Antonio Maccanico (86)

Informazioni di base:

  • Data di nascita: 4 Agosto 1924
  • Professione: Politico
  • Luogo di nascita: Avellino (AV)
  • Nazione: Italia
  • Antonio Maccanico in Rete:

  • Wikipedia: Antonio Maccanico su Wikipedia
  • Biografia:

    (estratta da Wikipedia)

    Antonio Maccanico (Avellino, 4 agosto 1924), uomo politico italiano, è stato più volte Ministro della Repubblica.

    Biografia
    Laureatosi in giurisprudenza nel 1946 presso il Collegio Mussolini dell'Università di Pisa (attuale Scuola Superiore Sant'Anna), nel 1947 intraprese la carriera di funzionario parlamentare. Nel 1962 fu nominato Capo dell'Ufficio legislativo del Ministero del Bilancio per volontà del leader repubblicano Ugo La Malfa, appena insediatosi quale ministro. Tornò alla Camera dei Deputati dove divenne nel 1964 Direttore del Servizio delle Commissioni. Fu nominato Vice Segretario Generale della Camera nel 1972 e Segretario Generale il 22 aprile 1976.
    Nel 1978 il Presidente della Repubblica Sandro Pertini, appena eletto, lo chiamò a ricoprire il ruolo di Segretario Generale della Presidenza della Repubblica, nominandolo anche consigliere di Stato. Mantenne l'incarico di segretario Generale della presidenza della Repubblica anche con Francesco Cossiga, sino al 1987, quando fu nominato presidente di Mediobanca. Detenne la presidenza dell'istituto fino all'aprile 1988. Fu quindi ministro degli Affari Regionali e dei Problemi Istituzionali nel Governo De Mita e nel VI Governo Andreotti, fino al 1991.
    Senatore per il Partito Repubblicano Italiano nel 1992-1994 e sottosegretario alla presidenza del Consiglio durante il Governo Ciampi, fondò nel 1995 l'Unione Democratica.
    Dopo la caduta del Governo Dini nei primi mesi del 1996, fu incaricato dal Presidente della Repubblica Oscar Luigi Scalfaro di formare un nuovo Governo: il tentativo di costituzione di un governo tecnico presupponeva un'intesa di fondo tra i due poli. Per superare il nodo delle televisioni Telecom Italia presentò un ambizioso progetto di cablatura delle città italiane che avrebbe permesso la trasmissione via cavo, superando perciò le riserve espresse dalla Corte Costituzionale sulle trasmissioni televisive via etere. Il tentativo di Governo andò però a vuoto per l'opposizione quasi completa degli opposti schieramenti parlamentari e così si giunse allo scioglimento anticipato delle Camere.
    Alle successive elezioni l'Unione Democratica presentò liste comuni con il Partito Popolare Italiano e Maccanico fu eletto deputato nel 1996. Fu quindi Ministro delle Poste e delle Telecomunicazioni nel Governo Prodi I. In tale veste presentò un disegno di legge per l'istituzione della Autorità per le garanzie nelle comunicazioni e norme sui sistemi di telecomunicazioni e radiotelevisivone (Legge n. 249 del 31 luglio 1997, nota appunto come legge Maccanico).
    Nel 1999 partecipò alla fondazione de I Democratici con Romano Prodi e nel giugno dello stesso anno sostituì Giuliano Amato quale Ministro per le Riforme Istituzionali nel Governo D'Alema I, mantenendo l'incarico anche nei successivi governi fino al 2001. Dopo la confluenza dei Democratici ne La Margherita è stato eletto nel 2001 alla Camera dei Deputati. Nel corso della legislatura, fu estensore del cosiddetto Lodo Maccanico, ossia la norma che prevede la non procedibilità e la sospensione dei processi in corso per le cinque più alte cariche dello Stato (il Presidente della Repubblica, e i presidenti di Camera, Senato, Corte costituzionale e Consiglio dei Ministri).
    Nel 2006 è stato eletto per la quarta volta in Parlamento nelle liste della Margherita in Campania. Appartiene al Gruppo dell'Ulivo al Senato della Repubblica ed è membro della 4ª Commissione permanente (Difesa).
    Ha deciso di non candidarsi alle elezioni politiche del 2008
    Accanto all'attività politica, Antonio Maccanico ricopre attualmente numerose cariche:
    presidente della Fondazione Bellonci, l'istituzione che sovrintende e organizza il Premio Strega;
    presidente del Centro di Ricerca “Guido Dorso”;
    presidente della Associazione CIVITA;
    presidente dell’Associazione Italiana Arbitrato;
    presidente del CIRIEC, Centro Italiano di Ricerche e d'Informazione sull'Economia Pubblica, Sociale e Cooperativa;
    consigliere di Amministrazione della SVIMEZ.
    Pubblicazioni
    Autore di vari libri, fra cui Intervista sulla fine della Prima Repubblica (1994), Sud e Nord: democratici eminenti (2005) ed il recente Costituzioni e riforme (2006).

    Parentele
    Il direttore generale dei Monopoli di Stato è Giorgio Tino, parente di Antonio Maccanico
    Collegamenti esterni
    Scheda personale al Senato
    Estratto da "http://it.wikipedia.org/wiki/Antonio_Maccanico"
    Categorie: Biografie | Ministri della Repubblica Italiana | Politici del Partito Repubblicano Italiano | Politici dell'Unione Democratica | Politici del Partito Popolare Italiano | Politici de I Democratici | Politici della Margherita | Politici del Partito Democratico (Italia) | Deputati italiani | Senatori italiani | Personalità legate ad Avellino

    « Torna al 4 Agosto


    Cerca compleanni per iniziale: a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 5
    Oppure per mese: Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre