Charles Monroe Schulz (1922-2000)

Informazioni di base:

  • Scomparso nel: 2000
  • Data di nascita: 26 Novembre 1922
  • Professione: Disegnatore
  • Luogo di nascita: Saint Paul
  • Nazione: Stati Uniti
  • Charles Monroe Schulz in Rete:

  • Sito Ufficiale: Il sito ufficiale di Charles Monroe Schulz
  • Wikipedia: Charles Monroe Schulz su Wikipedia
  • Biografia:

    (estratta da Wikipedia)

    Charles Monroe Schulz (Saint Paul, 26 novembre 1922 – Santa Rosa, 12 febbraio 2000) è stato un autore di fumetti statunitense.
    Charles M. Schulz al tavolo di disegno, davanti ad un'illustrazione di Charlie Brown
    Schulz è conosciuto in tutto il mondo per aver creato le strisce dei Peanuts.

    Biografia
    Figlio di Dena e Carl Schulz. Suo zio gli diede (al terzo giorno di vita) il soprannome di "Sparky", come il cavallo Spark Plug nei fumetti di Barney Google.
    Ha frequentato la scuola elementare a St. Paul, saltando due semestri. In questo modo, era il più piccolo della classe quando frequentò la scuola superiore anni dopo, il che potrebbe essere il motivo per cui era così timido e isolato quando era ragazzo. Dopo la morte della madre, nel 1943, è stato arruolato e mandato a Camp Campbell in Kentucky. È stato poi mandato in Europa due anni dopo per combattere nella Seconda Guerra Mondiale. Dopo aver lasciato l'esercito nel 1945, ha lavorato come insegnante.
    La sua prima striscia a fumetti con cadenza regolare fu pubblicata nel 1947 dal St. Paul Pioneer Press, e si intitolava Li'l Folks. Anche il Saturday Evening Post accettò di pubblicare alcune vignette dei Li'l Folks. (Fu in queste strisce che apparve per la prima volta Charlie Brown, così come un cane somigliante a Snoopy). Nel 1950 propose i suoi lavori alla United Features Syndicate, e i Peanuts furono pubblicati per la prima volta il 2 ottobre 1950. Questo fumetto divenne uno dei più popolari di tutti i tempi. Per breve tempo disegnò anche una striscia ispirata allo sport chiamata It's Only a Game (1957-1959), ma la abbandonò a causa del successo avuto dai Peanuts.
    Molta della sua vita viene raccontata nei Peanuts attraverso le somiglianze con Charlie Brown, il personaggio principale. Per esempio:
    anche il padre di Schulz era barbiere e sua madre casalinga.
    anche Schulz da piccolo aveva un cane (a differenza di Snoopy, però, il suo cane Spike era un pointer).
    anche Schulz era timido e introverso.
    la ragazzina dai capelli rossi di Schulz era Donna Johnston, con cui aveva avuto una relazione. Schulz le chiese di sposarlo, ma lei rifiutò. Rimasero comunque sempre amici.
    Schulz si è sposato due volte, la prima volta nel 1951 con Joyce Halverson. Hanno avuto cinque figli, ma hanno divorziato nel 1972. In seguito si è risposato nel 1973 con Jean Forsyth Clyde, con cui ha vissuto il resto della vita.
    Il padre di Schulz è morto nel 1966 mentre era andato a trovarlo, lo stesso anno in cui il suo studio in California è bruciato in un incendio.
    Peanuts è stato pubblicato per quasi 50 anni praticamente senza interruzioni ed è apparso su 1.600 quotidiani in 75 paesi. Nel novembre 1999 Schulz ha avuto un ictus, e più tardi si scoprì che aveva un cancro. A causa della chemioterapia e per il fatto che non riusciva a leggere o vedere con chiarezza, il 14 dicembre 1999 ha annunciato il suo ritiro, all'età di settantasette anni.
    Schulz morì il 12 febbraio 2000 a Santa Rosa in California a causa di un attacco cardiaco. Il giorno dopo fu pubblicata la sua ultima striscia, in cui lasciava a Snoopy il compito di congedarsi dai suoi lettori con queste parole:
    Schulz ha richiesto nel suo testamento che i personaggi dei Peanuts rimanessero genuini e che non si disegnassero nuove strisce basate sulle sue creature. Fino ad oggi le sue volontà sono state giustamente rispettate, e le vecchie strisce continuano a essere ri-pubblicate su quotidiani e riviste.
    Il quotidiano londinese The Times lo ha ricordato, il 14 febbraio 2000, con un necrologio che terminava con la seguente frase: "Charles Schulz leaves a wife, two sons, three daughters, and a little round- headed boy with an extraordinary pet dog". (Charles Schulz lascia una moglie, due figli, tre figlie e un piccolo bambino dalla testa rotonda con uno straordinario cane).
    Dal 17 agosto 2002 il museo a lui dedicato a Santa Rosa è aperto al pubblico.
    Influenze
    George Herriman
    Roy Crane
    Elzie C. Segar
    Percy Crosby
    Bibliografia
    Good Grief: The Story of Charles M. Schulz, Rheta Grimsley Johnson (1989) ISBN 0-88687-553-6
    Charles M. Schulz: Conversations, M. Thomas Inge (2000) ISBN 1-57806-305-1
    Peanuts: the Art of Charles M. Schulz, Chip Kidd (2001) ISBN 0-375-42097-5


    Altri progetti
    Wikiquote
    Wikiquote contiene citazioni di o su Charles Monroe Schulz
    Collegamenti esterni
    (EN) L'ultima striscia
    (EN) Peanuts Collector Club
    (EN) Schulz Museum
    (EN) Snoopy
    Portale Biografie
    Portale Fumetti

    Estratto da "http://it.wikipedia.org/wiki/Charles_Monroe_Schulz"
    Categorie: Biografie | Autori di fumetti statunitensi | Nati nel 1922 | Morti nel 2000 | Nati il 26 novembre | Morti il 12 febbraio | Vincitori degli Eisner Award | Personalità statunitensi della Seconda guerra mondiale | PeanutsCategorie nascoste: BioBot | Voci di qualità su de.wiki

    « Torna al 26 Novembre


    Cerca compleanni per iniziale: a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 5
    Oppure per mese: Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre