David Niven (1910-1983)

Informazioni di base:

  • Vero Nome: James David Graham Niven
  • Scomparso nel: 1983
  • Data di nascita: 1 Marzo 1910
  • Professione: Attore
  • Luogo di nascita: Londra
  • Nazione: Gran Bretagna
  • David Niven in Rete:

  • Wikipedia: David Niven su Wikipedia
  • Biografia:

    (estratta da Wikipedia)

    David Niven



    Oscar al miglior attore 1959
    David Niven, al secolo James David Graham Niven (Londra, 1 marzo 1910 – Château-d'Œx, 29 luglio 1983), è stato un attore britannico.

    Biografia
    Nacque a Londra, figlio di William Edward Graham Niven e di Henrietta Julia de Gacher. Suo padre morì durante la Prima guerra mondiale nella campagna di Gallipoli nel 1915 e sua madre si risposò con Sir Thomas Comyn-Platt. Dopo aver abitato a Stowe sull'Isola di Wight, ancora ragazzo Niven entrò alla Royal Military Academy Sandhurst (Reale accademia militare di Sandhurst), è qui che acquisì l'aspetto di ufficiale e gentiluomo che fu il suo "marchio" di fabbrica. Niven spesso affermò di essere nato a Kirriemuir in Scozia ritenendo che fosse più romantica di Londra.
    Verso Hollywood
    Arrivò a Hollywood durante gli anni '30, e iniziò a lavorare come comparsa in film western. Firmò un contratto con il produttore Samuel Goldwyn e finalmente ebbe una parte più rilevante nel 1935 in La tragedia del Bounty (Mutiny on the Bounty), di lì il suo successo crebbe grazie alle interpretazioni in La carica dei Seicento (1936) (The charge of the Light Brigade) e La voce nella tempesta (1939) (Wuthering heights) , e nelle commedie brillanti come L'ottava moglie di Barbablù (1938) (Bluebeard's Eighth Wife) e Situazione imbarazzante (1939) (Bachelor Mother).
    Durante la Seconda Guerra Mondiale prestò servizio nell'Esercito Britannico, arrivando al grado di colonnello nei Commandos. Fra l'altro partecipò allo sbarco in Normandia.
    Riprese la carriera artistica, con alterna fortuna, fino all'immenso successo riconquistato con il ruolo (a cui sembrava naturalmente predestinato) dell'elegante e raffinato Phileas Fogg in Il giro del mondo in 80 giorni (1956) (Around the World in Eighty Days).
    L'Oscar
    Vinse l'Oscar per la sua interpretazione del timido e solitario Maggiore Pollock in Tavole separate (Separate Tables) del 1958, accanto a Deborah Kerr e Burt Lancaster, tratto dall'omonima commedia di Terence Rattigan.
    Seguirono ruoli memorabili in drammi come Buongiorno tristezza (1958) (Bonjour tristesse), in film bellici quali I cannoni di Navarone (1961) (The guns of Navarone) e I due nemici (1962) nel quale ebbe come partner Alberto Sordi, e in commedie sofisticate come La pantera rosa (1963) (The pink panther) e James Bond 007 - Casino Royale (1967) (Casino Royale), pellicola non legata a Ian Fleming, in cui interpretò il ruolo di James Bond.
    Negli anni '70 venne acclamato da pubblico e critica per due brillanti libri autobiografici: La luna è un pallone (The moon's a Balloon) (1971) e Bring On the Empty Horses (1975), quest'ultimo mai tradotto in italiano. Nel 1981 pubblicò un romanzo d'amore e avventura sullo sfondo della Seconda Guerra Mondiale, ambientato principalmente a Londra, Va piano, torna presto (Go slowly, come back quickly).
    Niven morì in Svizzera nel 1983 di "Malattia motoria neurale", anche conosciuta come morbo di Lou Gehrig.
    I due matrimoni
    Nel 1940 Niven si sposò con Primula "Primmie" Susan Rollo (1921-1946), la figlia aristocratica di un pilota britannico. Dal matrimonio nacquero due figli, David Jr. e Jamie. Lei morì all'età di 25 anni per i postumi di una caduta accidentale in cui riportò una frattura alla testa con danni cerebrali. L'incidente accadde durante una partita di "nascondino" nella casa dell'attore Tyrone Power. Sembra che per errore Primmie aprì una porta, probabilmente pensando si trattasse di un armadio, ma precipitò per una rampa di scale. Morì il giorno successivo, dopo un inutile intervento chirurgico. A questo riuscito matrimonio e alle tristi circostanze della morte di Primmie sono dedicate toccanti pagine nell'autobiografia La luna è un pallone.
    La seconda moglie, che Niven conobbe in Inghilterra durante le riprese di Carlo di Scozia (Bonnie Prince Charlie) e che sposò nel 1948, dieci giorni dopo averla conosciuta, fu Hjordis Paulina Tersmeden (nata Genberg, 1921-1997), indossatrice svedese e attrice mancata. Adottarono due figlie, Kristin e Fiona, su una delle quali si chiacchierò a lungo dato che era ritenuta figlia dello stesso Niven e di un'altra indossatrice, Mona Gunnarson . Il matrimonio fu burrascoso quanto il precedente fu felice. Non potendo dedicarsi alla carriera di attrice per l'assenza di talento, ebbe relazioni anche semi-pubbliche con altri uomini e poco a poco divenne alcolizzata. Amareggiata, estraniata e afflitta dalla depressione, si mostrò ubriaca ai funerali di Niven, dopo essere stata convinta a partecipare dal Principe Ranieri che era un amico di famiglia . Nel libro di memorie di Niven, La luna è un pallone, non ci sono cenni circa le difficoltà esistenziali di Hjordis e la crisi del matrimonio, tranne una breve separazione di pochi giorni, dopo la quale l'unione tra i due viene descritta come ulteriormente rinsaldata.
    Citazioni
    "È veramente incredibile. Si può immaginare di essere magnificamente strapagati per vestirsi e giocare? È come essere Peter Pan" -- David Niven
    "Non penso che la sua recitazione abbia mai raggiunto l'arguzia o l'eleganza della sua conversazione a cena o dopo-cena". -- John Mortimer
    "L'unica risata che un uomo riesce a strappare nella sua vita è spogliarsi e... mostrare di non essere all'altezza". -- David Niven, commentando la "passeggiata" dell'uomo nudo che attraversò il palco mentre presentava gli Oscar nel 1974. Il suo commento sembrò improvvisato, ma in effetti era stato preparato in anticipo.
    "Mi presentai all'ufficio centrale e, dopo un'attesa tormentosa di parecchi giorni, venni infine accettato e iscritto come Tipo anglosassone numero 2008. Tale era l'efficienza dell'ufficio centrale che, quando mi chiamarono per la prima volta a lavorare come attore professionista, fu per impersonare un messicano". -- David Niven, commentando i propri esordi cinematografici come comparsa.
    Filmografia
    There Goes the Bride (1932)
    Cleopatra (1934)
    Without Regret (1935)
    La costa dei barbari (Barbary Coast) (1935)
    A Feather in Her Hat (1935)
    La tragedia del Bounty (Mutiny on the Bounty) (1935)
    Splendore (Splendor) (1935)
    Rose Marie (1936)
    Palm Springs (1936)
    Infedeltà (Dodsworth) (1936)
    Thank You, Jeeves! (1936)
    La carica dei 600 (The Charge of the Light Brigade) (1936)
    Nemico amato (Beloved Enemy) (1936)
    We Have Our Moments (1937)
    Il prigioniero di Zenda (The Prisoner of Zenda) (1937)
    Pranzo al Ritz (Dinner at the Ritz) (1937)
    L'ottava moglie di Barbablù (Bluebeard's Eighth Wife) (1938)
    Il giuramento dei quattro (Four Men and a Prayer) (1938)
    Three Blind Mice (1938)
    Missione all'alba (The Dawn Patrol) (1938)
    La voce nella tempesta (Wuthering Heights) (1939)
    Situazione imbarazzante (Bachelor Mother) (1939)
    La gloriosa avventura (The Real Glory) (1939)
    Eternamente tua (Eternally Yours) (1939)
    Raffles (1940)
    Il primo dei pochi (The First of the Few) (oppure Spitfire) (1942)
    La via della gloria (The Way Ahead) (1944)
    Scala al Paradiso (A Matter of Life and Death) (oppure Stairway to Heaven) (1946)
    La magnifica bambola (Magnificent Doll) (1946)
    Orchidea bianca (The Other Love) (1947)
    The Perfect Marriage (1947)
    La moglie del vescovo (The Bishop's Wife) (1947)
    Carlo di Scozia (Bonnie Prince Charlie) (1948)
    Fuga nel tempo (Enchantment) (1948)
    A Kiss in the Dark (1949)
    Bella e bugiarda (A Kiss for Corliss) (1949)
    L'inafferrabile primula rossa (The Elusive Pimpernel) (1950)
    Il pescatore della Louisiana (The Toast of New Orleans) (1950)
    I tre soldati (Soldiers Three) (1951)
    L'amore è bello (Happy Go Lovely) (1951)
    Appointment with Venus (1951)
    Innamorati dispettosi (The Lady Says No) (1952)
    La vergine sotto il tetto (The Moon Is Blue) (1953)
    L'idolo (The Love Lottery) (1954)
    L'eredità di un uomo tranquillo (Happy Every After) (oppure Tonight's the Night) (1954)
    Per una questione di principio (Court Martial) (oppure Carrinngton, V.C.) (1955)
    Il ladro del Re (The King's Thief) (1955)
    Le tre notti di Eva (The Birds and the Bees) (1956)
    Il giro del mondo in 80 giorni (Around the World in Eighty Days) (1956)
    Le donne hanno sempre ragione (Oh, Men! Oh, Women!) (1957)
    La capannina (The Little Hut) (1957)
    L'impareggiabile Godfrey (My Man Godfrey) (1957)
    La volpe di Londra (The Silken Affair) (1957)
    Glamorous Hollywood (1958) (parte minore)
    Buongiorno tristezza (Bonjour tristesse) (1958)
    Tavole separate (Separate Tables) (1958)
    Tutte le ragazze lo sanno (Ask Any Girl) (1959)
    Divieto d'amore (Happy Anniversary) (1959)
    Non mangiate le margherite (Please Don't Eat the Daisies) (1960)
    I cannoni di Navarone (The Guns of Navarone) (1961)
    Il giorno più lungo (The Shortest Day) (1962) (non confermato)
    La città prigioniera (The Conquered City) (1962)
    I due nemici (The Best of Enemies) (1962)
    Astronauti per forza (The Road to Hong Kong) (1962) (Cameo)
    L'attimo della violenza (Guns of Darkness) (1962)
    55 giorni a Pechino (55 Days at Peking) (1963)
    La pantera rosa (The Pink Panther) (1963)
    I due seduttori (Bedtime Story (1964)
    A caccia di spie (Where the Spies Are) (1965)
    Lady L (1965)
    All Eyes On Sharon Tate (1967) (parte minore)
    James Bond 007 - Casino Royale (Casino Royale) (1967)
    Cerimonia per un delitto (Eye of the Devil) (1967)
    Prudenza e la pillola (Prudence and the Pill) (1968)
    Gli anni impossibili (The Impossible Years) (1968)
    Il capitano di lungo... sorso (The Extraordinary Seaman) (1969)
    Il cervello (The Brain) (1969)
    Prima che venga l'inverno (Before Winter Comes) (1969)
    La statua (The Statue) (1971)
    Un ospite gradito... per mia moglie (Konig, Dame, Bube) (oppure King, Queen, Knave) (1972)
    Vampira (Vampira) (oppure Old Dracula) (1974)
    Buona fortuna Maggiore Bradbury (Paper tiger) (1975)
    La gang della spider rossa (No Deposit, No Return) (1976)
    Invito a cena con delitto (Murder by Death) (1976)
    Una ragazza, un maggiordomo, una lady (Candleshoe) (1977)
    Assassinio sul Nilo (Death on the Nile) (1978)
    Rapina a Berkely Square (A Nightingale Sang in Berkeley Square) (1979)
    Amici e nemici (Escape to Athena) (1979)
    Intrepid (A Man Called Intrepid) (1979
    Taglio di diamanti (Rough Cut) (1980)
    L'oca selvaggia colpisce ancora (The Sea Wolves: The Last Charge of the Calcutta Light Horse) (1980)
    Profumo di mare (Better Late Than Never) (1982)
    Sulle orme della Pantera Rosa (Trail of the Pink Panther) (1982)
    La Pantera Rosa - Il mistero Clouseau (Curse of the Pink Panther) (1983)
    Altri progetti
    Commons
    Wikiquote
    Wikimedia Commons contiene file multimediali su David Niven
    Wikiquote contiene citazioni di o su David Niven
    Collegamenti esterni
    Scheda su David Niven dell'Internet Movie Database
    (EN) David Niven sul Notable Names Database
    (EN) Classic Movies (1939 - 1969): David Niven
    Portale Cinema
    Portale Biografie

    Estratto da "http://it.wikipedia.org/wiki/David_Niven"
    Categorie: Biografie | Attori britannici | Nati nel 1910 | Morti nel 1983 | Nati il 1 marzo | Morti il 29 luglio | Premi Oscar al miglior attore | Personalità britanniche della Seconda guerra mondiale | Golden Globe per il miglior attore in un film drammatico | Golden Globe per il miglior attore in un film commedia o musicaleCategorie nascoste: BioBot | Voci con citazioni mancanti

    « Torna al 1 Marzo


    Cerca compleanni per iniziale: a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 5
    Oppure per mese: Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre