Arnoldo Foà (94)

Informazioni di base:

  • Data di nascita: 24 Gennaio 1916
  • Professione: Attore
  • Luogo di nascita: Ferrara (FE)
  • Nazione: Italia
  • Arnoldo Foà in Rete:

  • Wikipedia: Arnoldo Foà su Wikipedia
  • Biografia:

    (estratta da Wikipedia)

    Arnoldo Foà, a sinistra, vestito di scena in compagnia di Antonio Gandusio, in un'immagine degli anni '50
    Arnoldo Eugenio Foà (Ferrara, 24 gennaio 1916) è un attore e regista italiano.
    Nato da Dirce e Valentino, completa le scuole superiori a Firenze, dove si era trasferito con la famiglia, e studia alla scuola di recitazione del Rasi. Abbandona gli studi in Economia e Commercio, e a vent'anni e si trasferisce a Roma, dove frequenta il Centro Sperimentale di Cinematografia.

    La guerra
    Arnoldo Foà è costretto a lasciare i corsi presso il Centro Sperimentale di Cinematografia a seguito della promulgazione delle leggi razziali fasciste (la sua famiglia è di origini ebraiche). La situazione è molto difficile. Foà non può lavorare, deve usare nomi falsi (tra cui "Puccio Gamma") e ricopre saltuariamente il ruolo del sostituto di attori malati (in gergo, il "pompiere"), riuscendo a lavorare nelle compagnie più prestigiose: Cervi-Pagnani-Morelli-Stoppa, Ninchi-Barnabò, Adani-Cimara, Maltagliati-Cimara.
    Verso la fine della guerra si rifugia a Napoli, dove diviene capo-annunciatore e scrittore della Radio Alleata PWB: spetta a lui la comunicazione dell'armistizio con gli Alleati, l'8 settembre 1943. Alla fine della guerra, torna al teatro e si unisce a molte e importanti compagnie: Ferrati-Cortese-Scelzo, Ferrati-Cortese-Cimara, Stoppa-Morelli-Cervi (dove collabora con Visconti) e la Compagnia del Teatro Nazionale (lavorando per Guido Salvini).
    Attività teatrale
    Intensa e prestigiosa la sua carriera in teatro: autori classici e contemporanei, registi del calibro di Luchino Visconti, Aldo Sarullo e Giorgio Strehler. Le sue interpretazioni sono memorabili, incisive, esito di un attento studio e di passione e misura drammatica elette. Da regista mette in scena spettacoli di prosa (tra i tanti La pace di Aristofane e Diana e la Tuda di Luigi Pirandello) e di lirica (Otello di Giuseppe Verdi, Histoire du soldat di Igor Stravinskij, e Il pipistrello di Strauß), e molte sue commedie, riscuotendo sempre enormi successi.
    Nel 1957 l'esordio come autore teatrale ("Signori buonasera"). Seguiranno, tra le altre, "La corda a tre capi", "Il testimone", e più recentemente "Amphitryon Toutjours" (Festival di Spoleto 2000), e "Oggi".
    Attività cinematografica e televisiva
    La sua filmografia presenta oltre 100 pellicole: tra i registi con cui lavora Alessandro Blasetti ("Altri tempi"), Orson Welles ("Il processo"), Vittorio Cottafavi ("I cento cavalieri"), Jacques Deray ("Borsalino"), Marcello Fondato ("Causa di divorzio"), Damiano Damiani ("Il sorriso del grande tentatore"), Giuliano Montaldo ("Il giocattolo"), Giuseppe Ferrara ("Cento giorni a Palermo"), Giovanni Soldati ("L'attenzione"), Luca Barbareschi ("Ardena"), Paolo Costella ("Tutti gli uomini del deficiente"), Ettore Scola ("Gente di Roma"), Alessandro Benvenuti ("Ti spiace se bacio mamma?"), Alessandro D'Alatri ("La febbre"), Antonello Belluco ("Antonio, guerriero di Dio") e Maurizio Sciarra ("Quale amore").
    Foà contribuisce anche ad alcune delle più celebri produzioni della televisione italiana: "Capitan Fracassa", "Le cinque giornate di Milano", "La freccia nera", "L'isola del tesoro", "Il giornalino di Giamburrasca", "David Copperfield", "I racconti del Maresciallo", "I racconti di Padre Brown", "Nostromo", "Fine secolo" e "Il papa buono".
    La voce
    Già dai primissimi anni Arnoldo Foà contribuisce alla nascita, dalle ceneri dell'EIAR, della Radio RAI e partecipa a molte trasmissioni, sia di informazione che di intrattenimento, con attori, autori e registi importanti (Cervi, Morelli, Ninchi, Majano, Umberto Benedetto tra gli altri). Diventa uno dei migliori doppiatori italiani, tanto in radio quanto sullo schermo (tra i tanti celebri attori doppiati, Anthony Quinn ne "La strada" di Fellini). Ultimamente è tornato eccezionalmente al doppiaggio interpretando la voce narrante nel film La fabbrica di cioccolato di Tim Burton (nell'originale interpretata da Geoffrey Holder).
    Celebri le sue dizioni poetiche da Dante, Lucrezio, Carducci, Leopardi, Neruda, García Lorca, che vengono registrate su disco in vinile negli anni Cinquanta e Sessanta (recentemente sono stati registrati anche su CD), divulgando moltissime opere, in particolare, quelle di autori di lingua spagnola, allora poco conosciuti in Italia, come Lorca e Neruda: il celebre "Lamento per Ignacio Mejias" di Lorca ha fatto vincere alla Fonit Cetra il Disco d'oro per aver superato il milione di copie. Negli ultimi anni molte le registrazioni di poesie su cd, di diversi autori e per diverse produzioni.
    Dal 2002 ha realizzato alcuni CD di una collana con registrazioni di brani di poeti e filosofi, commentati da musiche appositamente create, e un CD di poesie scritte da lui stesso.
    Filmografia
    Crispino e la comare, regia di Vincenzo Sorelli (1938)
    Ettore Fieramosca, regia di Alessandro Blasetti (1938)
    Orizzonte dipinto, regia di Guio Salvini (1941)
    Fuga nella tempesta, regia di Ignazio Ferronetti (1945)
    O sole mio, regia di Giacomo Gentilomo (1946)
    Il testimone, regia di Pietro Germi (1946)
    Un giorno nella vita , regia di Alessandro Blasetti (1946)
    La figlia del capitano , non accreditato, regia di Mario Camerini (1947)
    L'eroe della strada, regia di Carlo Borghesio (1948)
    Marechiaro, regia di Giorgio Ferroni (1949)
    Il grido della terra, regia di Duilio Coletti (1949)
    Yvonne la nuit, regia di Giuseppe Amato (1949)
    Adamo ed Eva, regia di Mario Mattoli (1949)
    Bellezze in bicicletta, regia di Carlo Campogalliani (1950)
    Peppino e Violetta, regia di Maurice Cloche (1950)
    Il brigante Musolino, regia di Mario Camerini (1950)
    Il leone di Amalfi, regia di Pietro Francisci (1950)
    Il vedovo allegro, regia di Mario Mattoli (1950)
    I cadetti di Guascogna, non accreditato, regia di Mario Mattoli (1950)
    Totò sceicco, regia di Mario Mattoli (1950)
    Lorenzaccio, regia di Raffaello Pacini (1951)
    Domani è un altro giorno, regia di Leonide Moguy (1951)
    Il tradimento, regia di Riccardo Freda (1951)
    Infame accusa, regia di Giuseppe Vari (1952)
    Altri tempi, regia di Alessandro Blasetti (1952)
    La storia del fornaretto di Venezia, regia di Giacinto Solito (1952)
    Viva il cinema!, regia di Giorgio Baldaccini ed Enzo Trapani (1952)
    Cinque poveri in automobile, regia di Mario Mattoli (1952)
    Processo contro ignoti, regia di Guido Brignone (1952)
    Verginità, regia di Leonardo De Mitri (1952)
    Imbarco a mezzanotte, regia di Joseph Losey (1952)
    La figlia del forzato, regia di Gaetano Amata (1953)
    Viva la rivista!, regia di Enzo Trapani (1953)
    Lucrezia Borgia, regia di Christian-Jaque (1953)
    Ivan (il figlio del diavolo bianco), regia di Guido Brignone (1953)
    Il cardinale Lambertini, regia di Giorgio Pastina (1954)
    The Stranger's Hand, regia di Mario Soldati (1954)
    Sangue e luci, regia di Georges Rouquier e Ricardo Muñoz Suay (1954)
    Avanzi di galera, regia di Vittorio Cottafavi (1954)
    Il vetturale del Moncenisio, regia di Guido Brignone (1954)
    Cantami: Buongiorno Tristezza!, regia di Giorgio Pastina (1955)
    Destinazione Piovarolo, regia di Domenico Paolella (1955)
    Non c'è amore più grande, regia di Giorgio Bianchi (1955)
    Totò e Carolina, regia di Mario Monicelli (1955)
    Rosso e nero, regia di Domenico Paolella (1955)
    Il forzato della Guiana, regia di Marcello Pagliero (1955)
    Angela, regia di Edoardo Antone Dennis O'Keefe (1955)
    Io, Caterina, regia di Oreste Palella (1956)
    Difendo il mio amore, regia di Giulio Macchi (1957)
    La figlia dello sceicco, non accreditato, regia di Goffredo Alessandrini, Fernando Cerchio, León Klimovsky, Ricardo Muñoz Suay e Gianni Vernuccio (1957)
    Suprema confessione, regia di Sergio Corbucci (1957)
    Pia de' Tolomei, regia di Sergio Grieco (1958)
    Ora X: Gibilterra o morte!, regia di William Fairchild (1958)
    Ho giurato di ucciderti, regia di Juan Antonio Bardem (1958)
    Le notti di Lucrezia Borgia, regia di Sergio Grieco (1959)
    Erode il grande, regia di Viktor Tourjansky (1959)
    La congiura dei Borgia, regia di Antonio Racioppi (1959)
    La peccatrice del deserto, regia di Steve Sekely e Gianni Vernuccio (1959)
    Le canaglie, regia di Maurice Labro (1960)
    Cartagine in fiamme, regia di Carmine Gallone (1960)
    La sposa bella, regia di Nunnally Johnson (1960)
    Salambò, regia di Sergio Grieco (1960)
    Il capitano del re, regia di Andrè Hunebelle (1960)
    Heaven on Earth, regia di Robert B. Spafford (1960)
    I Tartari, regia di Ferdinando Baldi e Richard Thorpe (1961)
    Barabba, regia di Richard Fleischer (1961)
    Il tiranno di Siracusa, regia di Curtis Bernhardt (1962)
    Cronache di un convento, regia di Edward Dmytryk (1962)
    Le sette folgori di Assur, regia di Silvio Amadio (1962)
    Il processo, regia di Orson Welles (1962)
    Il figlio di Cleopatra, regia di Ferdinando Baldi (1964)
    I cento cavalieri, regia di Vittorio Cottafavi (1964)
    Judith, regia di Daniel Mann (1966)
    Il marinaio del Gibilterra, regia di Tony Richardson (1967)
    Nei panni di Pietro, regia di Michael Anderson (1968)
    Borsalino regia di Jaques Deray (1970)
    Causa di divorzio, regia di Marcello Fondato (1972)
    Incensurato, provata disonestà, carriera assicurata, cercasi, regia di Marcello Baldi (1972)
    Primo tango a Roma - Storia d'amore e d'alchimia, regia di Lorenzo Gicca Palli (1973)
    Il sorriso del grande tentatore, regia di Damiano Damiani (1974)
    Il domestico, regia di Luigi Filippo D'Amico (1974)
    Nina, regia di Vincente Minnelli (1976)
    Il giocattolo, regia di Giuliano Montaldo (1979)
    L'Attenzione regia di Giovanni Soldati (1984)
    Cento giorni a Palermo, regia di Giuseppe Ferrara (1984)
    Il cugino americano, regia di Giacomo Battiato (1986)
    La donna del re, regia di Axel Corti (1990)
    Gioco da vecchi, cortometraggio, regia di Andrea Zaccariello (1995)
    Ardena regia di Luca Barbareschi (1997)
    Crimine contro crimine, regia di Aldo Florio (1998)
    Asini, regia di Antonello Grimaldi (1999)
    Tutti gli uomini del deficiente, regia di Paolo Costella (1999)
    Calmi cuori appassionati, regia di Isamu Nakae (2001)
    Ti voglio bene Eugenio, regia di Francisco Josè Fernandez (2002)
    Ti spiace se bacio mamma?, regia di Alessandro Benvenuti (2003)
    Gente di Roma, regia di Ettore Scola (2003)
    Lezione di stile, cortometraggio, regia di Franco Fraternale (2004)
    La febbre, regia di Alessandro D'Alatri (2005)
    Anime veloci, regia di Pasquale Marrazzo (2006)
    Antonio guerriero di Dio, regia di Antonello Belluco (2006)
    Quale amore, regia di Maurizio Sciarra (2006)
    Legami di sangue, regia di Paola Columba (2007)
    Il 7 e l'8, regia di Giambattista Avellino, Ficarra e Picone (2007)
    La rabbia, regia di Louis Nero (2008)
    La luna nel deserto, (doppiaggio) regia di Cosimo Damiano Damato (2008)
    Prosa radiofonica
    Notevole la quantità di lavori radiofonici, per la RAI, sia commedie che radiodrammi, a partire dal 1945, sino agli anni '80.
    Il vento notturno di Ugo Betti regia Anton Giulio Majano, 2 marzo 1946, primo programma.
    La vecchia e veridica storia di Rumpelstilzkin di Francis Collinson regia Anton Giulio Majano 15 gennaio 1950 rete rossa.
    Libri
    Le Pompe di Satana, Pref. di Beppe Costa; Pellicanolibri, 1990
    La Formica, Pellicanolibri; 1991
    La costituzione di Prinz; Pellicanolibri, 1992
    Recitare, I miei primi sessant'anni di teatro; Piccola Biblioteca delle Arti, Gremese editore 1998
    Joanna. Luzmarina Corbo Editore 2008
    Onorificenze
    Negli anni sessanta è eletto consigliere comunale di Roma per il Partito Radicale. Nel 2001 l'allora sindaco di Roma, Francesco Rutelli, ha festeggiato in Campidoglio il suo ottantacinquesimo compleanno.
    Numerosissimi i premi e le onorificenze ricevuti nel corso della sua carriera. Tra questi l'onorificenza di Cavaliere di Gran Croce dell' Ordine al merito della Repubblica Italiana conferitogli a Roma, il 5 ottobre 1998
    Alcuni tra i premi più recenti:
    Nastro d'Argento per "Gente di Roma" (2004);
    Premio De Sica (2004);
    Premio Flaiano (2003);
    Premio Silone (2005);
    Premio Dessì (2006);
    Premio Ermete Novelli- IV edizione Bertinoro, 1° settembre 2007;
    Premio Radio Rai "Microfono di cristallo" testimone della radiofonia di cultura diretta da Umberto Benedetto(2008);
    Premio Persefone. Il teatro in televisione (2008);
    Collegamenti esterni
    Sito ufficiale
    Progetto Poesie e Messaggi di Saggezza su CD
    Sito ufficiale Biennale della Poesia
    Intervista ad Arnoldo Foà del 2006 (KinemaZOne)
    Scheda su Arnoldo Foà dell'Internet Movie Database
    Portale Biografie
    Portale Cinema
    Portale Teatro

    Estratto da "http://it.wikipedia.org/wiki/Arnoldo_Fo%C3%A0"
    Categorie: Biografie | Attori italiani | Registi italiani | Nati nel 1916 | Nati il 24 gennaio | Drammaturghi italiani | Scrittori italiani del XX secolo | Cavalieri di Gran Croce OMRI | Attori teatrali italiani | Persone colpite dalle leggi razziali fasciste | Personalità legate a FerraraCategoria nascosta: BioBot

    « Torna al 24 Gennaio


    Cerca compleanni per iniziale: a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 5
    Oppure per mese: Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre