Bernardo Provenzano (77)

Informazioni di base:

  • Data di nascita: 31 Gennaio 1933
  • Professione: Mafioso
  • Luogo di nascita: Corleone (PA)
  • Nazione: Italia
  • Bernardo Provenzano in Rete:

  • Sito Non Ufficiale: Un sito non ufficiale su Bernardo Provenzano
  • Wikipedia: Bernardo Provenzano su Wikipedia
  • Biografia:

    (estratta da Wikipedia)

    Foto segnaletica che ritrae Bernardo Provenzano da giovane
    Bernardo Provenzano , detto Binnu u tratturi (Bernardo il trattore, per la violenza con cui falciava le vite dei suoi nemici) e Zù Binu, (Corleone, 31 gennaio 1933) è un criminale italiano, ritenuto uno dei capi della mafia siciliana o Cosa nostra. Arrestato l'11 aprile 2006, Provenzano era ricercato sin dal 9 maggio 1963, con una latitanza record di oltre quarant'anni.
    In precedenza era già stato condannato in contumacia a tre ergastoli ed aveva altri procedimenti in corso.

    La carriera di mafioso
    Le origini e gli inizi
    Una foto giovanile di Provenzano nel 1959
    Nato da una famiglia molto povera, terzo di sette figli , viene ben presto mandato a lavorare nei campi abbandonando la scuola (non finirà la seconda elementare) e si arruola altrettanto presto nelle organizzazioni malavitose.
    Lo scoop
    Lo scoop mondiale (come lo ha definito Enzo Biagi sul settimanale Oggi del 26 aprile 2006), relativo all'arresto di Provenzano, è stato del giornalista Lirio Abbate dell'ANSA di Palermo.
    Il cronista ha assistito alle fasi del blitz e le ha descritte in diretta sul notiziario dell'agenzia, guadagnandosi il plauso di Biagi ("noi della categoria dobbiamo complimentarci"). Successivamente le fasi del blitz sono state raccontate anche nel libro I complici.
    La pista decisiva
    Le prime indagini, che poi hanno portato alla cattura del super-latitante, sono partite dall'osservazione di un sacchetto della spesa che veniva lasciato davanti alla casa della famiglia di Provenzano. Il sacchetto veniva poi preso da un signore che lo riponeva nel bagagliaio nella propria automobile. Con l'automobile andava poi a riempire presso una fontana le taniche d'acqua contenute nel sacchetto. Mentre il signore stava riempendo le taniche, arrivava un altro uomo in macchina che incominciava a riempire anche lui le proprie taniche contenute in un sacchetto. In una frazione di secondo poi le due taniche venivano scambiate ed i due signori, come se nulla fosse accaduto, se ne andavano via in macchina... Il problema poi è stato seguire i passaggi che faceva questo sacchetto, che impiegava anche mesi per arrivare a destinazione.. Gli indizi portavano ad una magione, che poi si scoprirà essere quella di Provenzano. Vicino a questa casa, abitata da un contadino abitudinario, ce n'era un'altra molto più piccola, che ha insospettito il pool diretto dal procuratore nazionale antimafia Pietro Grasso. Per esempio sopra il tetto di questa casa c'era un'antenna della televisione, che, un giorno, il contadino è andato ad aggiustare, pur non entrandoci mai. Quindi è stata appostata una microtelecamera in un cespuglio di fronte alla casa. L'apogeo è stato quando il contadino, un giorno, si è diretto verso la casetta con del cibo ed è uscito senza. In breve è stato scelto di intervenire drasticamente e ne è seguita la cattura.
    Un pizzino
    La famiglia
    Bernardo Provenzano ha sposato in clandestinità, non si sa dove e quando, Saveria Benedetta Palazzolo. Il matrimonio è avvenuto con rito cattolico ed è stato celebrato da un prete consenziente. Questo matrimonio non è mai stato registrato dall'anagrafe.
    La coppia ha avuto 2 figli nati in clandestinità:
    Angelo Provenzano: nato nel 1975
    Francesco Paolo Provenzano: nato il 16 Aprile 1982
    Nel 1983, la signora Saveria Benedetta Palazzolo è riuscita a sfuggire ad un tentativo d'arresto della polizia.
    La signora Provenzano con i figli sono stati in latitanza fino al 1993. Nella primavera 1992 infatti, improvvisamente, fecero il loro ritorno a Corleone.
    Cinema e televisione
    Il 30 marzo 2006 è uscito nelle sale cinematografiche il film di Marco Amenta Il fantasma di Corleone, un documentario-fiction su Provenzano che verrà messo in onda anche dalla RAI, seppur censurando i riferimenti a Marcello dell'Utri e Silvio Berlusconi, a causa di pressioni da parte del mondo politico.
    Il 14 febbraio 2007 è andato in onda su Raiuno la fiction L'ultimo dei corleonesi, dove viene raccontata la storia di Luciano Liggio, Totò Riina e Provenzano fino alla cattura di quest'ultimo.
    Il 15 febbraio 2007 va in onda su Raitre la docufiction Scacco al re dove viene raccontato il lavoro che è stato fatto per catturare Provenzano con filmati e registrazioni originali.
    Nel novembre 2007 è stata trasmessa su Canale 5 la miniserie televisiva Il capo dei capi, che ripercorre le vicende della vita di Totò Riina.
    Il 13 gennaio 2008 da parte di Mediaset è stata trasmessa una mini fiction, prodotta da Taodue di 2 puntate sugli ultimi anni di latitanza di Provenzano dal titolo: L'ultimo padrino con Michele Placido nel ruolo del Boss.
    Note


      ^ Dato riportato a pag 59 del libro: L'altra mafia: biografia di Bernardo Provenzano, di Ernesto Oliva, Salvo Palazzolo, Rubettino Editore srl, 2001
      ^ Pizzino citato nel libro: Bernardo Provenzano. Il ragioniere di Cosa Nostra di Ernesto Oliva e Salvo Palazzolo.
      ^ VISTO CENSURA n. 99723 del 22.03.06. «La scena incriminata (di cosa poi?) è quella in cui vengono fatti i nomi di Silvio Berlusconi e Marcello dell’Utri (entrambi con i loro partiti al Governo nel 2006), nomi che non sono supposizioni ma sono parte di testimonianze rilasciate durante un processo.» cfr. qui

    Bibliografia
    Bernardo Provenzano. Il ragioniere di Cosa Nostra di Ernesto Oliva e Salvo Palazzolo, Rubbettino Editore
    Il codice Provenzano di Salvo Palazzolo e Michele Prestipino, Editori Laterza
    I complici. Tutti gli uomini di Bernardo Provenzano da Corleone al Parlamento - Lirio Abbate e Peter Gomez - Fazi Editore - 2007
    "Iddu. La cattura di Bernardo Provenzano" di di Bellavia Enrico e Mazzocchi Silvana - "Edizione: BALDINI CASTOLDI DALAI EDITORE"
    "Voi non sapete. Gli amici, i nemici, la mafia, il mondo nei pizzini di Bernardo Provenzano" di Andrea Camilleri- Mondadori - 2007
    Voci correlate
    Mafia
    Cosa Nostra
    Corleonesi
    I "pizzini" di Provenzano
    Altri progetti
    Articolo su Wikinotizie: Provenzano arrestato dalla Polizia 11 aprile 2006
    Collegamenti esterni
    Bernardoprovenzano.net - L'altra mafia
    Pentiti
    Tommaso Buscetta · Totuccio Contorno · Giuseppe Di Cristina · Santino Di Matteo · Antonino Giuffrè · Leonardo Messina · Baldassare Di Maggio
    Lotta a

    Cosa Nostra
    Maxiprocesso di Palermo · Associazione di tipo mafioso · Alto Commissariato per la lotta alla mafia · Libera · Libera terra · Centopassi · Persone: Emanuele Notarbartolo · Placido Rizzotto · Carlo Alberto Dalla Chiesa · Peppino Impastato · Boris Giuliano · Giovanni Falcone · Paolo Borsellino  · Pino Puglisi · Ninni Cassarà · Rocco Chinnici · Beppe Montana · Antonino Caponnetto · Libero Grassi · Piersanti Mattarella · Rosario Livatino
    Stragi
    Strage Chinnici · Strage di Ciaculli · Strage di Viale Lazio · Strage della circonvallazione · Strage del Rapido 904 · Strage di Capaci · Strage di via d'Amelio · Strage di via dei Georgofili
    Altro
    Pizzo · Voto di scambio · Pizzino · Lupara bianca · Vittime di Cosa Nostra · Collusioni tra politica e mafia · Pizza connection · Cosa nostra americana · Quattro cavalieri dell'apocalisse mafiosa
    Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Biografie

    Estratto da "http://it.wikipedia.org/wiki/Bernardo_Provenzano"
    Categorie: Biografie | Criminali italiani | Nati nel 1933 | Nati il 31 gennaio | Mafiosi legati a Cosa NostraCategoria nascosta: BioBot

    « Torna al 31 Gennaio


    Cerca compleanni per iniziale: a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 5
    Oppure per mese: Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre