Antoni Gaudí (1852-1926)

Informazioni di base:

  • Vero Nome: Antoni Plàcid Guillem Gaudí i Cornet
  • Scomparso nel: 1926
  • Data di nascita: 25 Giugno 1852
  • Professione: Architetto
  • Luogo di nascita: Reus
  • Nazione: Spagna
  • Antoni Gaudí in Rete:

  • Wikipedia: Antoni Gaudí su Wikipedia
  • Biografia:

    (estratta da Wikipedia)

    Antoni Gaudí (Riudoms, 25 giugno 1852 – Barcellona, 10 giugno 1926) è stato un architetto spagnolo, di origine catalana, massimo esponente della architetti modernista di questa regione, famoso soprattutto per il suo stile d'avanguardia e per il suo eccelso genio di follia visionaria.
    Antoni Gaudi

    Cenni biografici
    Antoni Plàcid Guillem Gaudí i Cornet (questo il suo nome completo) nato il 26 giugno 1852 è cresciuto in una famiglia di artigiani (calderai), si diplomò nel 1878 alla Scuola Superiore di Architettura di Barcellona, ma già prima di diplomarsi riuscì a lavorare con i migliori architetti del tempo.
    Nello stesso anno a Parigi durante l'Esposizione Universale avvenne l'incontro fondamentale per Gaudí quello con l'industriale Eusebi Güell i Bacigalupi, che sarà il suo principale mecenate commissionandogli alcune delle sue più famose opere.
    Nel 1884 ottiene la direzione dei lavori del Tempio Espiatorio della Sagrada Familia, una costruzione monumentale e molto complessa,che assorbirà le sue energie fino al giorno della sua morte e che non riuscirà a completare. Trascorse gli ultimi anni della sua vita nell'enorme cantiere della Sagrada Familia in una solitudine quasi da eremita.
    La Sagrada Familia, Barcellona
    Il 7 giugno del 1926 fu investito da un tram. Il suo miserevole aspetto ingannò i soccorritori, i quali lo credettero un povero vagabondo e lo trasportarono all'ospedale della Santa Croce, un ospizio per i mendicanti fondato dai ricchi borghesi della Catalogna. Fu riconosciuto soltanto il giorno successivo dal cappellano della Sagrada Familia, e morì il 10 giugno.
    Nonostante questa fine quasi miserabile, al suo funerale parteciparono migliaia di persone. I Barcellonesi lo definirono da quel momento "l'Architetto di Dio". È sepolto nella cripta della Sagrada Familia.
    Le opere
    Quasi tutta l'opera del maestro è legata alla capitale catalana, la sola città spagnola in cui, a cavallo tra XIX e XX secolo, ci sia un principio di sviluppo industriale, padre di quel modernismo di cui Gaudí si rivelerà essere il principale esponente in patria.
    La sua carriera di architetto è caratterizzata dall'elaborazione di forme straordinarie e imprevedibili, oniriche ed a tratti deliranti, realizzate utilizzando i più diversi materiali (mattone, pietra, ceramica, vetro, ferro), da cui Gaudí seppe trarre le massime possibilità espressive.
    Casa Milà detta La Pedrera, Barcellona
    Il Parco Güell, Barcellona
    Casa Batlló, Barcellona
    Per alcuni studiosi la profonda fede cattolica di Gaudí e un suo certo qual gusto per tematiche che potrebbero essere definite gongoriste e neo-goticiste, con risvolti che non è troppo azzardato definire finanche misticheggianti, hanno sollevato alcune critiche nei confronti di Antoni Gaudí che tuttavia appaiono mosse più da un forte pregiudizio ideologico anziché da un ragionato e logico giudizio estetico e funzionale.
    Ciò è tanto più vero se non si dimenticherà la convinta appartenenza di Gaudí al movimento indipendentistico catalano, radicalmente contrapposto al centralismo linguistico e ideologico castigliano. La pretesa di Madrid d'imporre uno sviluppo urbanistico ortogonale a Barcellona, coerente coi dettami del razionalismo dominante nel Vecchio Continente e totalmente fatto proprio per diversi motivi dal fascismo italiano e dai suoi cascami e derivati europei, portò gli architetti catalani a percorrere una via decisamente divergente: linee oblique che alteravano e dissestavano la visione geometrica razionalistica e le sue pretese di ordine non meramente urbanistico.
    Gli edifici eretti dai modernisti catalani, le vie da essi tracciate e un po' tutti gli stilemi architettonici da costoro elucubrati e portati a compimento, furono il più appariscente modo di contestare il centralismo madrileno e la sua pretesa di imporre un ordine architettonico e urbanistico ispirato ai dettami d'un razionalismo che stava affermandosi in varie parti del mondo.

    Tra le sue opere più importanti si ricordano:
    Casa Vicens (1883-1888, Barcellona)
    Il Capriccio (1883-1885, Comillas)
    Padiglioni Güell (1884-1887, Barcellona)
    Palazzo Güell (1886-1888, Barcellona)
    Collegio Teresiano (1888-1890, Barcellona)
    Palazzo episcopale (1889-1893, Astorga)
    Casa Botines (1892, León)
    Cantine Güell (1895-1901, Garraf)
    Casa Calvet (1898-1900, Barcellona)
    Bellesguard (1900, Barcellona)
    Parco Güell (1900-1914, Barcellona)
    Restauro della Cattedrale di Palma di Maiorca (1904-1914, Palma di Maiorca)
    Casa Batlló (1904-1907, Barcellona)
    Casa Milà (detta La Pedrera) (1906-1912, Barcellona)
    Cripta della Colonia Güell (1898-1915, Santa Coloma de Cervelló)
    Sagrada Familia (1883-1926, Barcellona) il suo capolavoro
    Il processo di beatificazione
    In tempi recenti ha preso corpo l'iniziativa di proporlo per la beatificazione e la canonizzazione, promossa da un comitato di 30 ecclesiastici, accademici, designer e architetti. Gaudí è candidato al titolo di "Architetto di Dio", con l'appoggio di tutta la Chiesa cattolica catalana. È l'arcivescovo di Barcellona, il cardinale Ricardo María Carles Gordó, a sostenere all'interno della Santa Sede il movimento per la beatificazione di Gaudí. "Un laico mistico", lo ha definito il cardinale.
    Gaudí mentre osserva il suo Capriccio
    L'opposizione all'iniziativa viene dalla lunga tradizione di anticlericalismo degli intellettuali catalani della sinistra. Accusano la Chiesa di cercare di addomesticare e appropriarsi di una figura rivoluzionaria che dovrebbe essere ricordata per le sue opere e per la sua influenza artistica. Uno dei rappresentanti di questa tendenza è l'architetto Pet Angli, che sostiene che il movimento pro-santità è una reminiscenza della Spagna confessionale del generale Francisco Franco. Monsignor Lluis Bonet i Armengol, vice-postulante (cioè responsabile della preparazione delle prove per la candidatura alla santità) di Gaudí, ribatte che le prime richieste di santificazione di Gaudí sono state avanzate in occasione della sua morte, nel 1926, tutte basate sulla sua vita austera e cristianamente coerente.
    I suoi scritti
    Mercader L. (a cura di), Antoni Gaudí. Scritti, Electa, Milano 2006
    Bibliografia
    Gabriele Morrione, Gaudì immagine e architettura, Edizioni Kappa, 1979
    Giovanna Digovic, Gaudì: un genio del modernismo, Montedit, 2003, ISBN 8883565908
    Bonaccorso G. (a cura di), Antoni Gaudí. La vita, le opere e la Catalogna, Nuova Argos, 2004, ISBN 8888693041
    Contri Tiziana, Antoni Gaudì, Editore Motta Architettura, 2006, ISBN 8861160050
    Josep Pla: Gaudi. Die blauen Augen von Barcelona, Berlin, 2005, ISBN 3937834095
    Joan Bergos i Masso, Joan Bassegoda i Nonell, Maria A. Crippa: Gaudi. Der Künstler und sein Werk, Hatje Cantz Verlag, Ostfildern 2000, ISBN 3421034575
    Antoni Gaudí, Maria A. Crippa: Gaudi, Taschen Verlag, Köln 2003, ISBN 3822824429
    Xavier Güell: Antoni Gaudí, Verlag für Architektur Artemis, Zürich 1987, ISBN 3760881211
    Jose L. Moro: Antoni Gaudí 1852-1926. Sinnliche Konstruktion, DVA, München 2003, ISBN 3421034575
    Isidre Puig Boada : Antoni Gaudi : paroles et écrits , Editions L'Harmattan, 2002
    Philippe Thiébaut : Gaudi, bâtisseur visionnaire, Découvertes Gallimard, 2001
    Juan Eduardo Cirlot: Gaudì: introduzione alla sua architettura, Triangle Postals, 2007, ISBN 978-84-89815-95-7
    Galleria
    Note
    Nel 1987 il gruppo rock inglese The Alan Parsons Project ha dedicato un disco all'architetto catalano dal titolo Gaudí, in cui resta celebre la canzone La Sagrada Familia, omaggio alla sua opera principale.
    Altri progetti
    Commons
    Wikiquote
    Wikimedia Commons contiene file multimediali su Antoni Gaudí
    Wikiquote contiene citazioni di o su Antoni Gaudí
    Collegamenti esterni
    Foto di opere di Gaudí di Andrea Jemolo
    Alcune considerazioni su Gaudí di Michele Palamara
    (IT) Architettura a Barcellona: Sagrada Familia, Casa Batllo, Casa Pedreira
    (EN) Scheda UNESCO
    Opere di Antoni Gaudi


    Portale Patrimoni dell'umanità
    Portale Architettura
    Portale Biografie
    Portale Spagna

    Estratto da "http://it.wikipedia.org/wiki/Antoni_Gaud%C3%AD"
    Categorie: Biografie | Architetti spagnoli | Nati nel 1852 | Morti nel 1926 | Nati il 25 giugno | Morti il 10 giugno | Architetti catalani | Patrimoni dell'umanità in Spagna | Servi di Dio | Morti in incidente stradale | Personalità legate a BarcellonaCategorie nascoste: BioBot | Voci di qualità su ca.wiki | Voci di qualità su es.wiki | Voci di qualità su ru.wiki | Voci di qualità su uk.wiki | Voci di qualità su ka.wiki

    « Torna al 25 Giugno


    Cerca compleanni per iniziale: a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 5
    Oppure per mese: Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre