Andrzej Wajda (84)

Informazioni di base:

  • Data di nascita: 6 Marzo 1926
  • Professione: Regista
  • Luogo di nascita: Suwalki
  • Nazione: Polonia
  • Andrzej Wajda in Rete:

  • Sito Ufficiale: Il sito ufficiale di Andrzej Wajda
  • Wikipedia: Andrzej Wajda su Wikipedia
  • Biografia:

    (estratta da Wikipedia)

    Andrzej Wajda a Varsavia (Polonia), maggio 2006
    Andrzej Wajda (Suwalki, 6 marzo 1926) è un regista, regista teatrale e sceneggiatore polacco, considerato uno dei principali esponenti della scuola polacca di cinema.
    L'uomo di ferro vinse la prestigiosa Palma d'oro al Festival del cinema di Cannes nel 1981. Tre film di Wajda, e precisamente La terra della grande promessa, Le signorine di Wilko e L'uomo di ferro sono stati nominati come miglior film straniero agli Oscar. Nel 2000, Wajda ha ricevuto un premio onorario dalla A.M.P.A.S..

    Biografia
    Importante figura nel mondo del cinema europeo orientale dopo al Seconda Guerra Mondiale, Wajda ha fatto una cronaca dell'evoluzione politica e sociale del suo Paese con sensibilità e fervore, rifiutando di scendere a compromessi nel trattare argomenti difficili. Divenuto un simbolo per un Paese sotto assedio, Wajda ha ripetutamente attinto alla storia della Polonia per soddisfare la propria sensibilità tragica, realizzando un capolavoro che distrugge e allo stesso tempo informa.
    Figlio di un ufficiale della cavalleria polacca, ucciso agli inizi della Seconda Guerra Mondiale, Wajda, ancora adolescente, combatté nell'Esercito Nazionale contro i nazisti. Dopo la guerra studiò per diventare un pittore all'Accademia di Belle Arti di Cracovia prima di entrare alla Scuola Nazionale di Cinematografia di Łódź.
    Quando era apprendista al seguito del regista Aleksander Ford, gli fu data l'opportunità di dirigere un film da solo. Con Generazione (1955) il novello regista tirò fuori tutta la sua amarezza e il suo disinganno riguardo al cieco patriottismo e il inguaggio retorico del tempo di guerra, utilizzando come suo alter ego un giovane antieroe in stile James Dean, interpretato da Zbigniew Cybulski. Wajda fece altri due film di crescente splendore, che svilupparono ulteriormente il tema contro la guerre di Generazione: I dannati di Varsavia (1956) e Cenere e Diamanti (1958), anche in questi film recitava Cybulski. Anche se era perfettamente in grado di realizzare pellicole commerciali non d'avanguardia (spesso rigettate dai sui critici come "banali"), Wajda era maggiormente interessato a opere di allegoria e simbolismo, con certi mezzi simbolici che appaiono ripetutamente nei suoi film (come incendiare un bicchiere di liquore, a significare la fiamma dell'idealismo giovanile che veniva spenta dalla guerra).
    Nel 1967, Cybulski rimase ucciso in un incidente ferroviario, dopo di che il regista espresse il proprio dolore in quello che è considerato il suo film più personale, Tutto in vendita (1969). L'ultimo atto di devozione di Wajda al nascente movimento di Solidarność fu manifestato nelle pellicole L'uomo di marmo (1976) e L'uomo di ferro (1981), in quest'ultimo Lech Wałęsa (capo di Solidarność) compariva nei panni di sé stesso. Il coinvolgimento del regista in questo movimento spinse il governo della Repubblica Popolare di Polonia a far uscire dal mercato la compagnia di produzione di Wajda.
    Nei primi anni '90, Wajda fu eletto senatore e nominato direttore artistico del Teatro Powszchny di Varsavia. Degli stessi anni è la nomina a membro onorario dell'Unione dei Teatri d'Europa. Continuò a girare film, affrontando il tema della Seconda Guerra Mondiale ne L'anello con l'aquila coronata del 1993 e Settimana Santa del 1996. Nel 1997 il regista cambiò direzione con Miss Nobody, un dramma sulla crescita che esplorava gli aspetti più oscuri e spirituali della relazione tra tre studentesse. Tre anni più tardi, durante la consegna dei Premi Oscar del 2000 ricevette l'Oscar alla carriera per i suoi numerosi contributi al cinema; successivamente donò il premio alla Università Jagelloniana di Cracovia. Per i risultati di una vita, nel febbraio 2006, Waida ha ricevuto un Orso d'Oro alla carriera, il prestigioso premio del Festival Internazionale di Berlino.
    Andrzej Wajda è stato sposato tre volte, la sua seconda moglie è stata la popolare attrice Beata Tyszkiewicz dalla quale ha avuto la figlia Karolina (nata nel 1967). La sua terza ed attuale moglie è l'attrice e costumista Krystyna Zachwatowicz.
    Filmografia
    Regia
    Zly chlopiec, cortometraggio (1950)
    Ceramika ilzecka, cortometraggio (1951)
    Kiedy ty spisz (1952)
    Generazione (Pokolenie) (1954)
    Idę do słońca, cortometraggio documentario (1955)
    I dannati di Varsavia (Kanał) (1957)
    Cenere e diamanti (Popiół i diament) (1958)
    Lotna (1959)
    Ingenui perversi (Niewinni czarodzieje) (1960)
    Lady Macbeth siberiana (Powiatowa lady Makbet) (1961)
    Samson (1961)
    Miłość dwudziestolatków, episodio di L'amore a vent'anni (L'amour à vingt ans) (1962)
    Ceneri sulla grande armata (Popioły) (1965)
    Guazzabuglio (Przekładaniec), film TV (1968)
    Tutto in vendita (Wszystko na sprzedaż, 1968)
    Gates to Paradise (1968)
    Caccia alle mosche (Polowanie na muchy) (1969)
    Il bosco di betulle (Brzezina) (1970)
    Paesaggio dopo la battaglia (Krajobraz po bitwie) (1970)
    Pilato e gli altri (Pilatus und andere) (1971)
    Le nozze (Wesele) (1972)
    La terra della grande promessa (Ziemia obiecana) (1974)
    La linea d'ombra (Smuga cienia) (1976)
    L'uomo di marmo (Człowiek z marmuru) (1976)
    Invito a entrare (Zaproszenie do wnetrza) (1978) documentario
    Senza anestesia (Bez znieczulenia) (1978)
    Le signorine di Wilko (Panny z Wilka) (1979)
    Direttore d'orchestra (Dyrygent) (1980)
    L'uomo di ferro (Człowiek z żelaza) (1981)
    Danton (1983)
    Un amore in Germania (Eine Liebe in Deutschland) (1983)
    Cronaca di avvenimenti amorosi (Kronika wypadków miłosnych) (1985)
    Dostoevskij - i demoni (Les possédes) (1988)
    Dottor Korczak (Korczak) (1990)
    Pierścionek z orłem w koronie (1992)
    Nastasja (1994)
    Wielki Tydzień (1995)
    Miss Nobody (Panna Nikt) (1996)
    Pan Tadeusz (1998)
    Wyrok na Franciszka Kłosa (2000)
    Broken Silence (Przerwane milczenie) (2002) documentario
    Zemsta - La Vendetta (Zemsta, 2002)
    Katyn (Katyn) (2008)
    Bibliografia
    (EN) Bibliografia su Wajda (via UC Berkeley)
    Altri progetti
    Commons
    Wikimedia Commons contiene file multimediali su Andrzej Wajda
    Collegamenti esterni
    (PL) Il sito ufficiale di Andrzej Wajda
    Portale Biografie
    Portale Cinema
    Portale Polonia

    Estratto da "http://it.wikipedia.org/wiki/Andrzej_Wajda"
    Categorie: Biografie | Registi polacchi | Registi teatrali polacchi | Sceneggiatori polacchi | Nati nel 1926 | Nati il 6 marzo | Premi Oscar alla carriera | Premi César per il miglior registaCategoria nascosta: BioBot

    « Torna al 6 Marzo


    Cerca compleanni per iniziale: a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 5
    Oppure per mese: Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre