondazione Fabrizio De André Onlus a lui dedicata, coadiuvata dal Centro Interdipartimentale di Studi Fabrizio De Andrè presso l'Università di Siena, ed a una sempre più vasta partecipazione del pubblico, promuovono eventi e iniziative con una particolare attenzione al rispetto filologico della sua arte.
    Discografia Solista
    Album
    1973 - Dori Ghezzi
    1980 - Mamadodori
    1983 - Piccole donne
    1987 - Velluti e carte vetrate
    1989 - Il cuore delle donne
    Singoli
    1967 - Vivere per vivere / L'amore ha ucciso
    1968 - Isabelle / Mi domandi con gli occhi
    1968 - Pagina uno / L'ultimissima volta
    1968 - Casatshock / Per un anno che se ne va
    1969 - La mia festa / Fiori sul soffitto
    1970 - Occhi a mandorla / Un bacio no due baci no
    1970 - Quello là / Ma che strano tipo
    1971 - Bluebirds over the mountain / Why don't you believe me - stampa internazionale
    1971 - Gli occhi di quella / Why don't you believe me - stampa internazionale
    1972 - Povero ragazzo / Ed ora son sola
    1972 - Ma chi è che cos'è? / Uomo uomo
    1972 - Quien sera como es / Ma chi è che cos'è - stampa argentina
    1973 - Adamo ed Eva / Non ci contavo più
    1980 - Mamadodori / Stringimi piano, stringimi forte
    1983 - Margherita non lo sa / Luna park
    1983 - Vola via / Stella bionda
    1983 - Piccole donne / Vola via
    1986 - Nessuno mai più / Spezzacuori
    1987 - E non si finisce mai / Cosa voglio da te
    1989 - Il cuore delle donne / Che cielo vuoi
    Discografia con Wess
    Album
    1973 - Wess & Dori Ghezzi
    1975 - Un corpo e un'anima
    1975 - Terzo album
    1976 - Amore bellissimo
    Singoli
    1972 - Voglio stare con te
    1973 - Tu, nella mia vita / Sentimento sentimento
    1973 - Tu eres mi vida / Quiero estar contigo - stampa spagnola
    1973 - Noi due per sempre / Se mi vuoi ancora bene
    1974 - Un corpo e un'anima / Sempre tu
    1975 - Fallin / I had a dream - stampa internazionale
    1975 - Era / E siamo qui
    1975 - È l'amore che muore / Voci di luoghi lontani
    1975 - Canzone a Leopardi / Come la prima sera
    1975 - Cielo / Uomo e donna
    1976 - Come stai, con chi sei / Più ti voglio bene e più te ne vorrei
    1976 - Amore bellissimo / La sola cosa che ho
    Partecipazioni a Festival musicali
    Partecipazioni al Festival di Sanremo
    Festival di Sanremo 1970: Con Occhi a mandorla, con Rossano - NF;
    Festival di Sanremo 1973: Con Tu nella mia vita, con Wess - 6° posto;
    Festival di Sanremo 1976: Con Come stai, con chi sei?, con Wess - 2° posto;
    Festival di Sanremo 1983: Con Margherita non lo sa - 3° posto;
    Festival di Sanremo 1987: Con E non si finisce mai - 14° posto;
    Festival di Sanremo 1989: Con Il cuore delle donne - 16° posto.
    Partecipazioni al Festivalbar
    Festivalbar 1983: Con Piccole donne;
    Festivalbar 1986: Con Nessuno mai più;
    Portale Biografie
    Portale Musica

    Estratto da "http://it.wikipedia.org/wiki/Dori_Ghezzi"
    Categorie: Biografie | Cantanti italiani | Nati nel 1946 | Nati il 30 marzo | Gruppi e musicisti della Lombardia | Cantanti italiani all'EurofestivalCategoria nascosta: BioBot

    « Torna al 30 Marzo


    Cerca compleanni per iniziale: a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 5
    Oppure per mese: Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre