Angelo Jacopucci (1948-1978)

Informazioni di base:

  • Scomparso nel: 1978
  • Data di nascita: 12 Dicembre 1948
  • Professione: Pugile
  • Luogo di nascita: Tarquinia (VT)
  • Nazione: Italia
  • Angelo Jacopucci in Rete:

  • Wikipedia: Angelo Jacopucci su Wikipedia
  • Biografia:

    (estratta da Wikipedia)

    Angelo Jacopucci (Tarquinia, 12 dicembre 1948 – Bologna, 20 luglio 1978) è stato un pugile italiano.
    Chiamato affettuosamente il brigetto dai suoi concittadini, è un nome storico per la boxe italiana ed europea, avendo vinto il titolo continentale nei pesi medi.
    Eppure, nonostante sia riuscito a far suonare l'inno italiano per un campionato europeo di boxe, finirà per essere uno dei tanti martiri dello sport finiti sfortunatamente nel dimenticatoio.

    Carriera
    I successi
    Esordì tra i professionisti l'8 luglio 1973 sul ring di Tuscania, dove sconfisse alla 6ª ripresa il britannico Lawrence Ekpeli. Da quel momento Jacopucci inanellò 40 incontri professionistici, vincendo un titolo europeo dei Pesi Medi.
    La tragica morte
    Il 19 luglio 1978, sul ring di Bellaria, affrontò l'inglese Alan Minter; alla 12ª ripresa abbassò improvvisamente la guardia, consentendo a Minter di colpirlo duramente. Il fatto di avere i muscoli del collo troppo rilassati gli fu fatale. Durante la cena, poche ore dopo l'incontro, davanti allo stesso Minter, avvertì dei forti attacchi di vomito: una volta tornato in albergo cadde improvvisamente in coma.
    Trasportato immediatamente all'ospedale "Bellaria" di Bologna (curiosamente recante lo stesso nome della cittadina romagnola in cui aveva da poco combattuto), il pugile laziale morì per emorragia cerebrale nella mattina del 20 luglio 1978.
    Le conseguenze della morte nel mondo della boxe
    La morte del pugile tarquiniese rappresentò, in un certo senso, la fine di un'epoca per il pugilato, in quanto da allora, furono apportate modifiche sostanziali nel regolamento atte a tutelare la salute degli atleti:
    le riprese di un titolo europeo furono ridotte a 12, dalle 15 originarie;
    fu richiesta obbligatoriamente la TAC cranica di ciascun pugile, nell'ambito delle visite mediche rituali;
    non furono più ammessi incontri in zone distanti più di un'ora da un centro neurologico.
    In ricordo
    A Tarquinia, sua città natale, gli è stato dedicato un palazzetto dello sport e una corsa ciclistica;
    Nel 1990, a 12 anni dalla morte, un gruppo punk/rock polacco, the Kult, dedicò una canzone a questo pugile. La canzone intitolata, appunto, "Angelo Jacopucci", ha un testo e una musica molto crudi, come cruda è stata la sua fine. L'unica imprecisione è che sul testo hanno sbagliato la data dell'incontro.
    Nel 2006 Andrea Bacci pubblica un libro dal titolo "L'ultimo volo dell'Angelo Biondo" che riporta, in base ad alcune testimonianze, la vita e, in particolare, gli ultimi giorni del nostro pugile.
    Si parla già da qualche anno della possibilità di realizzare un film sulla sua vita
    L'opera più grande l'hanno comunque fatta, nel corso degli anni, i ricordi di chi lo conosceva e lo stimava, che hanno contribuito a rinverdire, anche se non completamente, il ricordo di un uomo che, almeno per la boxe europea, è sicuramente stato un personaggio importante, e senza i quali il brigetto sarebbe rimasto totalmente sconosciuto alle nuove generazioni.
    Portale Sport
    Portale Biografie
    Portale Pugilato

    Estratto da "http://it.wikipedia.org/wiki/Angelo_Jacopucci"
    Categorie: Biografie | Pugili italiani | Nati nel 1948 | Morti nel 1978 | Nati il 12 dicembre | Morti il 20 luglioCategoria nascosta: BioBot

    « Torna al 12 Dicembre


    Cerca compleanni per iniziale: a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 5
    Oppure per mese: Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre