Armando Cossutta (84)

Informazioni di base:

  • Data di nascita: 2 Settembre 1926
  • Professione: Politico
  • Luogo di nascita: Milano (MI)
  • Nazione: Italia
  • Armando Cossutta in Rete:

  • Wikipedia: Armando Cossutta su Wikipedia
  • Biografia:

    (estratta da Wikipedia)

    Armando Cossutta (Milano, 2 settembre 1926) è un politico italiano.

    Biografia
    Si iscrisse nel 1943 al Partito Comunista Italiano e partecipò da partigiano delle Brigate Garibaldi alla resistenza antifascista e antinazista Nel dopoguerra divenne dirigente del partito, di cui incarnava la corrente più filo-sovietica: questa sua tendenza a considerare l'Unione Sovietica come "Stato guida" del movimento comunista mondiale lo portò a polemizzare con Enrico Berlinguer. Oggi, pur senza rimpianti, Cossutta ritiene di aver sbagliato nell'andare contro Berlinguer.
    Collaboratore de l'Unità ed ininterrottamente parlamentare dal 1972 ad oggi (prima come senatore, dal 1994 al 2006 come deputato, ed oggi nuovamente come senatore), molti furono gli incarichi politici da lui ricoperti: ad esempio fu consigliere comunale a Milano dal 1951; fu segretario comunale e poi regionale del PCI (nel primo caso a Milano, nel secondo in Lombardia) e fu inoltre membro della Direzione della Segreteria nazionale del Partito comunista italiano.
    Filosovietico per definizione, nel 1981 si oppose strenuamente alla linea del segretario del PCI Enrico Berlinguer, il quale, traendo spunto dal golpe che Jaruzelski compì sotto la minaccia di invasione sovietica della Polonia, aveva affermato che la "spinta propulsiva" della Rivoluzione d'Ottobre si era esaurita, tentando di sganciare il PCI dai suoi rapporti storici con i regimi comunisti del blocco sovietico. Oltre che nel merito, Cossutta criticò il metodo della scelta del PCI, che definì in un celebre articolo "lo strappo" per la sua gestazione estranea alle discussioni interne ed alla storia stessa del partito.
    Ovviamente contrario allo scioglimento del PCI egli fondò, con Sergio Garavini, Lucio Libertini, Nichi Vendola, Marco Rizzo ed altri il Partito della Rifondazione Comunista, di cui fu presidente. Quando Fausto Bertinotti, divenuto segretario del partito, nel 1998 ritirò la fiducia al governo guidato da Romano Prodi, Cossutta si oppose staccandosi dal partito fondandone uno nuovo, il Partito dei Comunisti Italiani (PdCI), insieme a Oliviero Diliberto e Marco Rizzo.
    Cossutta ha ricoperto la carica di presidente del PdCI e di senatore nazionale. Dal 1999 al 2004 è stato inoltre deputato al parlamento europeo. Sempre nel 2004 ha pubblicato la sua autobiografia dal titolo "Una storia comunista".
    Alle elezioni politiche del 2006 viene eletto senatore per la lista Insieme con l'Unione, cui i Comunisti Italiani hanno dato vita al Senato, nella regione Emilia-Romagna. È membro della Commissione Affari esteri.
    A giugno del 2006, dando alla fine voce ad un dissenso sofferto verso la linea politica del segretario Oliviero Diliberto, Cossutta si dimette dalla carica di presidente del partito.
    Il 21 aprile 2007 ha presentato le dimissioni dal partito.
    Curiosità
    Molto spesso fu accusato (in particolar modo nella Prima Repubblica) di aver ottenuto dal Partito Comunista dell'Unione Sovietica un finanziamento di circa 12 milioni di dollari in rubli tra il 1982 ed il 1987 al fine "di favorire lo sviluppo dei comunisti in Italia".
    Altre polemiche sul suo conto sono derivate dalla pubblicazione del libro L'archivio Mitrokhin, curato dallo storico inglese del comunismo sovietico Cristopher Andrew insieme all'ex archivista del KGB Vasilij Mitrokhin; sulla base di note da questi trafugate dagli archivi del servizio segreto sovietico, sarebbe emerso un ruolo di Cossutta quale referente dello stesso a Roma e, comunque, quale contatto privilegiato dell'ambasciata sovietica in Italia.
    Appartenente a una benestante famiglia di provata fede fascista, visse molti anni a Sesto San Giovanni, nel centralissimo "Rondò", frequentò il Ginnasio all'istituto Zucchi di Monza e vestì nel Ventennio prima la divisa di Balilla e poi quella di Avanguardista. L'adesione all'ideologia comunista contribuì notevolmente a salvare la famiglia dalle purghe dell'immediato dopoguerra, che a Sesto San Giovanni erano frequenti. La città era infatti sopranominata "Stalingrado d'Italia"
    Altri progetti
    Wikiquote
    Wikiquote contiene citazioni di o su Armando Cossutta
    Collegamenti esterni
    Scheda personale al Senato
    Scheda personale sul sito del Parlamento Europeo
    Scheda su openpolis.it di Armando Cossutta
    Portale Biografie
    Portale Politica
    Portale Comunismo

    Estratto da "http://it.wikipedia.org/wiki/Armando_Cossutta"
    Categorie: Biografie | Politici italiani del XX secolo | Politici italiani del XXI secolo | Nati nel 1926 | Nati il 2 settembre | Personalità legate alla Resistenza italiana | Politici del Partito Comunista Italiano | Politici di Rifondazione Comunista | Politici del Partito dei Comunisti Italiani | Deputati italiani | Senatori italiani | Europarlamentari italiani | Antifascisti italiani | Brigate GaribaldiCategoria nascosta: BioBot

    « Torna al 2 Settembre


    Cerca compleanni per iniziale: a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 5
    Oppure per mese: Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre