Anna Frank (1929-1945)

Informazioni di base:

  • Vero Nome: Annelies Marie Frank
  • Scomparsa nel: 1945
  • Data di nascita: 12 Giugno 1929
  • Professione: Scrittrice
  • Luogo di nascita: Francoforte sul Meno
  • Nazione: Germania
  • Anna Frank in Rete:

  • Sito Ufficiale: Il sito ufficiale di Anna Frank
  • Wikipedia: Anna Frank su Wikipedia
  • Biografia:

    (estratta da Wikipedia)

    francobollo tedesco raffigurante Anna Frank
    Annelies Marie "Anne" Frank, ma più diffusamente conosciuta sotto l'italianizzato Anna Frank (pronuncia ) (Francoforte sul Meno, 12 giugno 1929 – Bergen-Belsen, marzo 1945), è stata una scrittrice olandese.



    Biografia
    Seconda figlia di Otto Heinrich Frank (12 maggio 1889 - 19 agosto 1980) e di sua moglie Edith Hollander (16 gennaio 1900 - 6 gennaio 1945), apparteneva ad una famiglia di patrioti tedeschi che prestarono servizio durante la prima guerra mondiale. Aveva una sorella maggiore, Margot Betti Frank (16 febbraio 1926 - marzo 1945). Lei e la famiglia dovettero spostarsi ad Amsterdam per sfuggire alla persecuzione dei Nazisti.
    Appena tredicenne, dovette nascondersi con la famiglia nell'Achterhuis, un piccolo spazio a due piani posto sopra i locali della compagnia di Otto. (Questo Achterhuis era situato in un vecchio - ed abbastanza tipico - edificio sul Canale Prinsengracht, nella parte ovest di Amsterdam, a circa un isolato dalla Westerkerk.) La porta dell'Achterhuis era nascosta dietro una libreria. Vissero li dal 9 luglio 1942 al 4 agosto 1944, durante l'occupazione nazista.
    Ricostruzione della libreria che nascondeva l'ingresso dell'Achterhuis
    Nel nascondiglio trovarono rifugio 8 persone: Otto e Edith Frank (i genitori di Anna); la sorella maggiore Margot; il Signor Dussel, un dentista ebreo (vero nome, Fritz Pfeffer); e i coniugi van Daan con il loro figlio Peter (vero cognome, van Pels).
    Durante quegli anni Anna scrisse un diario, descrivendo con considerevole talento le paure causate dal vivere in clandestinità, i sentimenti per Peter, i conflitti con i genitori, e la sua aspirazione di diventare scrittrice.
    Dopo più di due anni, una soffiata di un informatore olandese portò la Gestapo al loro nascondiglio. Vennero arrestati dalla Grüne Polizei e trasferiti al campo di smistamento di Westerbork, nell'Olanda nord-orientale. Il 2 settembre 1944 Anna Frank e gli altri clandestini vennero caricati sull'ultimo treno merci in partenza per il Auschwitz, dove giunsero tre giorni dopo. Nel frattempo Miep Gies ed Elly Vossen, due delle persone che si erano prese cura del gruppo durante il periodo passato nel nascondiglio, trovarono il diario e lo misero al sicuro.
    Anna, Margot ed Edith Frank, i van Pels e Fritz Pfeffer non sopravvissero ai campi di concentramento tedeschi (nel caso di Peter van Pels, alle marce della morte tra un campo e l'altro). Margot e Anna passarono un mese ad Auschwitz-Birkenau e vennero poi spedite a Bergen-Belsen, dove morirono di tifo esantematico nel marzo 1945, un mese prima della liberazione del campo. Solo il padre di Anna sopravvisse ai campi di concentramento; tornò ad Amsterdam nel giugno del 1945 dopo tre mesi di viaggio. Miep gli diede il diario ed egli lo aggiustò per la pubblicazione con il titolo di Het Achterhuis. Da allora è stato pubblicato in 55 lingue. Otto Frank morì a Basilea nel 1980.
    Pietra tombale posta per Anna e Margot Frank a Bergen-Belsen
    Il diario di Anna Frank
    Pubblicazione del diario
    Inizia come una espressione privata dei propri pensieri intimi, manifestando l'intenzione di mai permettere che altri ne prendessero visione. Descrive candidamente la sua vita, la propria famiglia ed i propri amici, nonché appunto la sua vocazione a diventare un giorno scrittrice affermata di racconti. Durante l'Inverno del 1944, le capitò di ascoltare una trasmissione radio di Gerrit Bolkestein— membro del governo Olandese in esilio — il quale diceva che, una volta terminato il conflitto, avrebbe creato un registro pubblico delle oppressioni sofferte dalla popolazione del Paese sotto l'occupazione nazista. Menzionò la pubblicazione di lettere e diari, cosa che spinse Anna a riscrivere sotto altra forma, e con diversa prospettiva, il proprio.
    Esistono quindi tre versioni del diario: -la versione A, l'originale di Anna, che va dal 12 giugno 1942 al 1 agosto 1944, della quale non è stato ritrovato il quaderno che copriva il periodo 6 dicembre 1942 - 21 dicembre 1943; -la versione B, la seconda redazione di Anna, su fogli volanti, in vista della pubblicazione, che copre il periodo 20 giugno 1942 - 29 marzo 1944; -la versione C, scritta da Otto Frank basandosi sulla versione B, apportando modifiche e cancellazioni.
    Una recente edizione critica del diario compara queste tre versioni. La casa dove Anna e la famiglia si nascondevano è ora un museo. Si trova al 263 di Prinsengracht, nel centro della città, raggiungibile a piedi dalla stazione centrale, dal palazzo reale e dal Dam.
    Nel 1956 il diario venne adattato in un'opera teatrale che vinse il Premio Pulitzer, nel 1959 ne venne tratto un film (vedi I diari di Anna Frank), nel 1997 ne fu tratta un'opera di Broadway con materiale aggiunto dal diario originale.
    I negatori dell'olocausto hanno tentato a più riprese di mettere in forse l'autenticità del diario, ma questa è stata provata oltre ogni ragionevole dubbio da Simon Wiesenthal, il quale riuscì persino a ritrovare il poliziotto che aveva eseguito l'arresto.
    Nel 2004 nei Paesi Bassi è stato pubblicato un nuovo libro, intitolato Mooie zinnen-boek (libro delle belle frasi). Seguendo il consiglio del padre, Anna copiava brani e brevi poemi che l'avevano colpita in modo particolare, tratti dai molti libri che aveva letto durante la permanenza nell'Achterhuis.
    Bibliografia
    I diari di Anna Frank: Edizione Critica, Anne Frank, curato da David Barnouw e Gerrold Van der Stroom, Einaudi - Collana: Grandi Opere - 2002 - ISBN 8806147307. A cura dell'Istituto per la documentazione bellica dei Paesi Bassi. Compara diverse edizioni del diario con l'originale, e include uno studio approfondito della sua autenticità, riporta la storia delle persone coinvolte prima e dopo la guerra.
    Racconti dell'Alloggio Segreto, di Anne Frank, Einaudi 2008
    Miep Gies. Si chiamava Anna Frank a cura di Alison Leslie Gold. Milano, Arnoldo Mondadori Editore, 1987. ISBN 88-04-30506-1
    Filmografia
    Voci correlate
    Elenco di vittime famose dell'olocausto
    Altri progetti
    Commons
    Wikiquote
    Wikimedia Commons contiene file multimediali su Anna Frank
    Wikiquote contiene citazioni di o su Anna Frank
    Collegamenti esterni
    Sito della Casa di Anna Frank
    Dieci domande sull'autenticità del diario di Anne Frank
    Guida alla ricerca su Anne Frank - Banca dati on-line unica per gli studenti
    L'Albero di Anne Frank - Una comunità di persone che si sentono legate ad Anne Frank
    Uno studio approfondito di Anna, del diario e delle persone che le stavano attorno
    In viaggio con Anne di Roberto Malini e Dario Picciau
    Brano di film storico di un matrimonio al Merwedeplein, Amsterdam negli anni trenta. Si vede Anne Frank che sta guardando sul balcone a sinistra.
    Portale Donne nella storia
    Portale Letteratura
    Portale Biografie
    Portale Nazismo
    Portale Ebraismo

    Estratto da "http://it.wikipedia.org/wiki/Anna_Frank"
    Categorie: Biografie | Scrittori olandesi | Nati nel 1929 | Morti nel 1945 | Nati il 12 giugno | Personalità legate ad Auschwitz | Vittime della Shoah | Personalità dell'ebraismoCategorie nascoste: BioBot | Voci di qualità su en.wiki | Voci di qualità su es.wiki | Voci di qualità su he.wiki | Voci di qualità su vi.wiki | Voci di qualità su th.wiki

    « Torna al 12 Giugno


    Cerca compleanni per iniziale: a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 5
    Oppure per mese: Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre