Assia Noris (1912-1998)

Informazioni di base:

  • Vero Nome: Anastasia Noris Von Gerzfeld
  • Scomparsa nel: 1998
  • Data di nascita: 26 Febbraio 1912
  • Professione: Attrice
  • Luogo di nascita: San Pietroburgo
  • Nazione: Russia
  • Assia Noris in Rete:

  • Wikipedia: Assia Noris su Wikipedia
  • Biografia:

    (estratta da Wikipedia)

    Assia Noris - pseudonimo di Anastasia Noris Von Gerzfeld - (San Pietroburgo, 26 febbraio 1912 – San Remo, 27 gennaio 1998) è stata un'attrice russa che legò la sua fama al cinema italiano.



    Biografia
    Assia Noris nasce nell'allora capitale dell'Impero Russo, San Pietroburgo, nel 1912: il padre è un ufficiale tedesco, la madre è di nazionalità ucraina. In seguito alla rivoluzione comunista fugge in Francia, trasferendosi poi in Italia nel 1929.
    Il successo cinematografico
    Il suo debutto cinematografico avviene nel 1932 in Trois hommes en habit di Mario Bonnard (che l'anno dopo ne girerà una nuova versione per il mercato italiano, interpretata anche questa dalla Noris), ma la sua fama è legata principalmente ai film diretti da Mario Camerini (con il quale fu sposata dal 1940 al 1943) e recitati in coppia con Vittorio De Sica. La sua capacità di interpretare alla perfezione il personaggio della ragazza onesta è uno degli elementi del successo di pellicole come Il signor Max (1937) e Grandi magazzini (1939): Assia Noris conquista il pubblico con la sua bellezza slava, il suo accento straniero e il suo stile di recitazione fine ed elegante, ingenuo e malizioso al tempo stesso, diventando una delle grandi dive del cinema degli anni '30. Il suo successo continuò con la commedia di Mario Soldati Dora Nelson (1939) e con Una storia d'amore (1942) in cui provò la sua capacità di affrontare anche ruoli drammatici, ma terminata la seconda guerra mondiale la sua stella inizia a smettere di brillare.
    Il teatro
    Assia tenta allora la via del teatro e recita anche in alcuni film all'estero ma i risultati sono scarsi.
    Sorprenderà un po' tutti ritornando sugli schermi come protagonista nel 1964, dopo quasi vent'anni di assenza, in La Celestina P... R... di Carlo Lizzani.
    Torna ancora al teatro ma non riuscendo più a recuperare il successo perduto abbandona definitivamente le scene, profondamente delusa dal mondo del cinema, i cui addetti, dimentichi di quello che aveva dato alla cinematografia italiana in passato, la ritengono ormai "fuori moda".
    Si è spenta a Sanremo, dove viveva da decenni, nell'ospedale civile dopo un ricovero a causa di un malore, nel 1998.
    Filmografia
    Trois hommes en habit, regia di Mario Bonnard (1932)
    Tre uomini in frack, regia di Mario Bonnard (1933)
    La signorina dell'autobus, regia di Nunzio Malasomma (1933)
    Ève cherche un père, regia di Mario Bonnard (1933)
    La marche nuptiale, regia di Mario Bonnard (1934)
    La marcia nuziale, regia di Mario Bonnard (1934)
    Giallo, regia di Mario Camerini (1933)
    Quei due, regia di Gennaro Righelli (1935)
    L'uomo che sorride, regia di Mario Mattoli (1936)
    Ma non è una cosa seria, regia di Mario Camerini (1936)
    Darò un milione, regia di Mario Camerini (1936)
    Mayerling, regia di Anatole Litvak (1936)
    Una donna fra due mondi, regia di Goffredo Alessandrini (1936)
    Il signor Max, regia di Mario Camerini (1937)
    Nina non far la stupida, regia di Nunzio Malasomma (1937)
    Maman Colibri, regia di Jean Dréville (1937)
    Allegri masnadieri, regia di Marco Elter (1937)
    Voglio vivere con Letizia, regia di Camillo Mastrocinque (1938)
    La casa del peccato, regia di Max Neufeld (1938)
    Batticuore, regia di Mario Camerini (1939)
    Grandi magazzini, regia di Mario Camerini (1939)
    Dora Nelson, regia di Mario Soldati (1940)
    Centomila dollari regia di Mario Camerini (1939)
    Una romantica avventura, regia di Mario Camerini (1940)
    Con le donne non si scherza, regia di Giorgio Simonelli (1941)
    Luna di miele, regi di Giacomo Gentilomo (1941)
    Margherita fra i tre, regia di Ivo Perilli (1942)
    Un colpo di pistola, regia di Renato Castellani (1942)
    Capitaine Fracasse, Abel Gance (1942)
    Una storia d'amore, regia di Mario Camerini (1942)
    Il viaggiatore d'Ognissanti (Le voyageur de la Toussaint), regia di Louis Daquin (1943)
    La maschera sul cuore (Le capitaine Fracasse), regia di Abel Gance (1943)
    Una piccola moglie, regia di Giorgio Bianchi (1943)
    Non rubare, episodio de I dieci comandamenti, regia di Giorgio Walter Chili (1945)
    Che distinta famiglia!, regia di Mario Bonnard (1945)
    La peccatrice bianca (Amina), regia di Goffredo Alessandrini (1950)
    La Celestina P... R..., regia di Carlo Lizzani (1965)
    Bibliografia
    Massimo Scaglione - Le dive del ventennio (Lindau, 2001)
    Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema

    Estratto da "http://it.wikipedia.org/wiki/Assia_Noris"
    Categorie: Biografie | Attori russi | Nati nel 1912 | Morti nel 1998 | Nati il 26 febbraio | Morti il 27 gennaio | Attori italiani | Personalità legate a San PietroburgoCategoria nascosta: BioBot

    « Torna al 26 Febbraio


    Cerca compleanni per iniziale: a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 5
    Oppure per mese: Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre