Bertrand Russell (1872-1970)

Informazioni di base:

  • Vero Nome: Bertrand Arthur William Russell
  • Scomparso nel: 1970
  • Data di nascita: 18 Maggio 1872
  • Professione: Filosofo
  • Luogo di nascita: Ravenscroft
  • Nazione: Galles
  • Bertrand Russell in Rete:

  • Sito Non Ufficiale: Un sito non ufficiale su Bertrand Russell
  • Wikipedia: Bertrand Russell su Wikipedia
  • Biografia:

    (estratta da Wikipedia)

    Bertrand Russell nel 1907



    Nobel per la letteratura 1950
    Bertrand Arthur William Russell, 3°Conte Russell (Ravenscroft, 18 maggio 1872 – Penrhyndeudraeth, 2 febbraio 1970) è stato un filosofo, logico e matematico gallese.
    Fu anche un autorevole esponente del movimento pacifista e un divulgatore della filosofia. In molti hanno guardato a Russell come a una sorta di profeta della vita creativa e razionale; al tempo stesso la sua posizione su molte questioni fu estremamente controversa.

    Biografia
    Bertrand Russell nacque da una famiglia aristocratica. Perse la madre all'età di due anni, il padre a quattro. Fu cresciuto dai nonni: Lord John Russell, ex primo ministro del regno britannico e la moglie Frances.
    Russell incontrò per la prima volta Alys Pearsall Smith, quacchera americana, all'età di diciassette anni. I due convolarono a nozze nel dicembre del 1894, ma si separarono nel 1911. Russell non fu mai fedele alla prima moglie; ebbe relazioni, tra le altre, con Lady Ottoline Morrell e Constance Malleson.
    Dal 1890, Russell studiò filosofia e logica presso l'università di Cambridge. Nel 1908 divenne assistente al Trinity College sotto la direzione di John Ellis McTaggart. Nel 1920, Russell fece un viaggio in Unione Sovietica e successivamente fu invitato per un anno a Pechino. Nel 1921, Russell perse l'incarico presso l'università, divorziò da Alys e sposò Dora Russell. Dal secondo matrimonio ebbe due figli, John e Kathrine. In quegli anni si mantenne scrivendo testi divulgativi su fisica etica ed educazione. Insieme alla moglie, nel 1927 fondò la scuola sperimentale di Beacon Hill.
    Dopo avere divorziato da Dora, nel 1936 si sposò per la terza volta con una studentessa di Oxford, Patricia ("Peter") Spence.
    Nel 1939 si trasferì negli Stati Uniti per un incarico presso l'UCLA di Los Angeles. Nel 1944 fece ritorno in Inghilterra presso il Trinity College. Nel 1952 divorziò da Peter e sposò Edith, la quarta moglie, che conosceva dal 1925. Negli anni Sessanta Bertrand Russell scrisse i tre volumi di cui si compone la sua autobiografia che portò a termine prima di morire in Galles nel 1970 per un'influenza.
    Al sopraggiungere della morte, Russell era anche una voce autorevole nel campo della morale e dell'etica, conseguentemente alla sua presa di posizione contro le armi nucleari e la guerra americana in Vietnam.
    Nel 1950, Russell fu insignito del Premio Nobel per la letteratura "quale riconoscimento ai suoi vari e significativi scritti nei quali egli si erge a campione degli ideali umanitari e della libertà di pensiero".
    L'opera logica e filosofica di Russell
    La logica
    Nella logica matematica Russell fissò il paradosso che successivamente prese da lui il nome di paradosso di Russell. Il paradosso minava irrimediabilmente il progetto di Gottlob Frege di ridurre la matematica alla logica. Nondimeno, Russell difese la teoria del logicismo e tentò egli stesso in prima persona di realizzare la riduzione logicista, assieme a Alfred North Whitehead, nei Principia Mathematica, un sistema assiomatico con cui tutte le affermazioni della matematica potevano essere costruite, ma che restarono incompleti. Nemmeno i Principia Mathematica, che pure si sottraevano alle aporie contro le quali si era infranto il sogno di Frege, poterono resistere ai teoremi di incompletezza di Kurt Gödel che provavano come nessun sistema logico finito potesse risolvere dentro di sé tutte le verità della matematica.
    Successivamente Russell sviluppò, anche a seguito del dialogo filosofico con l'allievo Ludwig Wittgenstein, la visione filosofica dell'atomismo logico, secondo la quale il mondo è costituito da elementi minimi indivisibili di natura logica, i fatti atomici.
    La filosofia del linguaggio
    Il principale contributo di Russell alla filosofia del linguaggio è la teoria delle descrizioni. Essa è normalmente illustrata con l'argomento de “l'attuale re di Francia”, usata per esempio nell'enunciato “L'attuale re di Francia è calvo”. A chi si riferisce questo enunciato dal momento che attualmente non esiste alcun re di Francia? Alexius Meinong aveva suggerito che noi dovessimo presupporre un mondo delle “entità non esistenti” a cui poterci riferire quando ricorriamo ad enunciati simili; ma si tratta di una teoria quanto meno curiosa. Frege pensava invece che potessimo rifiutare come “non sensi” tutti gli enunciati le cui parole si riferiscono apparentemente a oggetti che non esistono. D'altra parte una frase come “se l'attuale re di Francia è calvo, allora l'attuale re di Francia non ha capelli sulla testa” non solo non sembra priva di senso ma sembra indubbiamente vera. Infine lo stesso problema si porrebbe se ci fossero due re di Francia: a quale dei due l'espressione “l'attuale re di Francia” si riferisce?
    Il problema è posto dalle “descrizioni definite”. Esse comprendono tutte le espressioni che iniziano con “il” e alle volte anche i nomi, come “Walter Scott". Qual è la forma logica delle descrizioni definite? Come, in termini fregeani, possiamo parafrasarle così da mostrare che la verità dell'intero dipende dalla verità delle singole parti? Le descrizioni definite sono simili a nomi che per natura denotano esattamente un oggetto, né più né meno.
    La soluzione di Russell è di analizzare non le singole parti ma l'intero enunciato che contiene una descrizione definita. “L'attuale re di Francia è calvo”, può essere tradotto in:
    “Esiste un unico X tale che X è l'attuale re di Francia ed è calvo”.
    Russell ritiene che ogni “descrizione definita” contenga un'affermazione di esistenza e un'affermazione di unicità, ma esse possono essere distinte e trattate separatamente dal predicato che è contenuto nell'enunciato in cui compaiono. L'enunciato contiene tre dichiarazioni circa un oggetto: la descrizione definita ne contiene due, il resto dell'enunciato contiene la terza. Se l'oggetto non esiste, o se non è unico, allora l'enunciato è falso, ma non privo di significato.
    Una delle maggiori critiche mosse alla teoria di Russell è stata formulata da Peter Frederick Strawson: le descrizioni definite non affermano che il loro oggetto esiste, esse semplicemente presuppongono che esso esista.
    L'epistemologia
    La riflessione epistemologica di Russell è passata attraverso diverse fasi. Russell pensa che l'uomo possa conoscere solo i dati sensoriali, percezioni momentanee e soggettive di colori e suoni, e che ogni altra cosa, compresi gli stessi oggetti fisici cui vengono riferite le nostre percezioni sensoriali, non possono essere conosciute direttamente.
    L'influenza di Russell
    Russell è generalmente considerato uno dei fondatori della filosofia analitica. Assieme a George Edward Moore è stato protagonista della “rivoluzione contro l'idealismo” della filosofia anglosassone d'inizio Novecento (che fu echeggiata trent'anni dopo a Vienna, dalla “rivoluzione contro la metafisica” del positivismo logico). Russell e Moore hanno lottato per eliminare quello che essi ritenevano una filosofia incoerente e priva di significato e per raggiungere la chiarezza e la precisione del ragionamento. Gli scritti logici redatti assieme a Whitehead hanno continuato questo progetto. Russell fu maestro di Ludwig Wittgenstein tra il 1911 e il 1914, e lo aiutò a trovare un editore per la pubblicazione del Tractatus logico-philosophicus oltre che garantirgli un incarico all'Università di Cambridge. Tuttavia, Russell disapprovò l'approccio ai problemi filosofici dell'ultimo Wittgenstein, che a sua volta accusò il suo antico maestro di essere “superficiale e falso”. L'opera e il pensiero di Russell hanno influenzato i lavori di Willard Van Orman Quine, Karl Popper e molti altri.
    L'attivismo di Russell
    Politica
    Bertrand Russell fu un convinto pacifista. Si oppose alla partecipazione dell'Inghilterra alla Prima Guerra Mondiale. Per la sua posizione fu prima allontanato e poi perse la cattedra al Trinity College dell'Università di Cambridge; infine fu incarcerato per sei mesi. Negli anni immediatamente precedenti la Seconda Guerra Mondiale, Russell fu fautore di una politica di pacificazione, ma alla fine riconobbe che Hitler doveva essere combattuto.
    Russell chiamò la sua posizione “pacifismo relativo”: egli riteneva che la guerra fosse un male, ma anche che, in circostanze estreme (ad esempio, quando Hitler minacciava di occupare l'Europa intera), la guerra stessa potesse essere il male minore.
    A partire dagli anni Cinquanta Russell, dopo avere sostenuto in una conferenza pubblica del 1948 la necessità di un attacco nucleare preventivo contro l'Unione Sovietica, divenne assieme a Albert Einstein un sostenitore autorevole del disarmo nucleare. Nel 1961 Russell fu processato e condannato a una settimana di prigione in seguito a una manifestazione a Londra contro il proliferare delle armi nucleari. La guerra in Vietnam fu l'ultimo obiettivo polemico del pacifismo di Russell, che insieme a Jean-Paul Sartre fondò il tribunale che prese il suo nome per processare gli Stati Uniti per crimini di guerra.
    Russell criticò la ricostruzione dell'assassinio di John Fitzgerald Kennedy; lo scritto 16 Questions on the Assassination pubblicato nel 1964 è ancora considerato un buon riassunto della inconsistenza della versione ufficiale del caso.
    Politicamente sostenitore del socialismo democratico, Russell criticò duramente il totalitarismo di Stalin.
    Morale
    Russell criticò la nozione vittoriana di moralità. Nei suoi scritti giovanili espresse l'opinione che l'amore tra un uomo e una donna che non sono sposati non è necessariamente immorale se essi si amano veramente. Ciò fu sufficiente a sollevare vigorose proteste e denunce in occasione della sua prima visita in America (la vita privata di Russell fu più edonistica di quanto i suoi scritti non rivelassero ma al tempo non era ancora sufficientemente conosciuta). Nei suoi saggi sulla morale diede avvio a una serie di concezioni morali che divennero popolarissime. Va ricordato, in particolare, il dibattito che si innescò a partire dal suo saggio Matrimonio e Morale, pubblicato nel 1929.
    Religione
    In materia di religione, Russell si dichiarava filosoficamente agnostico e ateo nella vita pratica. La sua attitudine verso il Dio cristiano era identica a quella verso gli dèi dell'antica Grecia: fortemente convinto che essi non esistessero, egli non era in grado di dimostrarlo rigorosamente. La sua posizione è spiegata nei saggi Io sono un ateo o un agnostico? e Perché non sono cristiano.
    Le posizioni antireligiose di Russell furono oggetto di forti critiche e di pesanti ostracismi. Famoso, ad esempio, è il caso dell'incarico al City College di New York che destò l'ira dei fanatici clericali del tempo e che diede inizio ad una violentissima campagna di diffamazione e intimidazione.
    Ulteriori letture
    Opere di Russell
    Principali lavori di Russell in ordine cronologico.
    1896, German Social Democracy, London: Longmans, Green.
    1897, An Essay on the Foundations of Geometry, Cambridge: At the University Press.
    1900 - Esposizione critica della filosofia di Leibniz (A Critical Exposition of the Philosophy of Leibniz), Longanesi (ISBN 9788830407565)
    1903 - I principi della matematica (The Principles of Mathematics), Longanesi (ISBN 9788830408401)
    1910, Philosophical Essays, London: Longmans, Green.
    1910-1913, Principia Mathematica (with Alfred North Whitehead), 3 vols., Cambridge: At the University Press.
    1912, The Problems of Philosophy, London: Williams and Norgate.
    1914 - La conoscenza del mondo esterno (Our Knowledge of the External World as a Field for Scientific Method in Philosophy), Longanesi (ISBN 9788830403246)
    1916, Principles of Social Reconstruction, London: George Allen & Unwin.
    1916, Justice in War-time, Chicago: Open Court.
    1917 - Le idee politiche (Political Ideals), Longanesi (ISBN 9788830402669)
    1918 - Misticismo e logica (Mysticism and Logic and Other Essays), Longanesi (ISBN 9788830403208)
    1918 - Socialismo, anarchismo, sindacalismo (Roads to Freedom: Socialism, Anarchism, and Syndicalism), Longanesi (ISBN 9788830403192)
    1919 - Introduzione alla filosofia matematica (Introduction to Mathematical Philosophy), Longanesi (ISBN 9788830421448)
    1920, The Practice and Theory of Bolshevism,London: George Allen & Unwin
    1921, The Analysis of Mind, London: George Allen & Unwin.
    1922, The Problem of China, London: George Allen & Unwin.
    1923, The Prospects of Industrial Civilization (in collaboration with Dora Russell), London: George Allen & Unwin.
    1923, The ABC of Atoms, London: Kegan Paul, Trench, Trubner.
    1924, Icarus, or the Future of Science, London: Kegan Paul, Trench, Trubner.
    1925 - L'ABC della relatività (The ABC of Relativity), Longanesi (ISBN 9788830422483)
    1925, What I Believe, London: Kegan Paul, Trench, Trubner.
    1926, On Education, Especially in Early Childhood, London: George Allen & Unwin.
    1927, The Analysis of Matter, London: Kegan Paul, Trench, Trubner.
    1927, An Outline of Philosophy, London: George Allen & Unwin.
    1927, Perché non sono cristiano, London: Watts.
    1927, Selected Papers of Bertrand Russell, New York: Modern Library.
    1928 - Saggi scettici (Sceptical Essays), TEA (ISBN 9788850205516)
    1929 - Matrimonio e morale (Marriage and Morals), Longanesi (ISBN 9788830424432)
    1930 - La conquista della felicità (The Conquest of Happiness), TEA (ISBN 9788850204694)
    1931 - La visione scientifica del mondo (The Scientific Outlook), Laterza (ISBN 9788842059721)
    1932, Education and the Social Order, London: George Allen & Unwin.
    1934, Freedom and Organization, 1814–1914, London: George Allen & Unwin.
    1935 - Elogio dell'ozio (In Praise of Idleness), Longanesi (ISBN 9788830421530)
    1935, Religion and Science, London: Thornton Butterworth.
    1936, Which Way to Peace?, London: Jonathan Cape.
    1937, The Amberley Papers: The Letters and Diaries of Lord and Lady Amberley (with Patricia Russell), 2 vols., London: Leonard & Virginia Woolf at the Hogarth Press.
    1938, Power: A New Social Analysis, London: George Allen & Unwin.
    1940, An Inquiry into Meaning and Truth, New York: W. W. Norton & Company.
    1945 - Storia della filosofia occidentale (History of Western Philosophy), TEA (ISBN 9788850205141)
    1948 - La conoscenza umana. Le sue possibilità e i suoi limiti (Human Knowledge: Its Scope and Limits), Longanesi (ISBN 9788830406704)
    1949 - Autorità e individuo (Authority and the Individual), TEA (ISBN 9788878182561)
    1951, New Hopes for a Changing World, London: George Allen & Unwin.
    1952, The Impact of Science on Society, London: George Allen & Unwin.
    1953, Satan in the Suburbs and Other Stories, London: George Allen & Unwin.
    1954 - Un'etica per la politica (Human Society in Ethics and Politics), Laterza (ISBN 9788842044680)
    1954, Nightmares of Eminent Persons and Other Stories, London: George Allen & Unwin.
    1956, Portraits from Memory and Other Essays, London: George Allen & Unwin.
    1956, Logic and Knowledge: Essays 1901–1950 (edited by Robert C. Marsh), London: George Allen & Unwin.
    1957 - Perché non sono cristiano (Why I Am Not a Christian and Other Essays on Religion and Related Subjects), Longanesi (ISBN 9788830423480)
    1958, Understanding History and Other Essays, New York: Philosophical Library.
    1959, Common Sense and Nuclear Warfare, London: George Allen & Unwin.
    1959, My Philosophical Development, London: George Allen & Unwin.
    1959, Wisdom of the West ("editor", Paul Foulkes), London: Macdonald.
    1960, Bertrand Russell Speaks His Mind, Cleveland and New York: World Publishing Company.
    1961, The Basic Writings of Bertrand Russell (edited by R.E. Egner and L.E. Denonn), London: George Allen & Unwin.
    1961, Fact and Fiction, London: George Allen & Unwin.
    1961, Has Man a Future?, London: George Allen & Unwin.
    1963, Essays in Skepticism, New York: Philosophical Library.
    1963, Unarmed Victory, London: George Allen & Unwin.
    1965, On the Philosophy of Science (edited by Charles A. Fritz, Jr.), Indianapolis: The Bobbs-Merrill Company.
    1967, Russell's Peace Appeals (edited by Tsutomu Makino and Kazuteru Hitaka), Japan: Eichosha's New Current Books.
    1967, War Crimes in Vietnam, London: George Allen & Unwin.
    1967–1969, The Autobiography of Bertrand Russell, 3 vols., London: George Allen & Unwin.
    1969, Dear Bertrand Russell... A Selection of his Correspondence with the General Public 1950–1968 (edited by Barry Feinberg and Ronald Kasrils), London: George Allen and Unwin.
    Nota: nei lavori su riportati non sono compresi pamphlet, introduzioni, articoli e lettere che possono essere trovati nelle antologie o nelle raccolte. Tra tutte segnaliamo per importanza The Collected Papers of Bertrand Russell, che la McMaster University iniziò a pubblicare nel 1983. Questa raccolta di lavori più brevi o non pubblicati fino ad oggi consta di 16 volumi, e diversi altri si aggiungeranno. Inoltre solo per la sua bibliografia sono stati necessari 3 volumi. Gli archivi di Russell presso la McMaster University contengono più di 30,000 lettere.
    Bibliografia ulteriore:
    A. Russell
    1900, Sur la logique des relations avec des applications à la théorie des séries, Rivista di matematica 7: 115-148.
    1901, On the Notion of Order, Mind (n.s.) 10: 35-51.
    1902, (with Alfred North Whitehead), On Cardinal Numbers, American Journal of Mathematics 23: 367-384.
    B. bibliografia secondari:
    John Newsome Crossley. A Note on Cantor's Theorem and Russell's Paradox, Australian Journal of Philosophy 51: 70-71.
    Ivor Grattan-Guinness, 2000. The Search for Mathematical Roots 1870-1940. Princeton University Press.
    Libri sulla filosofia di Russell
    Bertrand Russell: Critical Assessments, edited by A. D. Irvine, 4 volumes, London: Routledge, 1999. Consists of essays on Russell's work by many distinguished philosophers.
    Bertrand Russell, by John Slater, Bristol: Thoemmes Press, 1994.
    The Philosophy of Bertrand Russell, edited by P.A. Schilpp, Evanston and Chicago: Northwestern University, 1944.
    Russell, by A. J. Ayer, London: Fontana, 1972. ISBN 0-00-632965-9. A lucid summary exposition of Russell's thought.
    Libri biografici
    Bertrand Russell: 1872–1920 The Spirit of Solitude by Ray Monk (1997) ISBN 0-09-973131-2
    Bertrand Russell: 1921–1970 The Ghost of Madness by Ray Monk (2001) ISBN 0-09-927275-X
    Bertrand Russell: Philosopher and Humanist, by John Lewis (1968)
    Bertrand Russell, by A. J. Ayer (1972), reprint ed. 1988: ISBN 0-226-03343-0
    The Life of Bertrand Russell, by Ronald W. Clark (1975) ISBN 0-394-49059-2
    Bertrand Russell and His World, by Ronald W. Clark (1981) ISBN 0-500-13070-1
    Il pensiero di Bertrand Russell. Esposizione storicocritica. Emanuele Riverso Terza edizione. Libreria Scientifica Editrice. Napoli 1972
    Opere disponibili in rete
    Mysticism
    "Contents Recommended"
    "A Free Man's Worship" (1903)
    Am I an Atheist or an Agnostic?
    Icarus: The Future of Science
    Has Religion Made Useful Contributions to Civilization?
    Ideas that Have Harmed Mankind
    In Praise of Idleness (1932)
    Nobel Lecture (1950)
    Political Ideals
    The Problem of China
    The Problems of Philosophy
    Proposed Roads to Freedom (1918)
    "16 Questions on the Assassination" (of President Kennedy)
    The Analysis Of Mind
    What is an Agnostic?
    Why I am not a Christian
    "The Elements of Ethics" (1910)
    The Principles of Mathematics (1903)
    The Principles of Mathematics, really full (1903)
    Voci correlate
    Matrimonio e morale
    Altri progetti
    Commons
    Wikiquote
    Wikimedia Commons contiene file multimediali su Bertrand Russell
    Wikiquote contiene citazioni di o su Bertrand Russell
    Collegamenti esterni
    Bertrand Russell su Open Directory Project (Segnala su DMoz un collegamento pertinente all'argomento "Bertrand Russell")
    Voce dedicata nel Dizionario Interdisciplinare di Scienza e Fede
    Sito web italiano della Bertrand Russell Corporation
    Sito web italiano con biografia e alcuni scritti
    (EN) Voce nella Stanford Encyclopedia of Philosophy
    (EN) Voce dedicata nel sito web della School of Mathematical and Computational Sciences University of St Andrews
    (EN) Voce con alcuni saggi di Russell
    Portale Biografie
    Portale Filosofia

    Estratto da "http://it.wikipedia.org/wiki/Bertrand_Russell"
    Categorie: Biografie | Filosofi britannici | Logici britannici | Matematici britannici | Nati nel 1872 | Morti nel 1970 | Nati il 18 maggio | Morti il 2 febbraio | Premi Nobel per la letteratura | Personalità dell'ateismoCategoria nascosta: BioBot

    « Torna al 18 Maggio


    Cerca compleanni per iniziale: a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 5
    Oppure per mese: Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre