Daniela Santanchè (49)

Informazioni di base:

  • Data di nascita: 7 Aprile 1961
  • Professione: Politica
  • Luogo di nascita: Cuneo (CN)
  • Nazione: Italia
  • Daniela Santanchè in Rete:

  • Sito Ufficiale: Il sito ufficiale di Daniela Santanchè
  • Wikipedia: Daniela Santanchè su Wikipedia
  • Biografia:

    (estratta da Wikipedia)

    Daniela Garnero un tempo coniugata Santanchè (Cuneo, 7 aprile 1961) è una politica e imprenditrice italiana.
    È l'esponente di punta del nuovo partito politico Movimento per l'Italia.

    Origini e formazione
    Seconda di tre fratelli, terminato il percorso liceale si trasferisce contro il volere dei familiari a Torino per poter frequentare il corso di laurea in Scienze politiche. Poco più tardi sposa ventunenne il chirurgo estetico Paolo Santanchè, impiegandosi nella società del marito con compiti amministrativi.
    Laureata in scienze politiche, nel 1983 fonda una società specializzata nel campo del marketing.
    Nel 1995 lascia e divorzia dal marito Paolo Santanchè per il suo nuovo compagno Canio Mazzaro, imprenditore farmaceutico potentino.
    Nonostante il divorzio, continuerà a usare, anche se solo in politica, il cognome del suo ex marito.
    La politica
    Collaboratrice dell'onorevole Ignazio La Russa, nel 1995 entra in Alleanza Nazionale.
    Tra le file di AN è consulente per la giunta del comune di Milano guidata da Gabriele Albertini, mentre nel giugno del 1999 è eletta consigliere provinciale alla provincia di Milano.
    Nel 2001 si candida per la Camera dei Deputati: pur non essendo stata eletta, le dimissioni della collega di partito Viviana Beccalossi le hanno dato la possibilità di avere il seggio l' 11 luglio 2001. Dal 2003 al giugno 2004 è stata nominata assessore comunale di Ragalna, in provincia di Catania, in cui si è occupata di sport e grandi eventi.
    Avanguardia femminista in AN
    Capo dipartimento delle pari opportunità di AN, nel 2005 entra nell'occhio del ciclone per due fatti curiosi: il gesto del dito medio rivolto a dei giovani che contestavano la riforma Moratti e la proposta di una "porno-tax", ovvero un'imposta che dovrebbe pagare chi fruisca di materiale pornografico.
    Nel 2005 è nominata relatrice della Legge Finanziaria, prima donna nella storia della Repubblica Italiana a ricoprire questo ruolo. Nel 2006 viene rieletta alla Camera dei Deputati nella lista di AN, nel collegio di Milano.
    Il 22 ottobre 2006, in diretta a Controcorrente, il programma di approfondimento di SkyTg24, su una discussione che verteva sul velo è stata aggredita verbalmente dall'imam di Segrate. In seguito a tale episodio è intervenuto il prefetto di Milano che ha concesso la scorta all'onorevole Santanchè. Nel 2007 il leader di AN Gianfranco Fini la rimuove da responsabile del dipartimento Pari opportunità del partito.
    Il 10 novembre 2007 si dimette da Alleanza Nazionale per entrare nel partito di Francesco Storace, La Destra, immediatamente nominata Portavoce Nazionale.
    La candidatura a palazzo Chigi
    La legge elettorale italiana del 2005 prescrive che ogni forza politica che si presenta indichi il capo, che di fatto è candidato premier.
    Il 10 febbraio 2008, Francesco Storace annuncia la candidatura di Daniela Santanchè a premier per La Destra per le elezioni politiche italiane del 2008, dopo aver rifiutato di entrare nelle liste del PdL.
    La Santanchè è stata la prima donna candidata a premier insieme a Flavia D'Angeli di Sinistra Critica.
    Alle elezioni, la lista La Destra-Fiamma Tricolore non riesce a superare lo sbarramento previsto del 4% alla Camera e dell'8% al Senato: di conseguenza il partito non ottiene alcun parlamentare, inclusa la Santanchè stessa che termina così il proprio mandato. Per i sette anni di attività come deputato, Daniela Santanchè ottiene un TFR di 65.534 euro e un vitalizio mensile di 3605 euro..La Santanchè ha dichiarato recentemente di devolvere in beneficenza il proprio stipendio da parlamentare.
    Il divorzio da La Destra
    In data 28 settembre 2008 non è più portavoce de La Destra e, in polemica con Francesco Storace, lascia il partito. Poche settimane dopo, insieme ad altri ex esponenti de La Destra, dà vita al soggetto Movimento per l'Italia (MpI) che guarda ad una confluenza nel PdL.
    Curiosità
    In data 25 Novembre 2008 viene segnalata da Vladimir Luxuria, vincitrice dell'L'isola dei famosi, come ottima candidata a partecipare alle edizioni successive dello stesso reality.
    Note


      ^ Daniela Santanchè, "saluta" a modo suo gli studenti che contestano davanti a Montecitorio
      ^ Raggiunta telefonicamente da Corriere.it sulla vicenda del dito medio
      ^ Santanchè, minacce per la battaglia anti-velo
      ^ La Santanchè lascia An e va con Storace. Corriere della Sera, 10 novembre 2007. URL consultato il 27-12-2007.
      ^ Francesca Schianchi, L'espresso n. 17 del 1º maggio 2008, pag. 66
      ^ All'isola ci manderei la Santanchè

    Altri progetti
    Wikiquote
    Wikiquote contiene citazioni di o su Daniela Santanchè
    Collegamenti esterni
    Daniela Santanchè . sito personale. URL consultato il 27-12-2007.
    Dati personali ed incarichi nella XIV Legislatura. Camera dei Deputati. URL consultato il 27-12-2007.
    Dati personali ed incarichi nella XV Legislatura. Camera dei Deputati. URL consultato il 27-12-2007.
    Scheda su openpolis.it di Daniela Santanchè


    Portale Biografie
    Portale Politica

    Estratto da "http://it.wikipedia.org/wiki/Daniela_Santanch%C3%A8"
    Categorie: Biografie | Politici italiani del XX secolo | Politici italiani del XXI secolo | Imprenditori italiani | Nati nel 1961 | Nati il 7 aprile | Politici di Alleanza Nazionale | Politici de La Destra | Deputati italiani | NeofascismoCategorie nascoste: BioBot | Voci con citazioni mancanti

    « Torna al 7 Aprile


    Cerca compleanni per iniziale: a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 5
    Oppure per mese: Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre